Valutazione contrasto negativi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
darkrat
guru
Messaggi: 516
Iscritto il: 26/05/2014, 15:23
Reputation:
Località: Lago Maggiore

Valutazione contrasto negativi

Messaggio da darkrat »

Ciao a tutti,

ho sempre una certa difficoltà a valutare i contrasti dei negativi. Mi manca sicuramente esperienza e mi farò l'occhio man mano che andrò avanti a produrre negativi e stampe.

Ciononostante, conscio dell'importanza dei consigli dei più esperti, vi vorrei chiedere un parere sui negativi che ottengo, perchè non riesco mai a valutare bene se sono troppo o poco contrastati, e quindi se lo sviluppo è stato troppo lungo o breve.

Vi allego due negativi fotografati con il cellulare: uno (betulle) è un TMAX 100 4x5, esposto a 50, sviluppato in HC 110 1:63, per 8'45", con tank e mod54, agitazione continua i primi 30ss, poi 4 inversioni al minuto.
Il secondo (sentiero) è un HP5+ 400 4x5, esposto a 200, sviluppato in HC 110 1:63, per 8' con tank e mod54, agitazione continua i primi 30ss, poi 4 inversioni al minuto.

Stampo il tutto con testa a colori Durst.

La mia impressione è che la betulla sia troppo contrastata mentre il sentiero troppo poco.

Voi cosa ne pensate?
Allegati
IMG_20150323_201705_1.jpg
IMG_20150323_201546_1.jpg


Andrea

Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da Slowhand78 »

Io le valutazioni le faccio sulle stampe; ovvero parto con un grado 2 di carta e cerco di ottenere i toni scuri e chiari che voglio senza intervento. Se dal provino ottengo sia i chiari che gli scuri con lo stesso tempo il contrasto del negativo è giusto, altrimenti provvedo a cambiare il contrasto della carta fino ad ottenere i neri e i bianchi con lo stesso tempo. Spero di essermi spiegato. :)
Daniele

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4823
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da impressionando »

Il fatto è che ad un negativo sbagliato più che a rappezzarlo in stampa gli devi andar dietro.....
....e comunque indurire la stampa di un negativo morbido non è la stessa cosa che ammorbidire un negativo duro con carta morbida. Insomma la carta a contrasto variabile è da interpretare per scopi creativi più che per compensare errori di esposizione e trattamento.
E' molto meglio tenere in pugno la situazione in ripresa piuttosto che stampare in difesa. Chi sa il fatto suo in ripresa sa già cosa fare prima di entrare in CO.

Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da Slowhand78 »

Sono totalmente d'accordo con te, infatti una volta appurato il fatto di avere un negativo troppo morbido o troppo contrastato, il passo successivo è quello di regolare esposizione e sviluppo dei negativi successivi.
P.s.
Il forum è pieno di discussioni su queste cose, veramente, basta cercare un pochino, uno su tutti il post lezioni di fotografia. :ymhug:
Daniele

Avatar utente
darkrat
guru
Messaggi: 516
Iscritto il: 26/05/2014, 15:23
Reputation:
Località: Lago Maggiore

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da darkrat »

Grazie, conosco quelle discussioni e condivido i suggerimenti di entrambi.
La scarsa possibilità di stampare di frequente mi impedisce però di fare continui raffronti fra negativi e stampe. La mia curva dell'apprendimento è, ahimè, così molto appiattita. Cerco nei libri e in questo forum un supporto per continuare a crescere anche senza l'esperienza in CO.
Ho applicato e applico la verifica del contrasto in fase di stampa (come non farlo) e sicuramente lì, pur se con qualche difficoltà, mi rendo conto degli errori fatti. Vorrei però imparare a leggere il negativo prima di arrivare in stampa.
Inoltre è proprio sullo sviluppo del negativo che ho minor esperienza, avendo ricominciato dopo timidi approcci giovanili, dopo 30 anni, e su stimolo di Silverprint. E' per questo che ho aperto questa discussione, per carpire dalle vostre risposte sui negativi i "segreti" di una lettura esperta del negativo.
Andrea

Avatar utente
LikeAPolaroid
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 30/01/2010, 14:44
Reputation:

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da LikeAPolaroid »

Io partirei dal provino a contatto.

Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da bafman »

condivido i contributi precedenti, comunque ti offro la mia risposta alla tua domanda specifica:

il primo lo vedo bene, è giusto che la corteccia di betulla presenti questi chiariscuri e il primo sottobosco ha una marezzatura adeguata, anzi è proprio il bosco di sfondo a essere senza contrasti ma penso che vada bene così; lo squarcio a destra impone attenzione in stampa.

il secondo è leggero, un po' sottoesposto ma adeguatamente sviluppato mi pare

Avatar utente
darkrat
guru
Messaggi: 516
Iscritto il: 26/05/2014, 15:23
Reputation:
Località: Lago Maggiore

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da darkrat »

Grazie Alberto, intanto ho già imparato una nuova parola!

Per il provino a contatto torniamo al mio problema di scarso, scarsissimo tempo per la CO: diciamo 12 volte all'anno, a volte concentrate in pochi mesi...

La sottoesposizione del secondo negativo potrebbe esserci, avevo infatti il dubbio di aver sbagliato ad impostare la sensibilità sull'esposimetro.

Andando un po' OT, la composizione del primo è effettivamente sbagliata. La foto si inserisce in un mio progetto sugli alberi che prende spunto da un bel libro di Mauro Corona, Le voci del bosco, che a proposito delle betulle dice:

Alta, elegantissima, diritta, sempre perfetta nel suo abito bianco, la betulla è la regina del bosco. Riservata, ma conscia della sua bellezza, si fa desiderare e non concede facilmente le sue grazie. Non appartiene a quella categoria di donne che visibilmente ti fanno capire la loro disponibilità. Il suo desiderio, la sua scelta, i suoi gusti, li devi intuire dall'impercettibile movenza delle fronde. E nemmeno allora sei sicuro che ti abbia detto sì. Sa di essere la protagonista del bosco e questo la rende un po' superba e vanitosa. Come tutte le donne, dietro un'apparente fragilità nasconde una tenacia, una forza di volontà e una resistenza insospettabili. E' capace di sopportare pesi immani. Le grandi fatiche della vita che spezzano alberi alla vista ben più robusti non la piegano neppure. Anzi gli sforzi la fortificano e, una volta assorbiti, ne esce ancora più resistente. Le donne betulla, alte, eleganti, con un certo che di malizioso negli occhi, non si muovono mai a scatti. La natura della betulla e l'educazione ricevuta le conferiscono sempre un pacato autocontrollo [...]
Andrea

Avatar utente
Aleksej6
guru
Messaggi: 472
Iscritto il: 14/12/2012, 17:09
Reputation:
Località: Ceriale (SV)

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da Aleksej6 »

Sembrano abbastanza contrastati, direi che vanno bene. Può giovare in questi casi una passata nel selenio (dil. 1+3 per 10') per intensificare i neri.

Avatar utente
darkrat
guru
Messaggi: 516
Iscritto il: 26/05/2014, 15:23
Reputation:
Località: Lago Maggiore

Re: Valutazione contrasto negativi

Messaggio da darkrat »

Grazie, il selenio è ancora un perfetto sconosciuto, ma vedrò di rimediare! Grazie
Andrea

Rispondi