Laborator 1200

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
dannieledz
esperto
Messaggi: 202
Iscritto il: 04/11/2012, 13:29
Reputation:
Località: Pescara

Laborator 1200

Messaggioda dannieledz » 12/01/2013, 22:19

Ciao a tutti. L'ingranditore in questione l'ho sempre usato per stampare solo il 35mm, ignorando qualsiasi tipo di settaggio; quando lo comprai, in aggiunta mi diedero altri pezzi dicendomi che mi sarebbero stati utili per altri formati. Dato che prossimamente ho la possibilità di fare dei rulli da 120,e mi piacerebbe svilupparli e stamparli da me, è possibile con questa attrezzatura? Se sì come? Vi allego delle foto.
Mi sapete aiutare?
Grazie in anticipo a tutti.
Daniele.
Allegati
1.jpg
2.jpg
3.jpg
4.jpg
5.jpg
6.jpg
7.jpg



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Laborator 1200

Messaggioda Silverprint » 13/01/2013, 0:04

Ciao Daniele!

Sì, col 1200 (macchina eccellente) è possibile stampare fino al 10x12.

Ti servono varie cose, mi pare ci sia tutto o quasi.

Innanzi tutto ci sono due configurazioni base possibili, quella che vedo montata, con il "Milone" (adattatore girevole) ed i condensatori serie Bimacon XX e porta negativi Bimaneg. E quella con il Femocap con inseriti i condensatori serie Femocon XX ed i porta-negativi Femoneg.

Con il Milone + Bimacon XX + Bimaneg si può fare dal 35mm fino al 6x9.
Con il Femocap + Femocon XX + Femoneg si può fare dal 35mm fino al 10x12.

Quindi fino al 6x9 puoi usare la serie Bima...xx.
In foro vedo le mascherine per il 6x4,5 e per il 6x7, volendo ci sono anche quelle per il 6x6 e per il 6x9, ma secondo me il medio formato è meglio stamparlo con i vetrini. Se non li hai si chiamano Bimagla, quello inferiore e Bimagla AN (anti-newton) quello superiore.

I condensatori serie Bimacon sono 3, Bimacon 75, Bimacon 80 e Bimacon 50 (una singola lente da mettere sopra il Bimacon 80) e vanno così (se ricordo bene, io ho la serie Femocon)):

- obbiettivo 50 mm (24x36) Bimacon 80 + Bimacon 50
- obbiettivo 80 mm (6x4,5 e 6x6) Bimacon 75
- obbiettivo 100 mm (6x7 e 6x9) Bimacon 80

Il bimacon 80 dovrebbe funzionare anche con vari 80 mm però.


Per rimuovere il Milone e mettere il Femocap (per il 10x12, nel tuo caso), devi prima togliere il condensatore (Bimacon), poi le 4 viti che lo fermano, 2 sono frontali col "pirulino", 2 sono dietro (ci puoi mettere quelle col pirulino che son più comode) e tirare verso di te i fermi superiori (quelle slitte cromate che sono in alto). Poi tirare delicatamente verso di te avendo cura che la parte superiore esca dalla sede, superiormente c'è un soffiettino che sorregge una base circolare e le tiene in sede. Il Femocap è sostenuto solo dalle summenzionate slitte cromate, davanti ha uno sportellino apribile dove si infilano i Femocon.

Se servono chiarimenti non ti far scrupoli...

On line credo che si dovrebbe trovare il manuale (magari non del Milone che è un po' raro).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Laborator 1200

Messaggioda Silverprint » 13/01/2013, 7:54

Ti servirà poi un obiettivo adatto 80 mm (fino al 6x6) o 100mm (fino al 6x9), ed una piastra porta-obiettivo piana che si chiama Lapla xx. Di solito gli obbiettivi recenti 80-100 hanno filettatura 39 e quindi la Lapla da prendere è la Lapla 39, ma si trovano anche obiettivi più anziani, meno luminosi e più piccini con filettatura 25 che si montano con la Lapla 25.

Quando cambi formato/obiettivo è necessario provvedere ad un nuovo centraggio della lampada.
Sulla sinistra della testa hai i registri. Se apri la sede della lampada (da sopra) vedi cosa succede girandoli, uno sposta la lampada avanti e indietro, l'altro la bascula. Puoi inoltre infilare il porta-lampada più o meno profondamente nella sua sede per meglio adattarti alla forma della lampada in uso, aprendo lo sportello laterale dei registri.
Il basculaggio e la variazione di inserimento del porta-lampade servono a centrare il bulbo sull'asse ottico e di norma andrebbero regolati quando si cambia lampadina; il registro principale è quello che sposta la lampada avanti e indietro. La posizione della lampada si regola ad occhio, spostandola finché sul piano base non viene proiettato un fascio di luce uniforme.

Io procedo così: dopo aver messo l'obiettivo e la maschera del formato da stampare, sposto la lampada indietro, cioè l'allontano dallo specchio, in questa posizione di solito il fascio luminoso non è uniforme ed è più scuro agli angoli, a questo punto regolo il basculaggio e l'inserimento della lampada in modo che gli angoli del fascio proiettato siano il più uguale possibile tra di loro; una volta centrata la lampada la avvicino allo specchio finché la luminosità non diventa uniforme. Il fascio luminoso va regolato con l'obiettivo alla massima apertura.

È più facile a farsi che a dirsi... prova e vedi! :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Re: Laborator 1200

Messaggioda torla91 » 13/01/2013, 13:36

Ma cosa fumavano quelli della durst quando davano i nomi agli accessori :) ?



Advertisement
Avatar utente
dannieledz
esperto
Messaggi: 202
Iscritto il: 04/11/2012, 13:29
Reputation:
Località: Pescara

Re: Laborator 1200

Messaggioda dannieledz » 13/01/2013, 15:32

^:)^ Onorato della tua disponibilità

Partiamo dal fatto che vorrei cercare di toccare meno cose possibili, dato il mio terrore di non saper rimettere a posto.
Silverprint ha scritto:I condensatori serie Bimacon sono 3, Bimacon 75, Bimacon 80 e Bimacon 50 (una singola lente da mettere sopra il Bimacon 80) e vanno così (se ricordo bene, io ho la serie Femocon)):

- obbiettivo 50 mm (24x36) Bimacon 80 + Bimacon 50
- obbiettivo 80 mm (6x4,5 e 6x6) Bimacon 75
- obbiettivo 100 mm (6x7 e 6x9) Bimacon 80

Il bimacon 80 dovrebbe funzionare anche con vari 80 mm però.
[...]
Ti servirà poi un obiettivo adatto 80 mm (fino al 6x6) o 100mm (fino al 6x9), ed una piastra porta-obiettivo piana che si chiama Lapla xx. Di solito gli obbiettivi recenti 80-100 hanno filettatura 39 e quindi la Lapla da prendere è la Lapla 39, ma si trovano anche obiettivi più anziani, meno luminosi e più piccini con filettatura 25 che si montano con la Lapla 25.

Sull'ingranditore leggo solo Bimacon 80, ed ho montato un obiettivo 50mm, quindi dovrei cambiare poco o niente per cambiare formato? Dato che mi sono procurato (in prestito) anche un obiettivo 80mm, sapendo che sarebbe servito col medio formato, ma se ricordo bene mi dicevano che la filettatura era la stessa.

Silverprint ha scritto:Quindi fino al 6x9 puoi usare la serie Bima...xx.
In foro vedo le mascherine per il 6x4,5 e per il 6x7, volendo ci sono anche quelle per il 6x6 e per il 6x9, ma secondo me il medio formato è meglio stamparlo con i vetrini. Se non li hai si chiamano Bimagla, quello inferiore e Bimagla AN (anti-newton) quello superiore.

Ma i vetrini o le mascherine, dove vanno inseriti?

Silverprint ha scritto:È più facile a farsi che a dirsi... prova e vedi!

Ok, aspetto di combinare qualche guaio, e poi mi faccio sentire. :))

Ti ringrazio di cuore per la disponbilità.
Daniele.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Laborator 1200

Messaggioda Silverprint » 13/01/2013, 15:41

La stessa roba strana di quelli Leitz! :))

Comunque sono quasi decifrabili. Ad un certo punto diedero un nomignolo ad ogni serie di ingranditori, per esempio l'805 e altri 6x9 Bima e il 1200 Femo, gli Optigon 13x18 si chiamano Opto, il 1300 Trino, il 1840 Lara :x , il 605 Sirio... etc.

Quindi gli accessori delle varie serie hanno come nome iniziale quello dell'ingranditore, per es Femo-qualcosa quelli del 1200. E fin qui sarebbe facile, i condensatori del 1200 si chiamano femocon, il porta-negativi Femoneg, I diffusori Femobox, etc...
Le cose però si complicano quando alcune cose possono essere montate su più ingranditori di serie diverse, per esempio i condensatori o i diffusori serie Bima (805) sul 1200 (Femo) e vengono fuori nomi misteriosissimi tipo l'adattatore girevole che si chiama Milone, invece di Febi o Bife, per es! Forse a qualcuno di loro dopo la fumata Milone suonava bene o forse dopo la terribile esperienza del famigerato Laratrino (è l'adattatore per usare le mascherine del porta-negativi 13x18 sul 20x15 :)) ) hanno preferito nomi di fantasia! :))
Per facilitare le cose poi ci sono anche i nomi "sbagliati", per esempio il sistema di registro della lampada del 1200 che si chiama Bimacap... e non, che ne so, Femoreg! =))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Laborator 1200

Messaggioda Silverprint » 13/01/2013, 15:56

Per Daniele,

Il 1200 è robustissimo e semplice, smonta tranquillo (meriterebbe una bella pulita ;) ), basta come sempre non forzare.

- Montaggio obiettivo: la filettatura potrebbe essere la stessa, oppure no, ad ogni modo la piastra per il 50 mm è rientrante, quella per gli obiettivi più lunghi non lo è. Puoi usare anche la piastra rientrante (setopla), ma l'estensione del soffietto risulterà ridotta, comunque con l'80 o il 100 non pone grosse limitazioni, è solo un po' più scomoda.

- Mascherine e vetrini vanno inseriti sul Bimaneg e si infilano a slitta... Devi premere il vetrino o la mascherina verso la molla e poi alzare il bordo dal lato dei fermi fino a farglieli scavalcare. È semplicissimo.

- Bimacon 80. Se usavi il 50 mm sopra il Bimacon 80 dovrebbe essere montato il Bimacon 50 (è una lente singola in un telaietto). Il Bimacon 50 è semplicemente appoggiato sopra il Bimacon 80. Per usare l'80 mm devi rimuovere il Bimacon 50. Per farlo devi estrarre il Bimacon 80 che è tenuto in posizione da 4 pernetti bloccati dalle due slitte cromate piccine.
Quindi devi tirare verso di te le due slitte cromate e poi il condensatore cadrà :-o ... quindi dopo aver tirato la prima slitta lo tieni con la mano, poi tiri l'altra e ti rimane in mano. :ymdevil:


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
torla91
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 20/08/2012, 14:21
Reputation:

Re: Laborator 1200

Messaggioda torla91 » 13/01/2013, 17:22

Silverprint ha scritto:La stessa roba strana di quelli Leitz! :))

Comunque sono quasi decifrabili. Ad un certo punto diedero un nomignolo ad ogni serie di ingranditori, per esempio l'805 e altri 6x9 Bima e il 1200 Femo, gli Optigon 13x18 si chiamano Opto, il 1300 Trino, il 1840 Lara :x , il 605 Sirio... etc.

Quindi gli accessori delle varie serie hanno come nome iniziale quello dell'ingranditore, per es Femo-qualcosa quelli del 1200. E fin qui sarebbe facile, i condensatori del 1200 si chiamano femocon, il porta-negativi Femoneg, I diffusori Femobox, etc...
Le cose però si complicano quando alcune cose possono essere montate su più ingranditori di serie diverse, per esempio i condensatori o i diffusori serie Bima (805) sul 1200 (Femo) e vengono fuori nomi misteriosissimi tipo l'adattatore girevole che si chiama Milone invece di Febi o Bife, per es! Forse a qualcuno di loro dopo la fumata Milone suonava bene o forse dopo la terribile esperienza del famigerato Laratrino (è l'adattatore per usare le mascherine del porta-negativi 13x18 sul 20x15 :)) ) hanno preferito nomi di fantasia! :))
Per facilitare le cose poi ci sono anche i nomi "sbagliati", per esempio il sistema di registro della lampada del 1200 che si chiama Bimacap... e non, che ne so, Femoreg! =))


Mioddio! Hahahahaha



Avatar utente
dannieledz
esperto
Messaggi: 202
Iscritto il: 04/11/2012, 13:29
Reputation:
Località: Pescara

Re: Laborator 1200

Messaggioda dannieledz » 13/01/2013, 17:56

Per la cronaca, su una scatola dove c'erano i pezzi che ho postato, c'era scritto a pennarello Milone; pensavo fosse un cognome... :-o
Andrea, grazie mille. Appena torno in camera oscura faccio le prove.





  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite