Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda vngncl61 II° » 05/06/2016, 14:50

Non è il tempo impiegato per scattare una foto che la rende buona o cattiva, ma solo la capacità, o meno, di cogliere buone immagini, e questo vale tanto per il reportage quanto per lo still life.
Si può essere incapaci ad 1 fotogramma ogni 24 ore come a 100 fps.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Advertisement
Avatar utente
Domenico
guru
Messaggi: 439
Iscritto il: 19/04/2011, 19:51
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda Domenico » 05/06/2016, 15:26

Come darti torto. Io semplicemente dico che, per quanto mi riguarda, se penso qualche attimo in più prima di scattate la foto tendenzialmente mi viene meglio.



Avatar utente
Phormula
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 13/05/2016, 16:31
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda Phormula » 05/06/2016, 15:50

In teoria si può essere lenti anche scattando in digitale.
In pratica è molto difficile farlo perché la tentazione di portare la macchina (automatica) all'occhio e premere subito il pulsante è fortissima. Tanto scattare in digitale non costa niente, o meglio i costi del digitale li paghi comunque perché l'attrezzatura invecchia e diventa obsoleta indipendentemente dall'uso.
E una volta che hai rotto la tensione e scattato, non tutti hanno voglia di rimettersi a pensare. Probabilmente sei con la testa al prossimo soggetto.

Io me ne sono accorto in vacanza. Con la pellicola scattavo una decina di rullini in 15 giorni. In digitale almeno il quadruplo. Mentalmente rimando tutto a posteriori, selezione degli scatti migliori e aggiustamento di eventuali errori. Sapendo che una volta tornato al lavoro, il tempo per sistemare 1200 scatti, scegliendo i 300 migliori non lo avrò mai. Quando mi ci metto poi mi trovo con 10 scatti marginalmente diversi della stessa scena tra i quali diventa mentalmente devastante sceglierne 1-2 da postprodurre e conservare. Scattanfo a pellicola la selezione la facevo in gran parte mentalmente prima di scattare e la revisione delle dia sul piano luminoso si faceva in un weekend. Alla fine le immagini se ne restano su un hard disk in attesa di tempi migliori.

Qualcuno mi può dire che posso scattare in digitale come se scattassi a pellicola. La risposta è che no, ci vuole una forza di volontà tremenda per scattare in digitale come se fosse a pellicola.



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda vngncl61 II° » 05/06/2016, 17:33

Phormula ha scritto:In teoria si può essere lenti anche scattando in digitale.
In pratica è molto difficile farlo perché la tentazione di portare la macchina (automatica) all'occhio e premere subito il pulsante è fortissima.


Questo vale per una D4 così come per una F4, o l'automatismo analogico fa "riflettere" di più?
Il fatto di non esser vincolati alle 12 o 36 pose canoniche non è necessariamente un male, spesso lo scattare qualche immagine in più giova, a meno che che non s'abbia la presunzione d'esser infallibili ad ogni scatto, inoltre, i dorsi per 250 pose esistevano già negli anni d'oro delle telemetro.
Senza contare che, spesso nel "riflettere" troppo su una foto si finisce per perderla.
Comunque io ho una digitale che uso esattamente come l'analogica, non diamo al mezzo capacità, negative o positive, che non possiede.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Advertisement
Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4640
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda impressionando » 05/06/2016, 19:52

vngncl61 II° ha scritto:Non è il tempo impiegato per scattare una foto che la rende buona o cattiva, ma solo la capacità, o meno, di cogliere buone immagini, e questo vale tanto per il reportage quanto per lo still life.
Si può essere incapaci ad 1 fotogramma ogni 24 ore come a 100 fps.

....ma una botta di culo spazza via sia la capacità che le elucubrazioni in un sol colpo..... e l'incapace in un attimo sale sugli altari.
....e c'è chi a botte di culo supera abbondantemente gli scatti elucubrati e gli scatti dei geni ;)

Da parte mia quando "penso" uno scatto lo scatto tre volte..... segno d'incapacità?
...le botte di culo sono sempre a scatto singolo :D



Avatar utente
lo_Spocchioso
guru
Messaggi: 939
Iscritto il: 14/01/2015, 16:00
Reputation:
Località: Torino

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda lo_Spocchioso » 05/06/2016, 20:02

Io iniziai a fotografare con la pellicola, poi mi presi una lunga pausa proprio durante la massificazione del digitale. Quando ripresi a fotografare -e lo feci in digitale- non cambiai le abitudini, mi era rimasta la forma mentis del rullino.


Andrea - le mie foto analogiche sul digitalissimo Flickr

A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro... che ti epura.

vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda vngncl61 II° » 05/06/2016, 20:07

impressionando ha scritto:.ma una botta di culo spazza via sia la capacità che le elucubrazioni in un sol colpo..... e l'incapace in un attimo sale sugli altari.


Una sola botta di culo difficilmente porta sugli altari, a meno che non riprenda un evento assolutamente eccezionale, se le botte di culo si ripetono, non sono... botte di culo. :D

impressionando ha scritto:Da parte mia quando "penso" uno scatto lo scatto tre volte..... segno d'incapacità?


Io sono incapace più di te solitamente del 33%, a volte anche del 50%.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
Phormula
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 13/05/2016, 16:31
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda Phormula » 05/06/2016, 21:08

vngncl61 II° ha scritto:
Phormula ha scritto:In teoria si può essere lenti anche scattando in digitale.
In pratica è molto difficile farlo perché la tentazione di portare la macchina (automatica) all'occhio e premere subito il pulsante è fortissima.


Questo vale per una D4 così come per una F4, o l'automatismo analogico fa "riflettere" di più?
Il fatto di non esser vincolati alle 12 o 36 pose canoniche non è necessariamente un male, spesso lo scattare qualche immagine in più giova, a meno che che non s'abbia la presunzione d'esser infallibili ad ogni scatto, inoltre, i dorsi per 250 pose esistevano già negli anni d'oro delle telemetro.
Senza contare che, spesso nel "riflettere" troppo su una foto si finisce per perderla.
Comunque io ho una digitale che uso esattamente come l'analogica, non diamo al mezzo capacità, negative o positive, che non possiede.


Sinceramente negli anni '80 e '90 non ho mai visto turisti appassionati di fotografia che scattavano con dorsi da 250 pose. Ne ho usato uno a prestito io ogni tanto quando seguivo una squadra di volley. Era comodissimo perché potevo seguire un intero match senza dover ricaricare e, come in tutti gli sport in cui le azioni sono molto rapide, spesso era necessario scattare a raffica per portare a casa qualche scatto degno di pubblicazione.

Se tu davvero riesci ad usare una digitale esattamente come l'analogica, complimenti.

Tra le persone appassionate di fotografia che conosco, compresi un paio di gruppi di fotoamatori, la pellicola non la usa più nessuno da anni. E quelli che conosco per averci scattato insieme a pellicola 20 anni fa, oggi scattano in digitale con un approccio sostanzialmente diverso, dedicando molto meno tempo alla visualizzazione ed all'esposizione. Me compreso.

Per trovare qualcuno che scattasse a pellicola mi sono dovuto iscrivere qui. E probabilmente non ci sarei mai arrivato se un negozio non mi avesse regalato una ventina di rullini di TriX 400 scaduti, spingendomi a riesumare la Nikon e facendomi venire la voglia di riprovarci.

Io sono convinto che il mezzo influenzi le scelte. Del resto quando sono passato al digitale il consiglio più frequente che mi sono sentito dire da altri fotografi di paesaggio è stato di non perdere tempo a valutare l'esposizione ed il contrasto della scena ma di scattare in modalità automatica, per poi guardare il risultato sul monitor ed eventualmente scattare di nuovo sotto o sovraesponendo alla bisogna oppure scattando più immagini da combinare in una foto HDR. Certo, il bracketing lo potevi fare anche prima, ma era un costo per cui lo destinavo solo agli scatti più critici.

Poi ripenso a quando, agli albori della fotografia, le lastre fotografiche andavano preparate al momento spalmandoci sopra l'emulsione. Lì si che gli scatti erano pensati.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2820
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda Elmar Lang » 05/06/2016, 21:48

Dorso da 250 pose?

Val la pena provare una Contarex SE con motore, impugnatura e dorso.

Un posto in paradiso è sicuro, dopo un simile martirio.

Scherzi a parte, quand'ero ragazzo, i fotoamatori trendy, si sentivano sminuiti, se la loro fotocamera fosse stata sprovvista di winder/motore. Con gran gioia delle fabbriche di pellicola.

E.L.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Phormula
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 13/05/2016, 16:31
Reputation:

Re: Perchè scatti su pellicola? La tipica domanda della gente

Messaggioda Phormula » 06/06/2016, 7:08

Io a casa devo avere una diapositiva di una Nikon F4 con il dorso da 250 pose, un flash e un 85mm. Scattata verso la fine degli anni '90 in Svizzera. Era visibilissima dentro una postazione autovelox all'ingresso di un paesino di campagna. Ricordo che abbiamo ironizzato sul fatto che in un altro posto non sarebbe rimasta lì a lungo.

Negli autovelox italiani invece ho sempre visto le Contax. Negli anni '90 Agfa si aggiudicò una commessa per la fornitura di pellicole e minilab.





  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite