Perchè tanto contrasto????

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 24/10/2010, 12:36

oggi mi sono trovato a stampare la ilford delta 3200, il negativo proiettato sul piana del ingranditore risultava slavata molto grigia e senza contrasto, faccio il provino con la torta kodak con filtro 0 con testa colori equivale ad un filtro 2, carata rc ilford lucida e fino qui tutto ok, vado a stampare con il tempo scelto e la foto risulta grigia sottoesposta in guardabile, dopo prove e riprove provo a variare il filtro e mi rendo conto che, per stampare la foto devo usare un filtro 100 magenta equivale a un filtro poco inferiore a 4.1/5.

Questo e normale con le ilford??


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Advertisement
Avatar utente
guarrellam
guru
Messaggi: 1128
Iscritto il: 11/02/2010, 21:46
Reputation:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda guarrellam » 24/10/2010, 12:53

Credo sia normale,il fatto che tu,debba usare un filtro così alto,con un negativo slavato.Ma,nella domanda,ti riferisci alla pellicola o alla carta?


Non mi interessano i paesaggi di bellezza disinfettata, tipo Ansel Adams.

Don McCullin



Ho una reflex digitale da 4000 euro,
che può scattare fino 128.000 ISO,
e mi piace aggiungere la grana
in post,come per la pellicola.........

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 24/10/2010, 13:28

la domanda è riferita alla pellicola non alla carta, i fogli vanno benissimo con altre pellicole molto contrastate come la foma o efke la questione e solo per pellicola, infatti girando ho trovato questo post di etrusco dove lamenta le mie stesse cose, l'unica differenza sostanziale tra i nostri post e che etrusco ha sviluppato da solo la sua pellicola io l' ho mandata in laboratorio

qui c'è il link di etrusco http://www.analogica.it/bianco-e-nero/ilford-fp4-e-id-11-poco-contrasto-nei-negativi-t43.html


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8408
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda chromemax » 24/10/2010, 13:49

Se usi una testa a colori il tuo ingranditore dovrebbe essere a luce diffusa e già questo comporta in stampa un minor contrasto.
Poi c'è da considerare il contrasto del soggetto e lo sviluppo. Tendenzialmente la Delta 3200 ha un contrasto più basso di una pellicola di bassa sensibilità, ma questo non significa che debba essere automaticamente stampata su gradazioni estreme. E' probabile che una delle variabili che ho menzionato prima sia andata fuori controllo o che sia stata valutata in maniera non corretta. Dovresti darci qualche indicazione in più, tipo a che sensibiltà hai esposto la pellicola e nel caso hai cambiato la sensibilità nominale, se hai avvisato il laboratorio di eseguire uno sviluppo modificato, in che condizioni di luce hai scattato le foto, ecc



Advertisement
Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 24/10/2010, 14:14

esposizione nominale cioè 3200 non ho avvisato il laboratorio di nulla, la luce erano le 18:00 giornata di sole, il problema credo sia nel tempo di sviluppo, ora, siccome sono intenzionato a svilupparmele da solo i miei film, se allungo di 1 o 2 minuti il tempo di sviluppo riesco a risolvere in parte il problema???


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4626
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda etrusco » 24/10/2010, 14:31

Non credo sia paragonabile uno sviluppo "fai da te" con uno sviluppo in Lab, non fosse altro perchè nello sviluppo fai da te sei tu a controllare tutto il processo, in Lab,....e chi lo cosa succede?

Per cui ti consiglio prima di sviluppare da solo e poi cercare di trovare le giuste "dosi" ossia tempi, sviluppo, temperatura, tiraggio, esposizione....le variabili in gioco sono tantissime, anche la reflex e l'ottica sono una variabile, per cui solo TU puoi tarare al meglio il tuo "sistema".

Ciao

PS:
Sono proprio tutte queste variabili che rendono affascinante la fotografia ai sali d'argento!


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 24/10/2010, 17:20

etrusco ha scritto:Non credo sia paragonabile uno sviluppo "fai da te" con uno sviluppo in Lab, non fosse altro perchè nello sviluppo fai da te sei tu a controllare tutto il processo, in Lab,....e chi lo cosa succede?

Per cui ti consiglio prima di sviluppare da solo e poi cercare di trovare le giuste "dosi" ossia tempi, sviluppo, temperatura, tiraggio, esposizione....le variabili in gioco sono tantissime, anche la reflex e l'ottica sono una variabile, per cui solo TU puoi tarare al meglio il tuo "sistema".

Ciao

PS:
Sono proprio tutte queste variabili che rendono affascinante la fotografia ai sali d'argento!



che le variabili sono tante sono pienamente d'accordo con te, ma la cosa strana e la completa assenza di contrasto su tutti gli scatti ora sono 2 le variabili in gioco, 1 ho sbagliato io in fase di scatto possibilissimo, ma non tre rulli, 2 qualcosa e andato storto in fase di sviluppo, ma non tutti e tre i rulli, leggendo la tua discussione Ilford FP4 e ID-11...poco contrasto nei negativi o riscontrato molte similitudini con i tre rulli in mio possesso, cito testualmente:

" Da una prima analisi dei negativi sembrano tutti con basso contrasto, cosa poi verificata anche in fase di stampa.

Cosi per ottenere neri e bianchi "buoni" ho dovuto stampare a gradazione 3 ed a volte 4, mantenendo comunque una buona resi dei toni e dettagli sia alle alte luci che alle ombre, forse con la gradazione 4 ho perso qualche dettaglio alle alte luci.

Le prove fatte a gradazione 2....sono state decisamente insoddisfacenti, troppo grigio, assenza di neri e bianchi...molto piatta.

E' normale ottenere risultati di questo genere con questa procedura? Mi sarei aspettato dei negativi correttamente esposti e stampabili a gradazione 2, invece....nulla!"

lo stesso problema tuo, andando avanti nella lettura ho visto che la vera differenza sta nei tempi di sviluppo in fase di scatto per abitudine sottoespongo sempre in base alle situazioni "un negativo nero forse qualcosa ci esce ma dal bianco non esce nulla"


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4626
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda etrusco » 24/10/2010, 18:17

Io in fase di scatto ho abbandonato l'idea della sotto o sovra esposizione....cerco sempre di ragionare in termini di sistema zonale e quindi di zone.

Detto ciò quando devo fare una foto ed ho tempo per "pensare" solitamente seguo questi semplici passi:

1 - misuro le luminanze della zona inquadrata, solitamente usando la priorità dei tempi o di diaframma
2 - Una volta "misurate" le varie luminanze cerco di capire quante zone ci sono tra le alte luci e le basse luci, per capire poi come sarà il contrasto generale del negativo.
3 - In situazioni normali ossia in situazioni di contrasto normale (dalle 3 alle 5 zone di differenza) utilizzo la misurazione presa per le ombre, chiudendo di uno o due stop
4 - cosi facendo sono sempre sicuro di aver posto le ombre nella zona corretta (3-4)

CHiudere di due stop significa che se per la zona in ombra hai misurato : 1/60 f5.6 - dovrai esporre a 1/250 - f5.6 oppure a 1/60 - f11

Se la scala di luminanze misurate era 5, esponendo le ombre in zona 3 avrai poi le alte luci in zona 8, se invece sbagli e poni le ombre in zona 4 o 5 rischi di arrivare nelle zone 9 o 10, senza possibilità di recuperare le alte luci in camera oscura.

Per riepilogare la cosa importante, per una foto correttamente esposta, è che tutte le zone stiano al loro posto....so che detto cosi sembra banale e sintetico, però come base per iniziare a sperimentare il sistema zonale è già più che sufficiente.

Questo per dire che quando si scatta in BN è (a mio modesto avviso) più corretto ragionare in termini di zone che non di sovra-sottoesposizione....ricorda sempre la regola fondamentale:

"esporre per le ombre e sviluppare per le luci"

Esporre per le ombre significa proprio quello che ti ho detto, misuri la luce rilevata nelle zone più scure e chiudi di uno o due stop "spostando" le ombre dalla zona 5 (quella misurata) alla zona 3 (perchè hai chiuso 2 stop)
Sviluppare per le luci invece ... credo sia altro argomento :-)

Ciao


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 31/10/2010, 15:21

bene probabilmente ho risolto il problema, sotto consiglio di un amico ho fissato nuovamente la pellicola con rapidfix 1+4, 5 minuti 24° in vaschetta, poi ha sciacquato nuovamente la pellicola e quando si asciugava le gocce che scolavano erano di colore rosa, sembrerebbe che rimanga una patina sopra la pellicola che la rende opaca, ora verifico sotto l'ingranditore poi vi faccio sapere


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Perchè tanto contrasto????

Messaggioda Tecnico73 » 01/11/2010, 10:23

si, ci sono stati dei miglioramenti vistosi su negativo, in effetti e diventata + nitida, questo era uno dei motivi che mi avevano fatto scartate le pellicole ilford la mancanza di nitidezza ma ora mi devo ricredere su queste pellicole che sono molto versatili


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti