Canon 1000 FN

Discussioni sugli accessori per il formato 35mm

Moderatore: isos1977

Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda edoardo72 » 05/11/2011, 12:22

ciao ryo, devo chiederti scusa, avevo frainteso la tua frase.
Hai ragione.
Senza rancore, spero.

edo



Advertisement
Avatar utente
ryo
esperto
Messaggi: 285
Iscritto il: 01/04/2011, 11:53
Reputation:
Località: Napoli

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda ryo » 05/11/2011, 16:17

Scusa di cosa?
L'importante è che ci si dia sempre una mano!
Marcello



Avatar utente
ryo
esperto
Messaggi: 285
Iscritto il: 01/04/2011, 11:53
Reputation:
Località: Napoli

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda ryo » 12/12/2011, 9:40

"
3- Lunghezza focale Normale. Questa definizione è solamente una convenzione. Non c'è nulla di "normale" -se ci riferiamo alla visione umana- nel rapporto di ingrandimento, in come si possa vedere nel mirino o in come sia resa la prospettiva in un ottica "normale".
"


Ciao, dato che mi è capitato di rileggere questa discussione, ho notato che, in questa frase sopra riportata, c'è un riferimento ad un concetto da me espresso in precedenza.
Non essendomi molto chiara la questione, mi farebbe piacere un ulteriore approfondimento in merito.
Marcello

PS: riporto il mio scritto precedente:
"
Questi due termini si intendono riferiti sempre ad una focale detta “normale” che, per un dato formato, è rappresentata da quella lunghezza focale che, in mm, corrisponde alla lunghezza della diagonale dello stesso. In parole povere, per il formato 35mm, i cui lati sono 36x24mm e la cui diagonale quindi è poco più di 40mm, tutte le lunghezze focali inferiori possono essere definite grandangolari e quelle superiori teleobiettivi.
Un poco per convenzione, poi, nel formato 35mm è il 50mm ad essere definito “il” normale. Questo per tutta una serie di ragioni dettate, in primis, da esigenze progettuali.
A parità di punto di osservazione, poi, mentre con un grandangolare riuscirai ad includere più cose nell’inquadratura a discapito delle dimensioni delle stesse che vedrai rimpicciolite rispetto all’occhio nudo (dal medesimo punto di osservazione) e mentre con un tele otterrai l’effetto opposto, con un normale le cose ti appariranno, approssimativamente, delle stesse dimensioni con le quali puoi osservarle ad occhio nudo (dal medesimo punto di osservazione).
"



Avatar utente
ryo
esperto
Messaggi: 285
Iscritto il: 01/04/2011, 11:53
Reputation:
Località: Napoli

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda ryo » 12/12/2011, 10:18

Giusto per chiarire, mi sembra di aver sostenuto anche io il concetto di "convenzione" e di non aver fatto riferimenti alla prospettiva, ma solo a eventuali differenti rapporti di ingrandimento, quali "effetti" della variazione della lunghezza focale, a parità di punto di ripresa (questo supposto, da solo, sarebbe dovuto bastare per escludere implicazioni prospettiche, che abbisognano proprio della variazione del punto di osservazione ed hanno per oggetto, non il rapporto di ingrandimento in quanto tale, ma "i" rapporti tra le dimensioni degli elementi inclusi nell'inquadratura e giacenti su piani differenti).
Non ritieni dunque che il rapporto di ingrandimento possa essere preso ad esempio per chiarire il concetto di "normale"?
Sono interessato a conoscere la tua opinione perché, non essendo la prima volta che mi capita di fare questo tipo di esempio, vorrei evitare di continuare a commettere un errore.
Marcello



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11637
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda Silverprint » 12/12/2011, 22:58

ryo ha scritto:"....A parità di punto di osservazione, poi, mentre con un grandangolare riuscirai ad includere più cose nell’inquadratura a discapito delle dimensioni delle stesse che vedrai rimpicciolite rispetto all’occhio nudo (dal medesimo punto di osservazione) e mentre con un tele otterrai l’effetto opposto, con un normale le cose ti appariranno, approssimativamente, delle stesse dimensioni con le quali puoi osservarle ad occhio nudo (dal medesimo punto di osservazione)
"


Eccomi... non avevo visto il post precedente, settimane faticose.

In neretto la frase che non ha senso. Dipende da quanto si ingrandisce la stampa e l'assunto che l'osservatore tenderà a mettersi ad una distanza di osservazione pari alla diagonale della stampa è errato: se la stampa è piccola la distanza sarà maggiore, se la stampa è grande sarà minore.

Giusto invece osservare che la prospettiva è dovuta solamente al punto di ripresa e nulla ha a che vedere con la lunghezza focale.

Altro discorso è quello di una resa prospettica della stampa che possa essere percepita come naturale. Qui entrano in gioco il rapporto di ingrandimento, la distanza di osservazione della stampa e la lunghezza focale.
La percezione della prospettiva risulterà naturale quando la distanza di osservazione della stampa è in proporzione col rapporto di ingrandimento e la lunghezza focale. Se per esempio ingrandisco un negativo 24x36 10 volte (stampa 24x36 cm) e la foto fu scattata con un 50 mm, la distanza di osservazione a cui la prospettiva apparirà naturale sarà 50mmx10 = 50 cm.
Se, con lo stesso ingrandimento, la foto fosse stata scattata con un 20mm, la distanza di osservazione che renda la prospettiva "naturale" sarebbe di 20 cm, evidentemente scomoda, la guarderemo quindi da una distanza maggiore ed appariranno delle deformazioni prospettiche, ma se la stessa stampa fosse ingrandita 25 volte (60x90 cm) una distanza di osservazione di 50 cm sarebbe molto meno scomoda...
Nella mia esperienza se le stampe sono di dimensione adeguata l'osservatore tenderà inconsapevolmente ad assumere una distanza di osservazione vicina a quella che rende la prospettiva naturale.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
ryo
esperto
Messaggi: 285
Iscritto il: 01/04/2011, 11:53
Reputation:
Località: Napoli

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda ryo » 12/12/2011, 23:23

Grazie per la risposta, Andrea. Ignoravo completamente il concetto di "resa prospettica della stampa" e devo dire che i tuoi esempi, con le variazioni di focale e/o ingrandimento, mi hanno fatto riflettere.
La mia frase in neretto, quindi, pur non riferendosi ad una stampa, ma alla semplice osservazione "da mirino" (usando l'insieme macchina-obiettivo come strumento ottico di visione e non anche di ripresa), è da ritenersi inesatta?
Io pensavo che potesse "rendere il concetto" dire che, con un "normale", un oggetto posto ad una certa distanza non ci sarebbe apparso più grande o più piccolo che se osservato ad "occhio nudo". Diciamo che, approssimativamente, mi ero basato sul concetto degli "ingrandimenti" dei telescopi (x).
Marcello



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11637
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda Silverprint » 12/12/2011, 23:28

Beh... dipende dal mirino! E poi, una volta fatte?

In generale, si, c'è da riflettere...
Io per esempio, amando giocare con la "trasparenza" del mezzo, faccio stampe molto grandi e uso ottiche grandangolari, e devo dire che l'effetto di ritrovare la "prospettiva naturale" è piuttosto spettacoloso! ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
ryo
esperto
Messaggi: 285
Iscritto il: 01/04/2011, 11:53
Reputation:
Località: Napoli

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda ryo » 12/12/2011, 23:42

Il mirino sarebbe proporzionato al formato e, limitandosi solo ad un esempio per chiarire il concetto di normale, si potrebbe anche prescindere dal "dopo fatte"; ma è solo un'idea per un espediente che possa chiarire l'aspetto "pratico" della variazione di focale a parità di punto di osservazione, diciamo così.
Come quando monti un 200mm su 24x36 e un elemento posto ad infinito ti risulta essere 4 volte più grosso rispetto alla normale osservazione "ad occhio".
Ci credo senza il minimo tentennamento che l'osservazione, con quei presupposti, risulti spettacolosa; e come potrebbe essere altrimenti?!?!
Marcello



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11637
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda Silverprint » 13/12/2011, 0:03

Mah... uso poco il mirino (solo per verifica), però no, i mirini sono tanto diversi.

Mi spiego (forse, non saprei :)) ) non amo le "foto fatte nel mirino", cioè quelle che nel mirino funzionano fuori no. È l'ingannevole del reflex, molto pernicioso. Credo sia meglio considerare il mirino un semplice strumento di verifica di ciò che è visualizzato senza mirino, prima di metterci l'occhio. Andare a scandagliare un pezzettino di mondo col periscopio non funziona mica tanto bene... ;)
Anche sul vetro smerigliato sotto il cappuccio (scomoda goduria sadomaso) guardo solo che le poche cose fondamentali siano a posto e faccio quasi tutto prima.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: Canon 1000 FN

Messaggioda edoardo72 » 13/12/2011, 7:29

ryo
Anche i diaframmi più chiusi, poi, risentiranno di questa cosa, tanto che avrai, ad esempio, come diaframma minimo a 35mm un f16 e un f27, diciamo, a 200mm. Così anche per quelli intermedi.


la suddetta tesi da te sostenuta è chiaramente inesatta.

a 35mm e a 200mm il valore del diaframma impostato in chiusura non varia.

ciao Marcello; eccoti accontentato per lo spostamento della discussione. :)

edo





  • Advertisement

Torna a “35mm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti