iperfocale e medio-formato

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11687
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda Silverprint » 07/03/2015, 19:03

Sissignore. :D


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
gonfiacani
guru
Messaggi: 387
Iscritto il: 26/06/2012, 9:01
Reputation:

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda gonfiacani » 07/03/2015, 20:07

NikMik ha scritto:Fotografando con 35mm: se ho in mente di fare ingrandimenti max 30x40, per essere "in sicurezza" con la PDC basterà regolare la messa a fuoco seguendo sulla ghiera le indicazioni della PDC relative al diaframma inferiore rispetto a quello realmente impostato (cioè, esempio: se sto scattando con diaframma 8, basterà mettere a fuoco regolandomi sui valori della PDC del diaframma 5,6...). Cioè, mettere a fuoco COME SE stessi scattando con un diaframma più aperto di quello realmente impostato.
Io avere capito? :)


Io non avere capito te... :(



Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda Slowhand78 » 07/03/2015, 22:13

Regolo il diaframma come 8 e la messa a fuoco come se avessi impostato 5, 6 ovvero metto l'infinito sulla tacca del 5, 6 e non su quella dell'8.... :-s
Più chiaro ora?


Daniele

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1945
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda NikMik » 08/03/2015, 1:18

Slowhand78 ha scritto:Regolo il diaframma come 8 e la messa a fuoco come se avessi impostato 5, 6 ovvero metto l'infinito sulla tacca del 5, 6 e non su quella dell'8.... :-s
Più chiaro ora?


Sì, ma prima di scattare dovrei controllare che il soggetto che mi interessa messo a fuoco non mi paia troppo vicino alla metà della distanza iperfocale (il limite della PDC), o no?

Ora vorrei vedere se ho capito come cercare di focheggiare a stima, abbiate pietà.
Mi riferisco ad applicazioni relative al mio attuale campo d'interesse, cioè la foto di strada.
Vado con un esempio:
Sto fotografando in formato 35mm con un obiettivo (diciamo lunghetto) e sto pensando si scattare con diaframma 8 per fare foto da stampare circa a 30x40, comunque non di pìù.
Mettiamo che non so a memoria e non ho in mano le tabelle delle distanze iperfocali. Allineo allora sul barilotto l'infinito alla tacca relativa al diaframma più aperto di uno stop rispetto a 8, dunque 5,6 (per la sicurezza di cui si parlava relativa a ingrandimenti max 30x40) e mi accorgo che la distanza iperfocale sarebbe - tiro a caso - di 25 metri. Osservando l'altra tacca relativa a quel diaframma mi segnerà sicuramente 12,5 m come distanza minima di messa a fuoco (la metà dell'iperfocale).
Ma a un certo punto un soggetto che mi interessa in un certo momento è sensibilmente più vicino della metà di quella distanza (diciamo a stima, che mi pare a non più di 7-10 metri); a questo punto NON devo scattare, altrimenti il soggetto sarebbe percepito probabilmente un po' sfocato, se ingrandissi la foto fino a 30x40....
Se mi trovo in questo frangente posso fare solo due cose: o avvicinare il punto di messa a fuoco e quindi rinunciare a usare l'iperfocale (e non avere più la messa a fuoco fino all'infinito); ma se la mia priorità è che la messa a fuoco vada fino all'infinito, e se la luce me lo consente, farò una seconda cosa: chiudo il diaframma per ridurre la distanza iperfocale, fino a che la distanza del soggetto risulta chiaramente superiore alla metà della nuova distanza iperfocale trovata cambiando diaframma.

Una terza cosa però forse la potrei fare per cercare di evitare PRIMA questi imprevisti. Mettiamo che voglio usare l'iperfocale per non dover continuamente focheggiare (magari i soggetti che mi interessano si muovono continuamente in direzioni imprevedibili, ecc.) e perché nello stesso tempo mi interessa avere sempre a fuoco sia i soggetti vicini, sia lo sfondo in cui si muovono.
PRIMA di cominciare a scattare, potrei osservare attentamente il luogo e i soggetti che mi interessano; prendo una volta per tutte l'esposizione (se la situazione di luce è stabile) e verifico prima SE la distanza iperfocale minima che posso permettermi (mantenendo i tempi di scatto in sicurezza per evitare micromosso o mosso) mi farà avere a fuoco tutti i soggetti che prevedo di fotografare. Se per esempio vedo che il diaframma più chiuso che posso permettermi mi darebbe una distanza iperfocale di 8 metri, e prevedo di fotografare i soggetti da una distanza NON inferiore, o al massimo inferiore di poco (comunque non avvicinandosi pericolosamente alla metà della distanza iperfocale, cioè il limite più vicino della PDC), forse posso andare tranquillo e puntare e scattare con l'iperfocale, senza più preoccuparmi né dell'esposizione né della messa a fuoco... o no?

Se poi la luce cambia continuamente e non ce n'è sempre abbastanza per utilizzare l'iperfocale e restare con i tempi in sicurezza... .... Allora, sai i' cche fo? Per il primo millisecondo dico: ma perché in una situazione del genere non ho preso una macchina con esposizione program e autofocus super rapido a inseguimento? Poi saggiamente dimentico subito questo pensiero, abbandono il campo e vado a farmi una iper-birra. Tanto non erano neanche soggetti interessanti ! E poi che stessero un po' fermi, che diamine !!! :))



Advertisement
Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda bafman » 08/03/2015, 14:36

Nik ti voglio bene ma non ce la faccio a leggerti per intero. #:-s perdonami.



Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1945
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: iperfocale e medio-formato

Messaggioda NikMik » 08/03/2015, 17:58

bafman ha scritto:Nik ti voglio bene ma non ce la faccio a leggerti per intero. #:-s perdonami.


E fai bene! Trattasi di proliferazione incontrollata delle mie elucubrazioni, in una notte insonne allucinata, imbottito di farmaci e molto cortisone... mi sa che non avrei passato una prova per il doping... meno male che Etrusco non ne fa ai membri del forum! :D
Quando recupero salute e lucidità cerco di spiegarmi meglio... :)





  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti