Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5778
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da -Sandro- »

Puoi mischiare tutto, non c'è pericolo di nessuna reazione indesiderata.



Avatar utente
elimatilde
guru
Messaggi: 730
Iscritto il: 16/11/2012, 15:49
Reputation:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da elimatilde »

Ciao
Grazie, visto che l'ecocentro lo ho relativamente vicino, farò così.
Saluti
Elia
.. Sbagliando s'impara....
........... Spero !!!!!....

Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 94
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da riccardo1982 »

Avevo letto di qualcuno che li lascia evaporare all'esterno, forse ci si sente meno in colpa?

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5778
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da -Sandro- »

riccardo1982 ha scritto:Avevo letto di qualcuno che li lascia evaporare all'esterno, forse ci si sente meno in colpa?
Perché? Ciò che evapora è solo acqua, quel che resta nel bidone è una quantità irrisoria di polverina, che per raggiungere il peso di un chilo impiega diverse decine di anni.
Certo, non devi metterlo all'aria aperta, dove chiunque possa entrare in contatto con i residui, ma ad esempio, in un sottotetto.

Avatar utente
mazurka14
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 10/11/2014, 21:14
Reputation:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da mazurka14 »

i laboratori fotografici devo smaltire per legge i loro rifiuti speciali attraverso ditte specializzate e certificate preposte a tale compito. Avendo una partita IVA, per legge sono soggette a compilare sulla scheda Sistri i codici (CER) e quantità.

Qui sotto i codici :
09RIFIUTI DELL'INDUSTRIA FOTOGRAFICA
09 01 rifiuti dell'industria fotografica
090101* soluzioni di sviluppo e attivanti a base acquosa
090102* soluzioni di sviluppo per lastre offset a base acquosa
090103* soluzioni di sviluppo a base di solventi
090104* soluzioni fissative
090105* soluzioni di lavaggio e soluzioni di arresto-fissaggio
090106* rifiuti contenenti argento prodotti dal trattamento in loco di rifiuti fotografici
090107 carta e pellicole per fotografia, contenenti argento o composti dell'argento
090108 carta e pellicole per fotografia, non contenenti argento o composti dell'argento
090110 macchine fotografiche monouso senza batterie
090111* macchine fotografiche monouso contenenti batterie incluse nelle voci 16 06 01, 16 06 02 o 16 06 03
090112 macchine fotografiche monouso diverse da quelle di cui alla voce 09 01 11
090113* rifiuti liquidi acquosi prodotti dal recupero in loco dell'argento, diversi da quelli di cui alla voce 09 01 06
090199 rifiuti non specificati altrimenti

I rifiuti contrassegnati nell'elenco con un asterisco * sono rifiuti pericolosi ai sensi della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi.

Presumo che il privato cittadino per legge non debba sottostare a tale obbligo di registrazione (Sistri), ma altresì attenersi ad un corretto smaltimento sempre e comunque. Ho certezza che le identiche aziende specialistiche nello smaltimento, possono effettuare (dietro pagamento cmq irrisorio) lo smaltimento anche per i privati. Altri metodi
(water, evaporazione, etc) sono da considerarsi non idonei.
"Lucido" è quando credi soltanto alla metà delle cose che ti dicono. "Brillante" è quando sai a quale metà credere...

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da isos1977 »

Di questo argomento si è già discusso molto.

La legge e le modalità operatica sono chiare per le imprese, mentre i privati che utilizzano certi prodotti si trovano un po' in un'area grigia. In teoria le isole ecologiche dovrebbero ritirare tutto, ma in pratica non è così. Andare da una ditta di smaltimento per un privato è impensabile (per i costi e perchè le quantità sono insignificanti rispetto a quelle di un'impresa)


l'evaporazione, in sè, non è illegale. Se a fare evaporazione è un'impresa, deve avere un'autorizzazione alle emissioni. Un privato no (a maggior ragione se l'evaporazione viene fatta in un ambiente chiuso...)

certo, in teoria, quel grammo o Kg di residuo poi andrebbe smaltito come rifiuto pericoloso... ma quel residuo, secondo me, qualsiasi isola ecologica dovrebbe prenderlo
"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
fabriziog
guru
Messaggi: 1041
Iscritto il: 06/06/2011, 11:05
Reputation:
Località: Paese, Treviso

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da fabriziog »

Sia l'isola ecologica dove abitavo fino a qualche mese fa, sia quella del nuovo paese non hanno problemi a ritirare le soluzioni. Basta non arrivare con una tanica da 50litri altrimenti diventa anche difficile credere che sia un privato. Io porto il tutto in normalissime bottiglie di plastica. Farò un giro ogni 2/ 3 settimane e porto 5-6 bottiglie alla volta.
Io porto al centro tutte le chimiche usate, rivelatore, arresto e fix. Solo l'acqua del lavaggio non porto all'eco centro.

Avatar utente
mazurka14
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 10/11/2014, 21:14
Reputation:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da mazurka14 »

come sempre la normativa ha falle da tutte le parti... all'italiana insomma. Nella mia isola ecologica se porto i chimici e gli dico che sono esausti da lavorazioni fotografiche, non me li ritirano. Se gli dico che sono detersivi che utilizzo per pulire antichi mobili dopo il restauro, li accettano! :) Meno male, anche se ragionandoci sopra, non oso pensare quale sia l'iter di
smaltimento. Per questo sono in contatto con una ditta specializzata della zona che recupera le scorie di saldatura ad onda
della mia azienda. Ho parlato con un responsabile e sembra che sia possibile la procedura di ritiro anche dai privati.
Il costo stimato è di circa 120€ all'anno (2 ritiri semestrali) per circa 30/50 litri di sviluppo/stop/fix. In coscienza credo sia la soluzione migliore.
"Lucido" è quando credi soltanto alla metà delle cose che ti dicono. "Brillante" è quando sai a quale metà credere...

Avatar utente
franzcalab
guru
Messaggi: 310
Iscritto il: 11/03/2013, 20:49
Reputation:
Località: S. Lazzaro di Savena (BO)

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da franzcalab »

Anche in provincia di Bologna nessun problema per lo smaltimento.

Soltanto una volta un operatore della stazione ecologica non voleva ritirarli (probabilmente perchè era la prima volta che sentiva parlare di "chimici fotografici"), ma, dopo avergli fatto presente che li avevo portati altre volte e che rientravano nella categoria "prodotti e contenitori con sigle T/F", ha consultato il regolamento, ha trovato la voce "prodotti fotochimici" e li ha accettati indicando come unica limitazione la quantità: 5 Kg. alla settimana.

Un consiglio: alcune volte, alla stazione ecologica, mi hanno chiesto di vedere le etichette dei prodotti. Portandoli in contenitori differenti da quelli originali, conviene, quando possibile, attaccarci sopra le etichette originali.
Ciao.
Francesco

Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Lavaggio e smaltimento materiale sviluppo

Messaggio da bafman »

mazurka14 ha scritto:Presumo che il privato cittadino per legge non debba sottostare a tale obbligo di registrazione (Sistri), ma altresì attenersi ad un corretto smaltimento sempre e comunque
mazurka14 ha scritto:Nella mia isola ecologica se porto i chimici e gli dico che sono esausti da lavorazioni fotografiche, non me li ritirano. Se gli dico che sono detersivi che utilizzo per pulire antichi mobili dopo il restauro, li accettano! :) Meno male
che dire...

Rispondi