lo zoccolo duro della realtà

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1911
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda NikMik » 14/10/2016, 19:31

SO bene di fare una considerazione naif.
Vedo che McCurry aggiusta le sue foto di strada in post produzione togliendo e aggiungendo persone a suo piacimento.
La cosa mi fa incazzare.
Poi mi chiedo: ma perché indignarsi? La fotografia non è riproduzione della realtà, all'artista è concesso tutto, l'importante è che la fotografia funzioni.
Non sono del tutto d'accordo, ma non so argomentarlo bene.
Direi che, LIMITATAMENTE ALLA FOTOGRAFIA DI REPORTAGE, O STREET, ci sia un patto implicito che lega il fotografo a chi vede la fotografia. Una sorta di zoccolo duro della realtà che non SI PUÒ alterare senza violare questo patto. Scurire, schiarire, maschera, brucia, ecc. ok. Ma togliere persone che c'erano, spostare lampioni... mi pare una cosa diversa che scurire il cielo, su un piano etico.
Insomma, se vado al ristorante e chiedo un pollo fatto alla superchef, elaboratissimo, ecc., va bene tutto: ma di partenza bisogna che nel piatto ci sia del pollo. Se invece era un gatto, o sia dal sapore di pollo, allora non va bene, è frode alimentare.
In fotografia di strada, se tu mi dici, e intitoli, che quella è una veduta di una strada dell'Havana, e ci sono tre persone che camminano, e poi scopro che ce l'hai aggiunte in post produzione, qualcosa non mi torna più...



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5645
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda -Sandro- » 14/10/2016, 20:06

Nicola, il tuo è un rigurgito acido dello stomaco. Prenditi un maloox, e non pensarci più. :)



Chri.bo
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/05/2014, 14:58
Reputation:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda Chri.bo » 14/10/2016, 20:07

Il dramma è che da McCurry non me lo aspettavo, per di più se devi "barare" almeno fallo bene...



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5645
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda -Sandro- » 14/10/2016, 20:53

Si invecchia, i soldi finiscono, le capacità di un tempo si assottigliano. E non si vuole rinunciare al tenore di vita. La cosa non mi stupisce affatto. Rimanere coerenti invecchiando è la cosa più difficile del mondo.



Advertisement
vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda vngncl61 II° » 14/10/2016, 21:19

NikMik ha scritto: Se invece era un gatto, ...


Smetti di frequentare ristoranti vicentini, e tutto s'aggiusta :D
Aggiungere, o togliere, in fotografia, sin dagli albori, lo si è sempre fatto, vedi presa di Porta Pia, o sgraditi a Stalin & Co., l'etica, e la morale, in molti casi, sono solo chiacchiericcio tra "filosofi", è da parecchio che apparire è molto meglio di essere, in fotografia lo è sempre stato.
Non ho mai pensato alla fotografia come rappresentazione, solo come interpretazione, e l'interpretazione, si sa, è soggettiva, cancellare, virtualmente, è più grave di dar credito ad un'immagine, qualsiasi essa sia?


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
adrian
guru
Messaggi: 647
Iscritto il: 12/06/2015, 15:16
Reputation:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda adrian » 14/10/2016, 21:54

amen, meno pettegolezzi e piu foto (buone)



Avatar utente
Darklay
esperto
Messaggi: 189
Iscritto il: 18/06/2016, 19:28
Reputation:
Località: Roma
Contatta:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda Darklay » 14/10/2016, 22:48

Che McCurry modifichi le foto si sa, ma lo fanno tutti più o meno, ed è lecito farlo finché si resta nel lato artistico (anche come comunicazione) ma non se in ambito di documentazione.
Se ho capito la foto a cui ti riferisci, visto che parlato di persone e lampioni, quealla in realtà è un errore del suo postproducer (McCurry non modifica le foto da se), nell'assemblere più scatti, e quindi si vedono persone sdoppiate, lampiobi monchi, scalini fantasmi ecc ecc... Problemi che si vedono ad un ingrandimento dell 100% o più su una foto stampata in grandezza di metri, il postpruder non è stato acrupoloso ed ha lavorato male.
Per il resto si, molte sue foto sono modificate, in posa, costruite per trasmettere il messaggio che lui aveva in testa, non per documentarci la realtà di quel momento... Che poi anche nella documentazione, bisogna vedere coda io fotografo voglio dicumentare, se togliere un lampione non cambia il significato della foto che documenta un fatto ma la rende più leggibile non vedo il problema, se invece devo documentare quel posto, in quella data e a quell'ora cosa c'era allora si che togliere un lampione è sbagliato.

Inviato dal mio LT26w utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda Silverprint » 14/10/2016, 23:00

Immagine

Un lavoro decorativo è utile o inutile. Questo è utile o pacchiano (kitsch)?
Meglio prima o meglio dopo?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda Silverprint » 14/10/2016, 23:07

E questo?

Immagine


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Chri.bo
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/05/2014, 14:58
Reputation:

Re: lo zoccolo duro della realtà

Messaggioda Chri.bo » 15/10/2016, 0:00

Sinceramente sono dell'idea che se fai reportage è meglio una foto in meno che manipolare la realtà..soprattutto per questo scatto a pellicola





  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti