Jobo cpe2

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11500
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Jobo cpe2

Messaggio da chromemax »

Non ho mai usato le sviluppatrici della Jobo e quindi non conosco direttamente la CPE2 ma non credo abbia un agitatore della camicia d'acqua, tranne il movimento causato dalla rotazione del drum (se non erro questa caratteristica è prerogativa dei modelli superiori CPA2 e CPP2). Penso che la peculiarità di queste sviluppatrici sia non tanto la precisione assoluta quanto la ripetibilità dei risultati, che poi è quella che più importa nel processo fotografico, entro certi limiti.
Non sono esperto, ma penso che il problema non sia tanto nella precisione dei componenti quali resistenze o termostati più o meno professionali, quanto nella gestione dell'isteresi del sistema: in teoria per circa 20 minuti di trattamento, con qualche centinaia di metri cubi d'acqua a temperatura dovrei essere al sicuro anche con delta termici "estremi"... si potrebbe affittare una corsia nella piscina comunale :)) :)) :))



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da paolob74 »

Paradossalmente è più sicura la piscina comunale per il discorso isteresi...

Muovi di un grado tutta la piscina!

Ma nella mia camera oscura in 5 minuti si scende di due gradi.

Considerando la ripetibilità del sistema potrebbe andare anche bene partire a 20 gradi e arrivare a 15 ma d'estate cosa faccio?

Altri test?

Nooooooooooooo =))

Ps... L'acqua nel modello cpe2 viene agitata tramite la rotazione delle tank... Forse...

Poi è anche divertente giocare con queste cose, no?

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Tecnico73 »

da possessore della cpe2 posso affermare che per lo sviluppo dei negativi o carta colore va benissimo, io sviluppo solo il 24x36 colore con ottimi risultati
Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Ottooooo »

paolob74 ha scritto: Vi garantisco che realizzare una macchina simile alla CPE 2 jobo è davvero molto complesso e costoso.
Solo per regolare la temperatura sarebbero necessari almeno 150 euro poi serve un agitatore per il movimento dell'acqua.
Serve un termoregolatore professionale, un relè statico della potenza adeguata e una resistenza (tipo acquario).
La sola resistenza garantisce una regolazione poco fine e avrebbe una escursione termica di 1 grado (prova fatta), troppo per lo sviluppo.
Poi serve un motore che movimenta l'acqua altrimenti si creano zone di acqua calda e zone fredde.
Manca ancora il motore a doppia regolazione per la movimentazione della tank con il relativo sistema di fissaggio...
Ultima cosa da non dimenticare è che lavoriamo con acqua e alto voltaggio, due cose davvero pericolose insieme.
Bisogna scaldare e raffreddare!
Non è accettabile.
Mmmm oddio... io vorrei cominciare giusto ora a svilupparmi i rulli b/w, ma credo che un grado di escursione sia assolutamente accettabile... se non lo fosse credo sarebbero un fallimento il 99% degli sviluppi casalinghi! Per quanto riguarda tank e fissaggio ci ho pensato un po'... io la butto li: bacinella con supporto di rotazione della jobo ancorato al fondo. Tank della jobo con incollata esternamente un pezzo di cinghia dentata per farla muovere. Cinghia dentata elastica con doppia funzione di trasmissione movimento e di ancoraggio della tank tramite due tendicinghia sui lati della bacinella, di cui uno in qualche maniera ripiegabile all'interno per liberare velocemente la tank. Il motore può essere un passo passo a corrente continua installato lateralmente o anche sotto la bacinella, governato magari da un qualche microcontroller e stepper economico, li il problema non c'è ormai coi microcontroller si fa di tutto. Se vuoi muovere l'acqua, piccola pompa a corrente continua tipo quelle da modding pc o da presepe e così eviti l'alto voltaggio ma non credo che la CPE le avesse. Idem per il raffreddamento, non mi pare la cpe lo faccia... si potrebbe in economia pensare a far passare l'acqua in uno scomparto con ghiaccio quando un sensore rileva temperature troppo alte...

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12636
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Silverprint »

Come detto le Jobo funzionano bene e di solito sono anche affidabili (escluso ATL-1, ne ho rotte due... salta la scheda di programmazione ed il chip non si trova più).
Ora non mi ricordo i modelli, ma su molte c'è anche il raffreddamento e la pompa di circolazione (credo anche sulla CPE-2).
Il raffreddamento è fatto prendendo acqua nuova, perciò funziona solo se dal rubinetto esce abbastanza fresca.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da paolob74 »

Ottttooooooo sei un grandeee!!!!!!

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Ottooooo »

paolob74 ha scritto:Ottttooooooo sei un grandeee!!!!!!
:)) no ma perchè! Non mi pare ci sia tutta questa scienza nelle cpe... secondo me la cosa più difficile è realizzare un sistema di accoppiamento motore/tank che permetta di estrarre/reinserire la tank in velocità per le operazioni di riempimento/svuotamento, il tutto utilizzando ovviamente prodotti economici e normalmente reperibili in commercio per mantenere la sostenibilità economica della cosa... stavo anche pensando in alternativa ad un sistema di trasmissione con vite infinita... magari quest'estate se mi avanzano soldini da buttare investo in plexigas, motore e qualche componente elettronico, chissà, dipende da quanto mi rimarrà la voglia di analogico :)

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da paolob74 »

La voglia di Analogico?

Sempre a manetta!

Per l'accoppiamento temo che la calamita sia la cosa più rapida.... E forse anche economica....

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Ottooooo »

paolob74 ha scritto: Per l'accoppiamento temo che la calamita sia la cosa più rapida.... E forse anche economica....
No non credo... sarebbe dura ottenere un legame abbastanza forte... a meno di usare magneti potenti, ma allora il problema al contrario diventa quello di staccare il tutto! Comunque eventualmente ci farò un pensiero quest'estate... nel frattempo qualcuno può consigliarmi una tank? Ne vorrei prendere una da due rulli 135 ma le jobo costano molto, le paterson o presunte tali si trovano in giro a molto meno spirali comprese ma c'è chi dice che perdono sistematicamente durante i ribaltamenti... altri sui forum online invece dicono che il problema è stato risolto negli ultimi lotti di produzione. Altrimenti ci sarebbero alcune simil paterson in giro ma non saprei se fidarmi...

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Jobo cpe2

Messaggio da Tecnico73 »

volevo mettere tutti i partecipanti al corrente di quello che ho sviluppato oggi:

efke 50 in rodinal 1+25 sviluppo manuale 6 minuti con la jobo cpe 2 ho ridotto i tempi del 15%, equivalente a 5,1 minuti lo sviluppo mi sembra moto buono, visto a occhio devo verificare sotto l'ingranditore,

sviluppo 5 minuti rotazione lenta
stop 1 minuto rotazione veloce
fix 7 minuti di cui 3 minuti rotazione lenta il restante tempo in rotazione veloce
lavaggio 5 minuti acqua corrente
lavaggio 5 minuti con bicarbonato di sodio con rotazione veloce
lavaggio finale 10 minuti acqua corrente

Rollei Superpan 200 in rodinal 1+25 sviluppo manuale 8 minuti meno il 15% 6,8 minuti ho sviluppato in 7 minuti per il resto tutto uguale come sopra, la cosa che mi è saltato subito all'occhio è un miglior fissaggio rispetto al procedimento manuale
Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi