Piccola prova con Delta 100 in notturna

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Dart
esperto
Messaggi: 225
Iscritto il: 15/03/2017, 9:37
Reputation:
Località: Montepulciano (SI)

Piccola prova con Delta 100 in notturna

Messaggioda Dart » 11/06/2018, 0:29

Dopo il video di Andrea sulla fotografia in notturna ho fatto ( come immagino anche molti altri di voi :D ) una prova, ma con la Delta 100 ( a 50 ISO ), effettuando come suggerito un bracketing, e sviluppo in R09 Studio.
Il negativo che mi pare più riuscito per il dettaglio nelle ombre e senza avere luci eccessivamente sparate ( anche se lo sono ugualmente ) è stato quello scattato a +5, la cui scansione della stampa allego sotto. Le luci sono comunque molto sparate nonostante non ci fossero in realtà lampioni o altre fonti di luce a vista e per renderle come sono ho dovuto fare delle bruciature.
Premessa a parte, alcuni dati:

- Ilford Delta 100 ( a 50 ISO ) formato 120

- Lettura esposimetrica con integrato spot Pentax : 2" a f/5.6

- Esposizione : ( 64" = + 5 stop ) calcolo reciprocità : 210" - questo conto è fatto a "occhiometro" in quanto oltre i 50" il data sheet Ilford non va. Però : fino a 15" il data sheet indica circa un tempo doppio, dopo inizia ad aumentare, tanto che da 35" a 50" siamo quasi a x3 ( meno di un decimo di stop sotto se non mi confondo con i numeri ). Io ho moltiplicato quindi per 3,3 ( circa ) ed ho provato. ( NOTA : la tabella per il calcolo della reciprocità del 120mm è differente da quella del 4x5" )

- Sviluppo in R09 Studio 1+39 per 5' 30" - lo sviluppo è eccessivo in quanto senza bruciature in stampa nelle zone molto illuminate non c'è dettaglio.

L'esposizione è stata fatta più o meno dove si vede il cerchietto, sopra c'è una sorgente di luce che era nascosta. La stampa è fatta sul grado 1,5 esposta per 30" e altri 30" per le bruciature sul grado 00 nelle zone luminose. Perdonate la foto sghemba ma mi si era sfasciato il cavalletto :D La foto è della stampa fatta con il cellulare, scusate ma non ho di meglio, è giusto per rendersi conto :)
IMG_0027.jpg



Alcune domande :D :
- provando una diluizione a 1+49 per ottenere un effetto un pò più compensatore ( ammesso che sia vero ciò che dico ) e diminuendo il tempo di sviluppo di altri 30", si può sperare in un risultato che abbia bisogno di meno interventi in fase di stampa, o è preferibile passare direttamente ad un altro sviluppo come il D-76 ?

- Per le bruciature, sarebbe preferibile utilizzare un grado più vicino a quello di stampa ( 1,5 ) anziché lo 00 ?

Grazie in anticipo per le risposte!
Emanuele



Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2082
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Piccola prova con Delta 100 in notturna

Messaggioda ammazzafotoni » 11/06/2018, 1:06

Beh, se vogliamo emulare Andrea facciamolo fino in fondo!
Ha usato non a caso uno sviluppo compensatore e una pellicola particolarmente adatta; se è purtroppo necessario trovare alternative alla pellicola, ciò non significa che ogni sviluppo vada bene per il caso.
Lo Studional lo conosco un po', è il mio unico sviluppo, e non è compensatore; potrebbe diventarlo per esaurimento più diluito, ma perché non provare con un compensatore vero e proprio?



Avatar utente
Dart
esperto
Messaggi: 225
Iscritto il: 15/03/2017, 9:37
Reputation:
Località: Montepulciano (SI)

Re: Piccola prova con Delta 100 in notturna

Messaggioda Dart » 11/06/2018, 1:11

ammazzafotoni ha scritto:Beh, se vogliamo emulare Andrea facciamolo fino in fondo!
Ha usato non a caso uno sviluppo compensatore e una pellicola particolarmente adatta; se è purtroppo necessario trovare alternative alla pellicola, ciò non significa che ogni sviluppo vada bene per il caso.
Lo Studional lo conosco un po', è il mio unico sviluppo, e non è compensatore; potrebbe diventarlo per esaurimento più diluito, ma perché non provare con un compensatore vero e proprio?


Giusto, infatti proverò con il D-76.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Softbox
esperto
Messaggi: 126
Iscritto il: 26/04/2017, 17:18
Reputation:

Re: Piccola prova con Delta 100 in notturna

Messaggioda Softbox » 11/06/2018, 4:54

Se ricordo bene nel video Andrea utilizza Acros e specifica anche che é quasi assente il difetto di reciprocità. Magari non é un parametro fondamentale, però dalla suo calcolo dell' esposizione al tuo, qualche differenza mi sembra ci sia.



Advertisement
Avatar utente
Dart
esperto
Messaggi: 225
Iscritto il: 15/03/2017, 9:37
Reputation:
Località: Montepulciano (SI)

Re: Piccola prova con Delta 100 in notturna

Messaggioda Dart » 11/06/2018, 9:29

Softbox ha scritto:Se ricordo bene nel video Andrea utilizza Acros e specifica anche che é quasi assente il difetto di reciprocità. Magari non é un parametro fondamentale, però dalla suo calcolo dell' esposizione al tuo, qualche differenza mi sembra ci sia.


Si, la Acros è esente da difetto di reciprocità fino a 120 secondi di esposizione, secondo il datasheet Fuji.
Ovvio che ci siano differenze nel calcolo dell’esposizione, ho solo cercato di regolare l’esposizione più o meno come spiegato nel video


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti