Consigli per supporto pellicola violaceo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
TricksterG
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 04/03/2012, 17:52
Reputation:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda TricksterG » 06/11/2014, 15:37

Come hypo clearing su ars imago ho visto il kodak, può andare? Ho visto anche prodotti a marca Edwal, ma non li conosco. Qualcuno li ha provati? Mi incuriosisce soprattutto il "no-scratch", ma non sapendo come agisce non vorrei fare danni..



Advertisement
Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda bafman » 06/11/2014, 15:44

ti dicevo della temperatura di risciacquo... non puoi semplicemente portare una pentolata a 22-24 gradi?



Avatar utente
.Leo.
guru
Messaggi: 556
Iscritto il: 23/08/2012, 18:15
Reputation:
Località: Livorno

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda .Leo. » 06/11/2014, 15:48

@
Avatar utente
TricksterG


..se vuoi fare una prova con l'HCA, celo! Aspetta a comprarlo..

:)



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9265
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda chromemax » 06/11/2014, 16:19

Va bene di qualsiasi marca, il Kodak è molto buono ma viene venduto in confezione "scomoda". Il no-scratch non è un eliminatore di iposolfito (o ausilio per il lavaggio come vengono definiti alcune volte) ma un liquido da passare sui negativi rigati per minimizzarne l'effetto sulle stampe finali.



Advertisement
Avatar utente
TricksterG
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 04/03/2012, 17:52
Reputation:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda TricksterG » 07/11/2014, 15:19

Ieri sera ho finito con la terza sessione di sviluppo (con lo stesso fix): diluizione 1:4, 6'-9'-10', nella seconda sessione ho tenuto la temperatura del fix sui 20°, nella terza ho mantenuto sopra i 22° sia il fix che una tanica d'acqua per il risciacquo. Un discreto miglioramento c'è stato, ma a questo punto mi vengono dei dubbi: mantenere più alta la temperatura del fix fin dal primo utilizzo ne aiuta la conservazione? (Non sono un chimico, ma immagino che lavorando al di sotto della temperatura ottimale verosimilmente debba "sforzare" di più e magari viene pregiudicata subito l'efficacia per gli usi successivi. È un'ipotesi, non ho idea se giusta.)

Al prossimo giro cerco di stabilire qualche costante così da poter eliminare alcuni dei dubbi: tengo la temperatura come ho fatto nella terza sessione, stessa diluizione, e minutaggio progressivo 6'-8'-10', come più o meno ho sempre fatto.

Se anche in quel caso i risultati fossero gli stessi, delle due l'una: o sono pignolo io, o quella tanica di fix è in qualche modo compromessa in partenza.

C'è nessuno che mi può confermare che si possono ottenere supporti (quasi) identici (ilford delta 400) usando un litro di fix agfa 1:5 come da bugiardino per al massimo 10 rulli totali?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda Silverprint » 07/11/2014, 15:44

Come ti è stato detto una leggera ed uniforme colorazione magenta non è un problema, né indica necessariamente un cattivo fissaggio.
Esagerare col fissaggio o col successivo lavaggio può produrre altri danni, non immediatamente visibili.

Come tempo di fissaggio è sufficiente un tempo che sia il doppio del tempo di chiarificazione completa, triplo se proprio si vuole star tranquilli, oltre è inutile e potenzialmente dannoso. Il test suggerito da Ilford è valido e consiste nel mettere prima una gocciolina di fix su una codina, lasciarla agire per un po' e poi immergere la codina nel fix e cronometrare il tempo di chiarificazione. La chiarificazione è completa quando tutta la codina è chiara come nel punto in cui si è messa la goccia.

L'Agfa FixAg (Agefix) è un ottimo prodotto. Con un litro si possono trattare 8-10 pellicole, ma il riutilizzo non è la procedura migliore poiché bisogna di volta in volta allungare il tempo di fissaggio. Per evitare questo problema conviene rigenerarlo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
TricksterG
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 04/03/2012, 17:52
Reputation:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda TricksterG » 07/11/2014, 15:59

Per rigenerare il fix (come quantità) come posso procedere?

Grazie comunque a tutti per i consigli



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda Silverprint » 07/11/2014, 16:06

In questo thread trovi tutte le info e anche il link al bugiardino.

aiuto-per-diluizioni-e-conservazione-fissaggio-fix-ag-t6501.html


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
TricksterG
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 04/03/2012, 17:52
Reputation:

Re: Consigli per supporto pellicola violaceo

Messaggioda TricksterG » 07/11/2014, 16:08

Per l'appunto, ho appena trovato la discussione (più che esauriente) sul Fix Agfa.. proverò rigenerando di volta in volta.
Grazie ancora





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite