Nuova Ilford Multigrade Art 300

Discussioni su corsi, workshop ed eventi di fotografia analogica e tecniche di camera oscura

Moderatore: etrusco

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8419
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda chromemax » 15/04/2011, 19:39

Si può usare anche un ciclo di trattamento tutto a pH basico, anzi per alcuni questo procedimento è altamente consigliabile, meno stress chimico per il materiale, lavaggi più brevi, permanenza maggiore.
Il punto è che viene pubblicizzata una emulsione stesa su cartoncino in puro cotone e senza acido ma viene consigliato (anzi altamente consigliato) un arresto e un fissaggio acidi. Non sono un'esperto in carta o in archiviazione museale, per cui magari si scopre che immergere per 3 minuti la carta in bagni a pH acido non rende la base acida, ma messa così a me sembra un controsenso :D



Advertisement
Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda wiz » 16/04/2011, 9:57

chromemax ha scritto: Non sono un'esperto in carta o in archiviazione museale, per cui magari si scopre che immergere per 3 minuti la carta in bagni a pH acido non rende la base acida, ma messa così a me sembra un controsenso :D


Ciao Diego

Il problema non è di essere esperti o meno quanto di usare la propria testa e un minimo di logica. Se poi tutta la nostra conoscenza della fotografia si riduce a seguire le indicazioni "farlocche" che l'industria ci propina...non si andrà mai avanti.

Ti sembra logico vendere (pubblicizzare come tale e farsi pagare) una carta "acid free" e contemporaneamente consigliare il bagno di stop acido e il fix acido ? In questo modo per me ci fregano almeno una volta: o sulla carta o sul trattamento successivo. A questo punto è preferibile utilizzare una carta "acida" che tanto dopo 3 o 4 minuti nel bagno di sviluppo fortemente alcalino (pH 9,5 - 10,5) si neutralizza o diventa alcalina comunque, piuttosto che usare una acid free e sputtanarla poi con lo stop e il fix acidi. La fotografia non è una questione di fede quanto di tecnica.

Sono tre decenni almeno che non uso il bagno di stop ne fix acidi/indurenti e mai avuto nessun problema, ma ognuno è libero di danneggiare le proprie stampe come crede.

W



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8419
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda chromemax » 16/04/2011, 10:43

Hai ragione da vendere Wiz, il mio voleva essere post un po' "sarcastico" e ho cercato di rendere la cosa riempiendolo di "faccine" anche nella speranza di stimolare, come giustamente hai sottolineato, lo "usare la propria testa e un minimo di logica".
Su molti forum l'uscita di questa nuova carta della Ilford viene salutata come il segno (e il simbolo) del "risorgimento" della fotografia tradizionale, la prova provata che la fotografia "classica" non solo non è morta ma si appresta a rispondere per le rime all'avanzata del barbaro digitale.
Ma, proprio per le caratterische di questa nuova carta, a me invece pare un'ulteriore passo verso una sorta di autoreferenzialità della fotografia argentica, sempre più indirizzata al "famolo strano", quasi che il solo fatto di avere una supporto di alto pregio, un'emulsione strapiena d'argento o di passare il foglio in una dozzina di bagni chimici strani ed esoterici sia ciò che rende bella e preziosa una fotografia, al di la della bontà e dell'espressività del contenuto. Questo "barocco" della forma non fa bene alla fotografia in generale e a quella analogica in particolare. Ma questo è un'altro discorso.... :D



Avatar utente
guarrellam
guru
Messaggi: 1128
Iscritto il: 11/02/2010, 21:46
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda guarrellam » 16/04/2011, 13:48

wiz ha scritto:Sono tre decenni almeno che non uso il bagno di stop ne fix acidi/indurenti e mai avuto nessun problema, ma ognuno è libero di danneggiare le proprie stampe come crede.

W


Cosa usi,a loro posto?


Non mi interessano i paesaggi di bellezza disinfettata, tipo Ansel Adams.

Don McCullin



Ho una reflex digitale da 4000 euro,
che può scattare fino 128.000 ISO,
e mi piace aggiungere la grana
in post,come per la pellicola.........

Advertisement
Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda wiz » 17/04/2011, 9:15

Salve

@
Avatar utente
diego
. Concordo in pieno con quanto dici. Sul "famolo strano" mi sembra - anche per altri motivi - di essere tornato indietro nel decennio 70/80: anche allora si caricava la pellicola al rovescio, la si lasciava appositamente al sole sul cruscotto della macchina, si trattava con i bagni "sbagliati", si graffiava l'emulsione con la carta vetrata, la si ungeva con la vasellina e alla fine di queste ardite puttanate, per sovrappiù, la si immergeva in acqua bollente o la si fiammeggiava con l'accendino. Quando non si hanno idee......

Non avevo nessun dubbio sul tono sarcastico del tuo intervento.



@
Avatar utente
guarrellam
. Il bagno di stop è sostituito da semplice acqua. Per il fix o uso un prodotto neutro/alcalino (lo compro o preferibilmente lo faccio da solo) o in alternativa un fix come l' F24 in cui la leggerissima acidità ha solo una funzione di conservazione del bagno stesso. Vale per carte e pellicole.

W



Avatar utente
innocentimarco
fotografo
Messaggi: 58
Iscritto il: 02/04/2011, 5:40
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda innocentimarco » 17/04/2011, 12:16

Ciao Wiz, concordo con te che si fotografava con la pellicola avvolta al contrario anche nel decennio 70/80 e sono convinto che ad oggi, per quanto riguarda la pellicola, si sia serimentato tutto o quasi. Non sono d'accordo invece quando dici che certi esperimenti si fanno quando si è a corto di idee (questo è quello che mi sembra di avere capito). Ognuno è liberissimo di sperimentare qualsiasi cosa restando però nell' ambito in cui agisce ed anche quella volta si andava contro le regole ma per poterlo fare bisogava e bisogna, ora, conoscerle (chi le conosce). Oggi scattano tutti ma fotografano in pochi e credo sia cambiata anche l'impostazione mentale di chi si approccia al mondo della fotografa e non è colpa di nessuno...si vive solamente l'era in cui, appunto, si vive. Ho 49 anni e la passione della fotografia ce l'ho da quando ne avevo 6/7 -passione di famiglia- e con il passare del tempo e delle esperienze, fotografiche, sono convinto di una cosa: che una certa fotografia vada ancora amata, difesa ma soprattutto rispettata: sia con la pellicola che con il digitale. Marco



Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda wiz » 17/04/2011, 13:03

innocentimarco ha scritto: Non sono d'accordo invece quando dici che certi esperimenti si fanno quando si è a corto di idee (questo è quello che mi sembra di avere capito). Ognuno è liberissimo di sperimentare qualsiasi cosa


Ciao Marco

Non ho certo preteso che tu sia d'accordo. Quella è la mia idea e tale resta sino a che non la cambio.
Mi fa piacere che tu la pensi al contrario e ti sia data la possibilità di esprimerlo.

Detto questo, fatte ovviamente salve le opinioni personali, io mi baso molto su quello che vedo, sulle immagini e i lavori che mi vengono proposti. Non ci vedo proprio delle grandi idee, quanto piuttosto una ricerca affannosa a "dire" per forza qualche cosa di nuovo che poi - in ultima analisi - nuovo non è. Vedo una prevaricazione del "mezzo" sul linguaggio. Sperimentare è un'altra cosa per me: è la perfetta fusione del mezzo (tecnica) con il linguaggio (creatività), tutte cose che sinceramente non vedo in certe immagini a cui facciamo riferimento.

Ribadisco che ognuno è libero di fotografare come meglio crede ma, quando pubblica le immagini - io sono altrettanto libero di criticarle. In questo caso poi mi sono mantenuto abbastanza sul vago.
A te piacciono? me ne felicito.

W



Avatar utente
innocentimarco
fotografo
Messaggi: 58
Iscritto il: 02/04/2011, 5:40
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda innocentimarco » 17/04/2011, 16:20

Ciao Wiz, non mi sembra di avere detto che mi piacciono… e poi cosa ?
Come ti ripeto tutto o quasi è già stato fatto e su di una cosa sono assolutamente d’accordo con te e cioè quando dici che non si vede, ed aggiungo io, in senso generale, un granchè intorno alla fotografia, ma non considero un segno di mancanza di idee, anzi, lo sperimentare. Le domande ricorrenti che si sentono spesso ed ovunque, sono queste: -con che macchina l’hai fatta ? che ottica ? che programma hai usato per ottenere questo effetto ? ecc. Ci stanno anche queste ma dopo altre cose. Ovviamente, e non parlo solo di fotografia, tutti i corsi, scuole, aggiornamenti, specializzazioni, e perché no !?, forum, ecc. sono finalizzati ad una conoscenza più o meno approfondita dell’attrezzatura e delle tecniche di applicazione delle stesse nei vari campi quindi certe cose che si fanno sono solo verifiche, esperimenti senza alcuna velleità artistica. Riguardo alla fotografia, purtroppo a volte non si valuta quasi più il contenuto tecnico-artistico, logicamente quando c’è, e ciò, sperando di no, porterà alla morte di quella fotografia di cui dicevo all’inizio. Inoltre, in determinati contesti, ci sono dei parametri che influiscono più di quelli meramente artistici ed espressivi nella valutazione di una fotografia e scrivo questo per esperienza diretta. E quindi vorresti chiudere, per impulso, con la fotografia ma poi l’amore PER QUELLA FOTOGRAFIA prevale sempre sperando in una critica costruttiva ed assolutamente mai gratuita e condizionata. L' ultimissima cosa: merita rispetto anche chi fotografa solo la domenica e con il sole alle spalle. A presto. Marco



Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda wiz » 18/04/2011, 9:00

Ciao Marco

Facciamo un minimo di ordine:

innocentimarco ha scritto:Ciao Wiz, non mi sembra di avere detto che mi piacciono… e poi cosa ?

Mi riferivo a questo ovviamente "concordo con te che si fotografava con la pellicola avvolta al contrario anche nel decennio 70/80"

non considero un segno di mancanza di idee, anzi, lo sperimentare

Ma io non ho detto questo. Tutto al più posso concederti di aver pensato che il far ricorso a certi mezzi (dozzinali, triti e ritriti, che vanno di moda) denota una mancanza di idee.
Leggi con maggiore attenzione quello che ho scritto e se non mi sono espresso chiaramente (me ne scuso) .... chiedi lumi. Su cosa intendo per sperimentare ho già scritto.
Sperimentare è un conto, tutta altra cosa è andare alla ricerca dell'effetto stucchevole senza alcuna cognizione di causa.
Un conto è andare oltre, cioè sperimentare, superare le regole, travolgerle e crearne delle altre e ben diverso è tentare alla cieca. Dubito molto che sin possa coniugare il termine "sperimentare" con il comportamento di chi (tanto per fare un esempio sia ben inteso) decide al suo secondo o terzo rullo di fotografare con la pellicola al contrario o cose assimilabili.


Le domande ricorrenti che si sentono spesso ed ovunque, sono queste: -con che macchina l’hai fatta ? che ottica ? che programma hai usato per ottenere questo effetto ? ecc. Ci stanno anche queste ma dopo altre cose. Ovviamente, e non parlo solo di fotografia, tutti i corsi, scuole, aggiornamenti, specializzazioni, e perché no !?, forum, ecc. sono finalizzati ad una conoscenza più o meno approfondita dell’attrezzatura e delle tecniche di applicazione delle stesse nei vari campi quindi certe cose che si fanno sono solo verifiche, esperimenti senza alcuna velleità artistica.


Se hai avuto la pazienza di leggerti qualche mio precedente intervento potresti aver notato che non parlo quasi mai di macchine fotografiche o di ottiche (tanto meno di marchi) nel modo che tu descrivi. Uno dei miei ultimi corsi di insegnamento è stato "la creatività in fotografia". Comunque sia la tua analisi è giusta e concordo... ma poco tange con il mio intervento.


L' ultimissima cosa: merita rispetto anche chi fotografa solo la domenica e con il sole alle spalle.


Questa non l'ho capita. Ti riferisci ad un mio comportamento scorretto verso tal tipo di fotografi? Parla chiaro.

W



Avatar utente
innocentimarco
fotografo
Messaggi: 58
Iscritto il: 02/04/2011, 5:40
Reputation:

Re: Nuova Ilford Multigrade Art 300

Messaggioda innocentimarco » 18/04/2011, 14:27

Ciao Wiz,
ho letto con molto piacere il tuo scritto e devo dirti che il nostro scambio di considerazioni, analisi, interpretazioni e perché no, incomprensioni naturalmente reciproche, non stanno facendo altro che farmi amare ancora di più la fotografia. Tranquillo….non c’è alcuna allusione nelle mie parole.

Marco





  • Advertisement

Torna a “Corsi, workshop ed eventi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti