KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
elimatilde
guru
Messaggi: 728
Iscritto il: 16/11/2012, 15:49
Reputation:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda elimatilde » 16/07/2014, 18:47

Ciao
Scrivo due mie personali righe riguardo allo sviluppo E6 casalingo. (in questo caso tetenal 3 bagni)
Costo prodotto 30 euro
Costo Jobo 220 euro (da secondhanddarkroom, compresa di tank serie 1500 ed una serie 2500, condizioni ottime)

Rullini sviluppati N° 10 da 35mm, N° 8 da 120, ed infine anche 4 lastre 4X5
Sviluppando presso laboratorio avrei speso, euro+ euro- : 130 euro (escluso lo sviluppo per le lastre, che in zona da me, manco a parlarne)
Quindi se non sbaglio i conti il pareggio dell'attrezzatura si ha gia con 2 kit di prodotto, ovvero con circa 40 rullini sviluppati.
Va da se che, almeno sappiamo che i chimici sono freschi ed il risultato è ripetitivo.
Oltremodo il sistema Jobo lo si utilizza volendo anche per il B/N ( io ci faccio le lastre 8X10.

Concludendo: conviene, un grazie a tutti quelli che hanno contribuito alla mia decisione di procedere nell'avventura. ( mediante spiegazioni varie, anche a domande semplici)

Ciao
Elia


.. Sbagliando s'impara....
........... Spero !!!!!....

Advertisement
Avatar utente
Emanuele
esperto
Messaggi: 145
Iscritto il: 10/02/2011, 16:19
Reputation:
Località: Siracusa

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda Emanuele » 21/07/2014, 23:50

Ciao a tutti.
Nell'ultima preparazione del kit Tetenal ho subito un infortunio inedito di cui non riesco a trovare la spiegazione.

Ho utilizzato tutto il kit in un'unica volta, preparando un litro di soluzione per ogni reagente. Son riuscito a fare tutti e dodici gli sviluppi, a due rulli per volta, nell'arco di circa tre settimane. Per le prime due sessioni non ho avuto particolari problemi; ma, a partire dalla terza, le diapositive hanno iniziato ad evidenziare una dominante magenta che è andata crescendo negli sviluppi successivi, fino ad essere molto marcata (vedi esempi allegati, prima e dopo correzione digitale). A questo problema si è aggiunto quello per cui la diapositive sono risultate, progressivamente, sempre più scure. :(
Ho usato prevalentemente pellicole Fuji Provia 100 e 400 e Velvia 100 ISO, ma ho trattato anche Agfa Precisa e Rollei CR 200, di cui una sottoesposta e pertanto tirata di +1 stop in fase di sviluppo. Ho conservato la soluzione del primo sviluppo in una bottiglia a soffietto, lasciandola in frigo a +7 °C tra una sessione e l’altra. Sono certo del controllo accurato della temperatura (variazione puntuale max +/- 0,2 °C) e sono stato attento ad evitare ogni tipo d’inquinamento (peraltro, non uso vaschette di miscelazione ma i trasferimenti tra tank e bottiglia avvengono direttamente). Ho prolungato i tempi attenendomi scrupolosamente alle indicazioni di Tetenal.
La mia impressione ho è che il primo sviluppo si sia esaurito prima del tempo.

Qualcuno può darmi una mano per capire cos'è successo?
Allegati
Eraclea Minoa 07 - 2014 copia.jpg
Corretta digitalmente.
Eraclea Minoa 07 tq - 2014 copia.jpg
Foto tal quale.
Eraclea Minoa 06 - 2014 copia.jpg
Corretta digitalmente.
Eraclea Minoa 06 tq - 2014 copia.jpg
Foto tal quale.


"C'è differenza tra una bella ed una buona fotografia. La prima risponde all'estetica, la seconda risponde alla realtà, al racconto veritiero di una storia, scolpita nella lingua della vita e non solo nella forma".
Gianni Berengo Gardin

Avatar utente
giofex
guru
Messaggi: 1376
Iscritto il: 22/08/2012, 10:33
Reputation:
Località: BRESCIA
Contatta:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda giofex » 22/07/2014, 7:01

Come hai conservato i chimici una volta diluiti?


ciao

Giorgio

Avatar utente
Emanuele
esperto
Messaggi: 145
Iscritto il: 10/02/2011, 16:19
Reputation:
Località: Siracusa

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda Emanuele » 22/07/2014, 10:45

Il flacone del primo sviluppo così come ho scritto. Gli altri in bottiglie in plastica da laboratorio, a temperatura ambiente, come ho sempre fatto. La soluzione di sbianca/ fissaggio la conservo in una bottiglia da 1,5 litri, per facilitarne l'ossigenazione.


"C'è differenza tra una bella ed una buona fotografia. La prima risponde all'estetica, la seconda risponde alla realtà, al racconto veritiero di una storia, scolpita nella lingua della vita e non solo nella forma".
Gianni Berengo Gardin

Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5093
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda -Sandro- » 22/07/2014, 11:21

I prodotti miscelati NON vanno conservati in frigorifero (e nemmeno quelli da diluire). La bassa temperatura facilita la cristallizzazione e la separazione dei componenti, che quindi rendono il bagno inefficace. Io li conservo a temperatura ambiente in bottiglie di vetro riempite di gas, e mi durano sino a 4 settimane, anche con le temperature ambientali estive, senza avere nessuno slittamento cromatico. Il problema è nello sviluppo cromogeno, non nel primo sviluppo, che è un comune sviluppo per bianco e nero, perché quest'ultimo, visto che agisce su tutti gli strati, può essere responsabile semmai di una sottoesposizione o di una sovraesposizione, senza alterare l'equilibrio dei colori. Quando invece appaiono dominanti significa che lo sviluppo cromogeno è alterato.
Per ridurre la dominante magenta (se avessi fatto una pellicola alla volta avresti potuto accorgertene prima), si può usare idrosolfito di sodio in soluzione di carbonato di sodio aggiunto allo sviluppo cromogeno.



Avatar utente
Emanuele
esperto
Messaggi: 145
Iscritto il: 10/02/2011, 16:19
Reputation:
Località: Siracusa

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda Emanuele » 22/07/2014, 11:28

Il cromogeno l'ho conservato a temperatura ambiente, in frigo ho messo solo il primo sviluppo.
Comunque, per correggere la dominante devo utilizzare idrosolfito o iposolfito di sodio? In che quantità? E che titolo deve avere la soluzione?


"C'è differenza tra una bella ed una buona fotografia. La prima risponde all'estetica, la seconda risponde alla realtà, al racconto veritiero di una storia, scolpita nella lingua della vita e non solo nella forma".
Gianni Berengo Gardin

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5093
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda -Sandro- » 22/07/2014, 13:00

Devi preparare una soluzione N1 di sodio idrosolfito (non iposolfito) ed una soluzione N/10 di sodio carbonato anidro.
Ne prelevi pari quantità e le mischi immediatamente prima dell'uso, poi aggiungi il miscelato in ragione dell'1% al secondo sviluppo. Maggiore è la dominante magenta, maggiore deve essere il quantitativo aggiunto (non ho letto di un limite superiore).



Avatar utente
Emanuele
esperto
Messaggi: 145
Iscritto il: 10/02/2011, 16:19
Reputation:
Località: Siracusa

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda Emanuele » 22/07/2014, 14:06

OK, grazie, alla prossima preparazione (ormai, a fine estate) farò la prova, ti farò sapere. Nel frattempo cercherò di procurarmi i reagenti.


"C'è differenza tra una bella ed una buona fotografia. La prima risponde all'estetica, la seconda risponde alla realtà, al racconto veritiero di una storia, scolpita nella lingua della vita e non solo nella forma".
Gianni Berengo Gardin

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5093
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda -Sandro- » 22/07/2014, 14:17

Tieni solo presente che l'idrosolfito di sodio (o sodio ditionito) si decompone immediatamente in soluzione, quindi la preparazione deve essere fatta immediatamente prima dell'uso. Ricorda anche che questo composto ha un odore tremendo che appesta la casa per giorni, quindi usa flaconi accuratamente sigillati per conservarlo.



Avatar utente
Aleksej6
guru
Messaggi: 472
Iscritto il: 14/12/2012, 17:09
Reputation:
Località: Ceriale (SV)
Contatta:

Re: KIT TETENAL PER DIAPOSITIVE

Messaggioda Aleksej6 » 09/10/2014, 16:57

Emanuele ha scritto:Ciao a tutti.
Nell'ultima preparazione del kit Tetenal ho subito un infortunio inedito di cui non riesco a trovare la spiegazione.

Ho utilizzato tutto il kit in un'unica volta, preparando un litro di soluzione per ogni reagente. Son riuscito a fare tutti e dodici gli sviluppi, a due rulli per volta, nell'arco di circa tre settimane. Per le prime due sessioni non ho avuto particolari problemi; ma, a partire dalla terza, le diapositive hanno iniziato ad evidenziare una dominante magenta che è andata crescendo negli sviluppi successivi, fino ad essere molto marcata (vedi esempi allegati, prima e dopo correzione digitale). A questo problema si è aggiunto quello per cui la diapositive sono risultate, progressivamente, sempre più scure. :(
Ho usato prevalentemente pellicole Fuji Provia 100 e 400 e Velvia 100 ISO, ma ho trattato anche Agfa Precisa e Rollei CR 200, di cui una sottoesposta e pertanto tirata di +1 stop in fase di sviluppo. Ho conservato la soluzione del primo sviluppo in una bottiglia a soffietto, lasciandola in frigo a +7 °C tra una sessione e l’altra. Sono certo del controllo accurato della temperatura (variazione puntuale max +/- 0,2 °C) e sono stato attento ad evitare ogni tipo d’inquinamento (peraltro, non uso vaschette di miscelazione ma i trasferimenti tra tank e bottiglia avvengono direttamente). Ho prolungato i tempi attenendomi scrupolosamente alle indicazioni di Tetenal.
La mia impressione ho è che il primo sviluppo si sia esaurito prima del tempo.

Qualcuno può darmi una mano per capire cos'è successo?



Sul libretto di istruzione Tetenal c'è scritto che le soluzioni scadono in due settimane, e tu scrivi che hai usato le soluzioni in tre settimane; questo potrebbe essere il problema.





  • Advertisement

Torna a “Colore - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti