Maledetto dry-down

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 2069
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da bafman »

non ho scritto questo, semplicemente devo essermi perso in che occasione si stesse parlando qui di una lastra e non ne ho afferrato l`utilizzo



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
alexmare93
guru
Messaggi: 433
Iscritto il: 25/04/2014, 10:33
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da alexmare93 »

è un argomento correlato, dai sù, chiudiamo un occhio
Alessandro

Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 2069
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da bafman »

ma chiudere un occhio per cosa?
se una domanda viene posta in un determinato contesto cerco il nesso ma ora non importa, mi hai incuriosito e ho fatto una domanda : a cosa serve la lastra "per valutare le stampe" ? in che senso / modo?

Avatar utente
alexmare93
guru
Messaggi: 433
Iscritto il: 25/04/2014, 10:33
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da alexmare93 »

Per valutare l'effetto che il dry down avrà sulla stampa, bisogna usare una luce radente e notare, tramite inclinazioni della stampa, quando questa diventa più "scura"... dato che appenderla su una piastrella e usare una fonte di luce mobile mi sembra più difficoltoso, pensavo di portare la "montagna da maometto": da qualche parte nel forum avevo letto di usare una LASTRA DI PLEXIGLAS dove adagiare la stampa bagnata e inclinare tutto l'apparato con una fonte di luce fissa quale un portalampada o robe del genere.
Mi chiedevo se quella che ho linkato potesse andar bene
Alessandro

Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 7787
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Pierpaolo B »

Io parto sempre con le cose semplici poi le complico al bisogno.
Sfido se in casa non trovi qualcosa di piano su cui appoggiare la stampa....
....ma anche in mano o appena fuori dalla bacinella....
....o in una bacinella asciutta....
....in ogni caso (io) la maggior parte di queste valutazioni le faccio sui provini quindi un robo di 50x100 mi sembra quantomeno diabolico in CO.
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
alexmare93
guru
Messaggi: 433
Iscritto il: 25/04/2014, 10:33
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da alexmare93 »

Quello che volevo desumere era proprio capire se servisse o meno il plexiglas o bastasse una qualsiasi superficie.


Alessandro
Alessandro

Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Slowhand78 »

Io mi sono organizzato mettendo una lastra di materiale plastico con un lato poggiato al muro e il basso in una bacinella 30x40. Appena la stampa è pronta la appoggio sulla lastra, la racletto e la valuto. Il punto luce è fisso, una volta trovato l'angolo giusto ho segnato le distanze e metto tutto in posizione. La lastra ha le dimensionidi 40x60....mi pare.
Daniele

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi