Stampe Grigie

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 94
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Stampe Grigie

Messaggioda riccardo1982 » 24/01/2015, 18:14

Ciao, allora io uso HP5+ 400, ho provato anche PanF+50 e Agfa APX400 New Formula tutte sviluppate in Rodinal 1+50.
Ho rispettato i tempi come dal Massive DV Chart.
L'Agfa mi e' piaciuta molto. Quella che piu' ho utilizzato tuttavia e' la HP5. Nello stesso rullo ottengo fotogrammi sufficientemente contrastati e altri invece che danno stampe molto grigie.
In tali casi era meglio esporre di piu o di meno a parita' di tempi di sviluppo?
Cioe' per aumentare il contrasto sul negativo, come mi devo comportare?

Grazie.



Advertisement
Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Stampe Grigie

Messaggioda impressionando » 24/01/2015, 21:33

Sicuramente le stampe grige sono mal esposte e quelle buone hanno la giusta esposizione. Il problema non è esporre di più o di meno ma è esporre giusto e sviluppare per ottenere il contrasto che si vuole. Sugli scatti buoni è soprattutto il tempo di sviluppo che influenza il contrasto.
....dunque esponi con cura e vedrai che i risultati usciranno da soli.
Se un giorno poi non sai cosa fare dai una letta qui:
http://www.analogica.it/rivelatore-tri-x-400-lezioni-di-fotografia-t3018.html
Per capire il perchè e il percome il contrasto può variare sia con l'esposizione che con il tempo di sviluppo.



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Stampe Grigie

Messaggioda bafman » 24/01/2015, 22:25

riccardo1982 ha scritto:Nello stesso rullo ottengo fotogrammi sufficientemente contrastati e altri invece che danno stampe molto grigie.
In tali casi era meglio esporre di piu o di meno a parita' di tempi di sviluppo? .
quel "molto grigio" mi puzza di semplice tentativo di recupero di un fotogramma sottoesposto.
riesci a mostrarci i negativi dei fotogrammi delle due stampe che descrivi?
e ricordi quanti secondi hai esposto la carta in ciascuno dei due casi?



Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2983
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Stampe Grigie

Messaggioda Pacher » 24/01/2015, 22:46

Sorvolando la storia del DV Chart e quella dell'esposizione della pellicola…su cui sono stati scritti centinaia di libri e che già da solo merita almeno una prima lettura del thread citato da Paolo, quando dici "ottengo fotogrammi sufficientemente contrastati e altri invece che danno stampe molto grigie" vuol dire che hai provato a stampare i fotogrammi in modo identico lasciando invariati esposizione, contrasto, l'altezza della testa e ovviamente tipo di carta?

PS: SILVERPRINT CI MANCHI :ymhug:
:ympray:



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11670
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stampe Grigie

Messaggioda Silverprint » 25/01/2015, 9:59

Pacher ha scritto:PS: SILVERPRINT CI MANCHI :ymhug:

Sono alla mostra e prima la preparavo! :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 94
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Re: Stampe Grigie

Messaggioda riccardo1982 » 25/01/2015, 10:01

Domani vi spiego meglio...ho gia letto il blog citato. Il discorso è che parlandone con un fotografo lui mi ha detto che Hp5 di per se è meno contrastata di una TMax, per cui mi consigliava quest'ultima. Diceva che Ilford è morbida. Voi condividete?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11670
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stampe Grigie

Messaggioda Silverprint » 25/01/2015, 10:25

riccardo1982 ha scritto:mi ha detto che Hp5 di per se è meno contrastata di una TMax, per cui mi consigliava quest'ultima. Diceva che Ilford è morbida. Voi condividete?


No. È semplicemente una affermazione non veritiera e priva di senso.

Il contrasto dipende dallo sviluppo. Le due pellicole citate sono abbastanza versatili e con entrambe si possono fare sia foto morbide che foto contrastate.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 94
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Re: Stampe Grigie

Messaggioda riccardo1982 » 31/01/2015, 9:15

Vi aggiorno...allora da un po ottenevo queste stampe senza contrasto. Io ho sempre usato carta baritata foma grado 3. Ieri sera ho fatto una prova. Ho ristampato un negativo che mi aveva dato buoni risultati di contrasto. Bè ora invece sembra non averne più. Secondo me la carta (anche se presa identica) è molto differente da quella che ho utilizzato qualche mese fa.



Avatar utente
Giuseppe.C
fotografo
Messaggi: 96
Iscritto il: 19/10/2013, 11:40
Reputation:
Località: Torino

Re: Stampe Grigie

Messaggioda Giuseppe.C » 31/01/2015, 10:08

La temperatura dello sviluppo carta è costante? È stato diluito da molto?



Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 94
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Re: Stampe Grigie

Messaggioda riccardo1982 » 31/01/2015, 12:32

Ciao...la temperatura è sempre sui 20 °C. La soluzione è in effetti un pochino sfruttata. Ma cmq i tempi di comparsa sono abbastanza rapidi e alcuni negativi ben contrastati vengono cmq bene. Si...hai ragione, dovrei fare lo sviluppo carta nuovo per un confronto senza ulteriori variabili. Ma mi sa anche che inizierò ad utilizzare carta a contrasto variabile.
Con l occasione vi faccio una domanda. Da cosa posso vedere che lo sviluppo carta va sostituito?





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti