la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5683
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda -Sandro- » 22/06/2015, 16:08

Mi duole dirlo caro Renzo, ma l'unico modo decente di fotografare uccelli in volo è il digitale, con un autofocus reattivo (= macchine costose), adeguati supertele, un appropriato addestramento avifaunistico, e tanta, tanta pazienza. Poi però le foto sono tutte uguali, e vengono alla "juza", ossia stucchevoli, anche perché escono begette e vanno ringalluzzite al piccì.
Quando avrai fotografato il falco, sarà uguale alla poiana, al merlo, alla sterpazzola, alla beccaccia, al cormorano. Alla fine si diventa collezionisti di figurine.
E parlo per esperienza (passata) personale. Con la pellicola certe cose è meglio laciarle perdere, ed è forse l'unico caso, quello faunistico, ove un automatismo ha veramente senso. Poi però Dio ci salvi dagli aironi bianchi orrendamente sottoesposti e col cielo color carta zucchero perché l'automatismo lo ha visto come grigio medio e la correzione automatica dell'esposizione non ha funzionato...e la nitidezza è una chimera di photoshop.



Advertisement
Avatar utente
renzo1165
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 28/04/2015, 23:29
Reputation:
Località: Ancona e Perugia non sono lontane

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda renzo1165 » 22/06/2015, 16:40

Sandro
quello del "falco" è il primo esempio che mi è venuto...non avrei potuto fare una scelta più infelice :-)
il fatto è che una coppia di rapaci si è insediata, e caccia, su di una cima che frequento, la foto del piumaggio mi sarebbe utile per individuare la specie. Purtroppo è un animale molto "riservato" e si fa vedere solo quando vado con lo smartphone, se mi presento con binocolo, tele,...resta nel bosco.
Grazie per i consigli e
un saluto da
renzo



Avatar utente
Mr Mario
appassionato
Messaggi: 27
Iscritto il: 13/11/2014, 13:15
Reputation:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda Mr Mario » 22/06/2015, 17:23

-Sandro- ha scritto:Io invece sostengo che il tempo impiegato a "padroneggiare gli automatismi" è tempo sprecato. Meglio studiare seriamente altre cose, tramite le quali, poi, degli automatismi non importerà più nulla. Ma all'inizio non lo si sa, il guaio è questo.

Non posso certo darti torto ma non me la sentirei di essere così categorico. Dopotutto la modalità semiautomatica è una semplice operazione matematica che la macchina fa per te. Io scatto senza pregiudizio sia in manuale che semiautomatico a seconda delle occasioni non per incapacità ma per scelta. Non sempre si ha tanto tempo a disposizione ed essere tempestivi è importante. Forse sbaglio, non lo so, di certo non sono tra i più bravi, ma ho imparato a gestire tutte le situazioni e credo sia un bene.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5683
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda -Sandro- » 22/06/2015, 19:01

Mr Mario ha scritto:
-Sandro- ha scritto:Io invece sostengo che il tempo impiegato a "padroneggiare gli automatismi" è tempo sprecato. Meglio studiare seriamente altre cose, tramite le quali, poi, degli automatismi non importerà più nulla. Ma all'inizio non lo si sa, il guaio è questo.

Non posso certo darti torto ma non me la sentirei di essere così categorico. Dopotutto la modalità semiautomatica è una semplice operazione matematica che la macchina fa per te. Io scatto senza pregiudizio sia in manuale che semiautomatico a seconda delle occasioni non per incapacità ma per scelta. Non sempre si ha tanto tempo a disposizione ed essere tempestivi è importante. Forse sbaglio, non lo so, di certo non sono tra i più bravi, ma ho imparato a gestire tutte le situazioni e credo sia un bene.


Guarda, finché si tratta di una priorità di tempo/diaframma ci può stare, ma quando la macchina comincia a dissezionare la scena in tante porzioni ed applica misteriosi algoritmi per suggerire l'esposizione "corretta" allora non mi sta bene.
La correzione esposizione è quella stronzata che una volta si attivò distrattamente in borsa sulla mia F1 mentre ero a santorini e che mi bruciò mezzo rullo di diapositiva. Per fortuna me ne accorsi e tornai sui miei passi per rifare le foto, bestemmiando per il caldo mostruoso che faceva colà. Più le macchine sono complicate più si rischia di sbagliare, non tutti ci vedono alla perfezione e si ricordano di controllare ogni volta che tutte le varie impostazioni siano al loro posto.
Preferisco diecimila volte una macchina che abbia soltanto due controlli: tempo di scatto ed apertura diaframma, con quella ed un esposimetro esterno oramai sono sicuro di portare a casa sempre le foto.
Per il falco mi scuso, ho cavalcato la questione travisando un pò, ma anni di fotografia naturalistica e foto posticce mi hanno provato assai.



Advertisement
Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 681
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda emmeffepi » 22/06/2015, 23:18

renzo1165 ha scritto: la mia prima fotocamera seria è stata una Minolta SR7


Bella la SR7 (il "Tank")...ne ho una del 1963 con rokkor 45/2 e 55/1,7 PG...la prima reflex in assoluto con esposimetro CdS interno (collegato alla ghiera dei tempi per cui impostandone uno ti restituiva il diaframma da impostare...la prima reflex a priorità dei tempi...)

Fine OT


Massimiliano

Avatar utente
renzo1165
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 28/04/2015, 23:29
Reputation:
Località: Ancona e Perugia non sono lontane

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda renzo1165 » 22/06/2015, 23:32

anche io ho tenuto la SR7, Rokkor 58/1.4, è stata di mio padre, poi mia per diversi anni...fine OT :)



Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1933
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda NikMik » 23/06/2015, 14:05

Mr Mario ha scritto:Quindi dice bene Sandro: sono due strade diverse per raggiungere lo stesso scopo. Ma sono d'accordo anche con Nik: padroneggiare gli automatismi non è così banale!!


Che consti per i posteri: dicevo che per padroneggiare gli automatismi bisogna essere molto bravi, ma dicevo anche che se si è molto bravi difficilmente si useranno automatismi... ergo, anch'io sono d'accordo con Sandro...e spesso lo sono a prescindere! (come diceva Totò).
Mi viene però in mente un caso in cui saper usare la compensazione dell'esposizione è davvero indispensabile: quando si ha in mano per qualche motivo (certo sbagliato!) una macchina che espone soltanto in automatismo. Magari è una compattina program o a qualche priorità che portiamn come secondo corpo di riserva per salvare la schiena e che a un certo punto ci serve. Se con quella si fotografa un soggetto un po' in controluce bisogna correggere l'esposizione (dando più luce alla pellicola) per non sbagliare la fotografia. Ecc. La compatta Olympus XA, per esempio, aveva una levetta che consentiva di dare uno stop e mezzo in più. In ogni caso, anche se certe compatte automatiche non hanno questo tipo di raffinatezze (o se uno stop e mezzo non ci basta), si possono sempre intenzionalmente starare gli ASA di quanto si vuole per ottenere quell'in più o in meno di luce che vogliamo e compensare comunque l'esposizione secondo il nostro volere. In ogni caso si torna sempre lì: se si sa esporre si sa anche usare la compensazione dell'esposizione.



Avatar utente
Lastra80
esperto
Messaggi: 216
Iscritto il: 09/02/2016, 12:48
Reputation:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda Lastra80 » 14/03/2016, 22:33

Ma se uno non ha tempo per per misurare la scena e es.deve fotografare diciamo al volo un soggetto in ombra con sfondo invecce illuminato da luce forte, che sistema di misurazione dell'esposizione consiglereste:
Il matrix sovraesponendo per quanti stop ti sembri giusto, semispot o spot??
Premetto che io a meno vhe non faccia paesaggi o cose statiche tendo a usare il matrix che a meno che non ci sia un basso contrasto non ci dà quasi mai!!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11622
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda Silverprint » 14/03/2016, 22:44

L'esposizione dovresti averla sempre pronta.

Il Matrix, in scene di alto contrasto sbaglia tranquillamente anche di 4 stop...

Un comune errore è quello di esporre per l'inquadratura invece che per la situazione. Poi ci si ritrova con un tot di foto fatte tutte nello stesso posto e nello stesso momento esposte ognuna diversamente: un delirio (specialmente dopo, in camera oscura).
A quel punto meglio una farlocchissima misurazione in luce indecente, che almeno le sbaglia tutte nello stesso modo. :D

NB. Ovviamente lavorare in automatico rende pazzo chi dopo deve stampare.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lastra80
esperto
Messaggi: 216
Iscritto il: 09/02/2016, 12:48
Reputation:

Re: la compensazione dell'esposizione è veramente utile?

Messaggioda Lastra80 » 14/03/2016, 22:53

Silverprint ha scritto:L'esposizione dovresti averla sempre pronta.

Il Matrix, in scene di alto contrasto sbaglia tranquillamente anche di 4 stop...

Un comune errore è quello di esporre per l'inquadratura invece che per la situazione. Poi ci si ritrova con un tot di foto fatte tutte nello stesso posto e nello stesso momento esposte ognuna diversamente: un delirio (specialmente dopo, in camera oscura).
A quel punto meglio una farlocchissima misurazione in luce indecente, che almeno le sbaglia tutte nello stesso modo. :D

NB. Ovviamente lavorare in automatico rende pazzo chi dopo deve stampare.
quindi mi dovrei abituare a scattare tutto in spot e il manuale ......a questo punto forse fallirei meno scatti :-? Ultimamente mi escono paesaggi che sembrano "velati" sicuramente dovuti alla estrema densità data dalla sottoesposizione.





  • Advertisement

Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite