politenate vc e tempi con teste a colori

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Domenico
guru
Messaggi: 439
Iscritto il: 19/04/2011, 19:51
Reputation:

politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda Domenico » 07/09/2012, 11:27

Ciao a tutti,

con gli ingranditori con testa a colori posso variare il contrasto della carta miscelando i filtri giallo e rosso. Fin qui tutto bene.

Siccome sono un novellino, ho da poco scoperto che, miscelando i due canali, al variare del contrasto il tempo di esposizione dovrebbe riumanere invariato. Uso il condizionale perché non ho ancora provato di persona. Certo che se fosse vero sarebbe bellissimo perché velocizzerebbe di molto il lavoro, anche se in realtà temo che sia più probabile che, al variare del contrasto, il tempo resti "grosso modo" invariato (quindi i provini restano necessari). Confermate il mio timore?

Ho dato un'occhiata al data sheet della Ilford politenata a contrasto variabile (cfr: http://www.ilfordphoto.com/Webfiles/201 ... 591755.pdf), che ha una tabella nella quale sono riportate le coppie di valori Y/R da usare per ottenere ogni grado.

Siccome io uso la Foma (Fomatone MG RC) mi cheidevo se per caso la tabella della Ilford potesse andar bene anche per la Foma o comunque potesse rappresentare una "base di partenza", ma anche qui temo che la risposta sia no (se sono carte diverse risponderanno in maniera diversa al filtraggio, no?).

Ciao



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda Silverprint » 07/09/2012, 11:46

Ciao!

Rassegnati! :D Ogni volta che si cambia contrasto bisogna rifare il provino.

Quel che rimane (grossomodo, appunto) invariato al variare del contrasto è un tono X (medio chiaro, di solito), ma gli estremi della gamma tonale, cioé i toni più scuri e più chiari, che sono i toni su cui vanno regolati contrasto ed esposizione cambiano!

Riguardo all'usare la filtratura multipla, cioè usare contemporaneamente il filtro giallo ed il magenta, a mio vedere non c'é alcun vantaggio. Tanto il provino va ri-fatto comunque e si perde in luminosità, ma soprattutto non si può usare una variazione continua del contrasto che è uno dei più grandi vantaggi dell'uso di una testa a colori.

Per cui alla fine è molto più semplice e funziona su tutte le carte (tutte le VC, anche baritate) lavorare con un filtro alla volta regolando la filtratura liberamente e alla bisogna.
Orientativamente e per prenderci la mano puoi cominciare con variazioni di 20-30 alla volta di magenta e di 10-15 di giallo, per poi rifinire con interventi più sottili quando serve.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda porcospino99 » 07/09/2012, 12:42

In teoria esiste una formula matematica per ricalcolare il tempo in base al variare della filtratura. Io ho trovato pure il mio durst un rotella che fa tutto senza calcoli. Uso rotella e/o formulina però solo per il colore.
Per il BN ho sempre rifatto il provino.

Però faccio una domanda: le teste a colori che hanno una "rotella grigia" non serve proprio per compensare le variazioni di filtratura?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda Silverprint » 07/09/2012, 13:06

Ciao Porcospino!

Con le carte BN a contrasto variabile, proprio perché cambia il contrasto la formulina non funziona.

Si possono fare delle tabelle per mettere in relazione filtratura ed esposizione ed eventualmente anche usare il comando "densità" per metterle in atto, MA QUALUNQUE TABELLA È SEMPRE E SOLO RIFERIBILE AD UN UNICO TONO, cambiando tono di riferimento cambia la tabella... in pratica per ogni sfumatura ci vorrebbe una tabella diversa, cioé infinite tabelle! :))

Al limite può essere pratico farsi un paio di tabelle, una per un "quasi nero" ed un altra per un "quasi bianco", come base per avvicinarsi al desiderato funzionano e un po' di tempo e carta si risparmia. Però NON è facile farsele per bene e ci vuole un sacco di tempo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9121
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda chromemax » 07/09/2012, 13:45




Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda porcospino99 » 07/09/2012, 14:40

Grazie Andrea e Diego per la segnalazione, più che "costruirmi" una tabella (non sono proprio il tipo) vado avanti di provini.



Avatar utente
Domenico
guru
Messaggi: 439
Iscritto il: 19/04/2011, 19:51
Reputation:

Re: politenate vc e tempi con teste a colori

Messaggioda Domenico » 07/09/2012, 15:03

Grazie a tutti...mi sto facendo una cultura leggendo i vostri interventi. Ora vado a stampare ciao!





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti