Maledetto dry-down

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Maledetto dry-down

Messaggio da paolob74 »

È un po' di giorno che stampo in maniera costante....

Circa 2/3 ore al giorno... Grandi vacanze!!!

Stampa dopo stampa mi accorgo di avere grossi problemi con la valutazione dei toni in camera oscura.

Il metodo del contrasto più o meno mi è familiare, grazie soprattutto ai corsi di Andrea, ma la valutazione delle stampe mi risulta davvero complicata.

Dopo l'asciugatura diventano scure, i neri chiari.... O troppo chiare.... O entrambi i problemi!!!!! :(( :(( :((

Che pacco ragazzi!!!! Ho 30 foto da stampare per dei matrimoni e ne ho fatte solo 4... E non vi dico i fogli buttati!

È sicuramente un problema di esperienza ma come posso migliorare?

Magari è da ingenui ma ho pensato di misurare col Densitometro le stampe in CO e misurare nuovamente dopo l'asciugatura...

Potrei stampare una stouffer e vedere la differenza di densità prima e dopo...

Mi direte sicuramente che è una cavolata... Ma come ne posso uscire?



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12217
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Silverprint »

Una tabella di valutazione del dry-down si può fare. Ma è inutile se le condizioni di osservazione in camera oscura sono variabili, vale a dire che la posizione di stampa bagnata e lampada devono essere fissate una volta per tutte.

Imho, non serve o meglio sarebbe dire che trovo più pratico imparare a gestire bene la lampada di osservazione e gli angoli di incidenza della luce sulla stampa per "simulare" il dry down.
Prova con due stampe uguali, una bagnata ed una asciutta; quella bagnata in camera oscura e quella asciutta dove le guardi di solito una volta fatte, sistemando bene la lampada si riesce a farle apparire abbastanza uguali... o perlomeno a capire cosa succede.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da paolob74 »

La stazione di osservazione è fissa:

URL=http://imageshack.us/photo/my-images/109/img3044gq.jpg/]Immagine[/URL]

La lampada si può muovere ma ovviamente non è necessario.

La lampadina è opalina 10Watt, la foto digitale potrebbe ingannare, la luce è davvero bassa.

Dovrebbe corrispondere ai tuoi consigli...

Giusto?

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12217
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Silverprint »

paolob74 ha scritto:La lampadina è opalina 10 Watt
Per opalina intendi che ha il vetro bianco o opaco e non ha il filamento a vista?
Se fosse così il mistero sarebbe risolto...
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da paolob74 »

Si....

Filamento non visibile....

Non se ne trovano più trasparenti...


Che problema può dare l'opalina?

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12217
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Silverprint »

Con la luce opalina i toni scuri appaiono molto (molto, molto) più chiari, specialmente sul bagnato.
I toni chiari invece (di solito) appaiono leggermente più scuri, ma la differenza non è marcata come sui toni scuri.
La lampada col vetro trasparente si trova... magari alogena e più potente del necessario, casomai ci metti un dimmer.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
-1Turbo-
esperto
Messaggi: 144
Iscritto il: 16/05/2012, 1:16
Reputation:
Località: Torino o da qualche parte sulle alpi
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da -1Turbo- »

Silverprint ha scritto:Con la luce opalina i toni scuri appaiono molto (molto, molto) più chiari, specialmente sul bagnato.
I toni chiari invece (di solito) appaiono leggermente più scuri, ma la differenza non è marcata come sui toni scuri.
La lampada col vetro trasparente si trova... magari alogena e più potente del necessario, casomai ci metti un dimmer.
una lampada a risparmio energetico, eventualmente a luce calda, da gli stessi problemi di quelle opaline ??
Salvatore

Flickr
"Usate il vostro il cervello, è la parte più importante della vostra attrezzatura" (Kevin Andrews e Warren Miller)

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12217
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Silverprint »

-1Turbo- ha scritto:una lampada a risparmio energetico da gli stessi problemi di quelle opaline ??
Sì, assolutamente. Tra l'altro potrebbe anche velare.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da paolob74 »

Ciao a tutti...

Oggi ho sistemato la lampadina...

Modello a bulbo trasparente con dimmer di regolazione...

La situazione è migliorata notevolmente.

Ho anche fatto delle misurazioni sulle stampe bagnate, magari domani posterò i risultati.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12217
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Maledetto dry-down

Messaggio da Silverprint »

paolob74 ha scritto:La situazione è migliorata notevolmente.
;) Bene.
paolob74 ha scritto:Ho anche fatto delle misurazioni sulle stampe bagnate, magari domani posterò i risultati.
Non credo che funzioni a dovere. Molto dipende dall'angolo d'incidenza e dalle caratteristiche di diffusione della luce ed il densitometro da un valore assoluto che non ne tiene conto nello stesso modo. Bisognerà vedere se e quanto rivelerà il densitometro sarà attinente.
Le tabelle del dry-down si fanno a vista confrontando la stampa asciutta con stampe bagnate realizzate con tempi inferiori variabili.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi