negativo col bug

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Rispondi

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10108
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

negativo col bug

Messaggio da chromemax »

Qualcuno saprebbe dirmi che cosa sono quei segni? Hanno una forma strana e io non ho mai visto nulla di simile.

Immagine

La pellicola è una Fomapan 100 13x18 sviluppata in bacinella con il Tanol per 13' con agitazione continua il primo minuto e 15" ogni 60" per il rimanente. Le macchie si trovano nella zona centrale del negativo vicino al bordo (che si intravede in alto nell'immagine).

Il giorno prima ho sviluppato 2 lastre con lo stesso sviluppo e sistema e non presentano quei segni.
Per completare le informazioni per aiutarvi a darmi un'aiuto, l'esposizione è stata di 25" f45 1/3 e dopo lo scatto la pellicola è stata congelata. E' stata trasferita dal congelatore al frigorifero una settimana prima dello sviluppo ed è stata sviluppata dopo 48 ore che era stata tolta dal frigo. Queste informazioni ve le dico perché io non riesco a capire se è successo qualcosa prima o durante lo sviluppo.
Grazie



Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4654
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: negativo col bug

Messaggio da etrusco »

ommiodio...sembra una forma aliena! ^_^
Scherzi a parte ma visto nulla di simile...non potrebbe essere dovuto al congelamento?
ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10108
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: negativo col bug

Messaggio da chromemax »

Sto vagliando tutte le possibilità. La lastra è stata conservata dentro lo chassy e questo è stato tenuto con un'altro chassy, per un totale quindi di 4 lastre. La seconda lastra dello stesso chassy è stata sviluppata con un altro sviluppo e non presenta nessun segno, ma h asubito gli stessi passaggi freezeer-frigo-sviluppo. Le pellicole del secondo chassy non le ho ancora trattate.
Quindi sarei portato a pensare a qualcosa durante il trattamento.
Grazie comunque

Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: negativo col bug

Messaggio da wiz »

Ciao Diego

Visto il bordo chiaro ne deduco che sia una immagine negativa, quindi quegli strani segni potrebbero essere un qualche cosa che si è depositato sopra.
A me è successo con delle alghe che in estate si erano formate nelle tubature. Ma non credo che sia il tuo caso vista la forma.
Non conosco lo sviluppo Tanol ma dal colore ne deduco che sia un Pyro Staining

Con un lentino e variando la direzione della illuminazione dovresti vedere se si percepisce se è un qualche cosa di attaccato sopra, se vi è un' ispessimento
della emulsione o che altro. Non avendo altri dati propenderei per un difetto della stesa. Ma potrebbe essere di tutto compreso un problema di elettrostatica.
Certo è che la forma è molto strana.

Utilizzando pellicole Foma e simili (le definisco sotto marche in quanto non si sa mai chi produce cosa) mi è capitato più volte che alcuni fogli o rulli fossero pieni
di difetti come graffi, scalfiture, bollicine e simili, ma si trattava sempre di macchie "chiare". Il fatto che siano scure mi fa pensare ad un apporto comunque esterno.

Non mi è chiaro il motivo della congelazione dopo lo scatto in attesa dello sviluppo.

Ciao
W

Avatar utente
stormy
guru
Messaggi: 617
Iscritto il: 31/01/2010, 11:52
Reputation:

Re: negativo col bug

Messaggio da stormy »

Potrebbe essere per via del fatto che sono state congelate, e che qualche molecola d'acqua o chissà che altro abbia creato tensioni, perchè sembra proprio l'emulsione screpolata.
Anche la differenza di temperatura troppo elevata ad esempio nel lavaggio finale, può creare screpolature.
Non vedo il motivo per congelarle, io al massimo le conservo in frigo
Non c'è strada che porti alla pace che non sia la pace, l'intelligenza e la Verità. (M. K. Gandhi)
Per me nessun colore avrà mai tinte piu forti del bianco e nero (Alex Del Piero)
flickr
Immagine

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10108
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: negativo col bug

Messaggio da chromemax »

sono rondini che con l'arrivo dell'autunno emigrano... :D
Caspita, hai ragione, non me ne ero accorto... certo che la temperatura si è abbassata parecchio :lol: :lol: :lol:

@ Wiz
Si, l'immagine è un pedestre scatto fatto con la funzione "macro" della compattina digitale del negativo poggiato sul visore luminoso, brutto ma funzionale :)
Non credo si tratti di alghe, perché lo sviluppo è stato preparato usando acqua depurata FU presa da una tanichetta nuova appena aperta e perfettamente limpida, l'arresto con acqua del rubinetto e il fissaggio pH neutro (Rollei RXN 1+4) è stato preparato anch'esso con acqua depurata una mezzora prima del trattamento.
Si, il Tanol è uno sviluppo al catecolo, quindi rientra negli sviluppi staining-tanning.
Anch'io ho pensato ad un segno di scarica elettrostatica, anche se i bracci dei "fulmini" mi sembrano un po' troppo larghi; ma è la posizione sul negativo che mi lascia perplesso, sono proprio al centro, lontano da eventuali zone di sfregamento con la plastica dello chassis, dove sarebbe stato più probabile che avvenisse un'eventuale scarica.
Forse una mia errata manipolazione dato che la zona è più o meno quella in cui ho poggiato il pollice della mano per fare leva e sollevare il bordo della pellicola per estrarla dallo chassis; indossavo dei guanti di lattice.
O forse qualche "granulo" di sostanza chimica non sciolto che si è localizzato su quella zona e sciogliendosi durante lo sviluppo nell'acqua di diluizione ha reso lo sviluppo più attivo (lo sviluppo è stato diluito circa 3 minuti prima di immergervi la pellicola); i "bracci" del virus (o le ali delle rondini) sembrano seguire i movimenti che ho dato alla bacinella per l'agitazione: 8-10 sollevamenti del lato corto della bacinella e il minuto successivo 8-10 sollevamenti del lato lungo, come consigliato.
Proverò a chiedere allo stesso Moersch su Flickr.
A volte congelo la pellicola dopo lo scatto perché possono passare dei mesi prima che possa/voglia svilupparla. E' una mia fisima, ma dato che Kodak disse che già dopo 72 ore dall'esposizione si possono avere delle modifiche quantificabili sull'immagine latente, penso/immagino/mi illudo che congelando la pellicola l'entità di queste variazioni sia minore. Comunque non ho mai riscontrato problemi con questo modo di procedere, anche se c'è sempre una prima volta :-)

Grazie ancora

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi