Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecologici

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
garellix
guru
Messaggi: 300
Iscritto il: 03/05/2014, 22:08
Reputation:
Località: Lecco

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da garellix »

ciao,
ho trovato nel listino della ornano un prodotto di sviluppo per carte chiamato ecotol che e privo di idrochinone ,ciò lo dovrebbe rendere anche meno pericoloso, e poi la ornano e una azienda italiana, e quindi meno chilometri percorsi...+green!!!

finalmente qualcuno che non pensa solo a se stesso !! :-bd


...sono curioso fa parte del mio essere...(%) mi chiamo Andrea non Garellix!

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da schyter »

per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, uno pseudo Caffenol commerciale esiste >>> https://www.flickr.com/photos/lancephot ... 8163881545
per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, il doppio bagno DD23 o simili dura un'eternità (consumo meccanico dello sviluppatore) IMHO
così come recuperare l'argento dal fissaggio >> http://www.globusrecovery.it/recuperoAg.html (ce ne sono molti altri... anche sistemi fai da te!)

a scanso di equivoci, per la cronaca, (a parte il DD23 Stoeckler) NON USO NIENTE di tutto ciò... (%)
Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
fanfi56
fotografo
Messaggi: 55
Iscritto il: 14/05/2013, 12:56
Reputation:

Re: R: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ec

Messaggio da fanfi56 »

schyter ha scritto:per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, uno pseudo )

Ma perché non ti compri una digitale !
Eviti di inquinare , non spendi soldi in pellicole

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: R: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ec

Messaggio da schyter »

fanfi56 ha scritto:
schyter ha scritto:per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, uno pseudo )

Ma perché non ti compri una digitale !
Eviti di inquinare , non spendi soldi in pellicole

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
mi sa che nn hai capito il senso della risposta... e si che ho pure scritto che >> "a scanso di equivoci, per la cronaca, (a parte il DD23 Stoeckler) NON USO NIENTE di tutto ciò.." ma vedo che nn è bastato. Cmq ne ho 3 o 4 di catorci dgt. :)
Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: R: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ec

Messaggio da schyter »

fanfi56 ha scritto:
schyter ha scritto:per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, uno pseudo )

Ma perché non ti compri una digitale !
Eviti di inquinare , non spendi soldi in pellicole

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
mi sa che nn hai capito il senso della risposta... e si che ho pure scritto che >> "a scanso di equivoci, per la cronaca, (a parte il DD23 Stoeckler) NON USO NIENTE di tutto ciò.." ma vedo che nn è bastato. Cmq ne ho 3 o 4 di catorci dgt. :)
Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
DavideG(83)
esperto
Messaggi: 210
Iscritto il: 13/10/2011, 8:20
Reputation:
Località: Bologna

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da DavideG(83) »

fanfi56 ha scritto:
schyter ha scritto:per chi l'ecologia viene prima di tutto e la qualità delle pellicole nn è fondamentale, uno pseudo )

Ma perché non ti compri una digitale !
Eviti di inquinare , non spendi soldi in pellicole

Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
Anche dentro una digitale c'è un sacco di roba inquinante, con tutti quei componenti elettronici :-B una rolleiflex forse è più riciclabile :p

Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 7489
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da Pierpaolo B »

joeantyChiede consigli per se stesso e per salvaguardare soprattutto il suo ambiente in CO.
Anticipo che dopo quasi 35anni di CO il mio apparato rirpoduttivo funziona a meraviglia ed è in condizioni invidiabili.
La stessa domanda me la posi pure io soprattutto quando avevo la CO in casa e cercai risposte interpellando diverse persone che potevano essere il praticone navigato piuttosto del tecnico del depuratore passando dal medico di famiglia e dal chimico navigato.
Le risposte furono le più disparate ma le conclusioni che trassi furono che l'idrochinone era usato in modo massiccio nei cosmetici e oggidì è utilizzato in alcuni medicinali. I chimici comuni (eccetto metalli pesanti) il depuratore se li mangia come il pane (mi dissero che era meglio la fogna del cassonetto). In CO di vapori se ne sviluppano veramente pochi a meno che non si tengano i chimici a 60°; l'unica reazione con sviluppo di gas è il passaggio da sviluppo a stop ma se si dosa bene lo stop manco quello.... l'odore del fix è sgradevole ma non penso faccia più male dell'aria di città...... poi pure l'odore della cacca e sgradevole ma non ha schede di sicurezza.

Insomma l'unico terrore che ho è che qualcuno si beva qualche chimico e per questo prendo precauzioni....
....poi se qualcuno ha problemi all'apparato riproduttivo non dia la colpa alla CO anzi approfitti della luce rossa per fare pratica :D

PS: aggiungo poi che il mondo è pieno di paradossi "ecologici" si pensi alle lampade ecologiche che richiedono un'energia per la produzione e smaltimento ben superiore a quella risparmiata
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
stuombo
fotografo
Messaggi: 68
Iscritto il: 25/07/2015, 12:12
Reputation:

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da stuombo »

Riuppo questo vecchio topic (non odiatemi) in quanto credo che mai come oggi il problema ambientale debba essere affrontato...
Sono un vero novellino della camera oscura (6 o 7 rullini sviluppati, e 3 sessioni di "stampa") ma sono anche un convinto ambientalista. Condivido il punto di vista di chi dice che in casa usiamo già prodotti chimici più o meno inquinanti, e che forse le sostanze della camera oscura non sono poi così tossiche come crediamo, ma io sono del parere che meno sostanze chimiche riversiamo nell'ambiente e meglio è (lo smaltimento corretto a mio parere è solo una pippa mentale, alla fine sti benedetti chimici da qualche parte vanno a finire, di certo non scompaiono nel nulla... Affidarli all'isola ecologica non credo risolvi qualcosa) Il problema della salute non me lo pongo (fumo e bevo) ma ci tengo a non avvelenare gli oceani ( :| )
Detto questo, mi sembra che esistano sostanze a basso impatto ambientale (acido ascorbico, fenidone, carbonato di sodio) che possono essere usate per gli sviluppi (non me ne vogliano i puristi) così come per gli arresti (semplice acido citrico), per i fissaggi non so...
Visto e considerato che il consiglio di tutti gli esperti sembra quello di concentrarsi più sulle idee e su come scattare le foto correttamente, piuttosto che rimbambirsi a cercare l'"acqua santa", la mia umile richiesta è:

C'è qualche anima pia che vorrebbe condividere con noi pseudo-ecologisti qualche ricettina semplice per preparare uno sviluppo negativi, uno per carta e un fissaggio il più possibile a basso impatto ambientale con i chimici puri facilmente reperibili sui nostri cari siti di materiale analogico?
Forse chiedo troppo ma se riesco a rendere ecologica il più possibile la mia catena poi mi sentirei molto meno in colpa ogni volta che stampo o sviluppo...
Niente di mistico, mi basta un liquido che SVILUPPI e uno che FISSI, non faccio il fotografo e non guadagno sulle foto che faccio, quindi non ho particolari esigenze, e spero di non essere l'unico a pensarla così!

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2398
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da ammazzafotoni »

stuombo ha scritto:Riuppo questo vecchio topic (non odiatemi) in quanto credo che mai come oggi il problema ambientale debba essere affrontato...
Sono un vero novellino della camera oscura (6 o 7 rullini sviluppati, e 3 sessioni di "stampa") ma sono anche un convinto ambientalista. Condivido il punto di vista di chi dice che in casa usiamo già prodotti chimici più o meno inquinanti, e che forse le sostanze della camera oscura non sono poi così tossiche come crediamo, ma io sono del parere che meno sostanze chimiche riversiamo nell'ambiente e meglio è (lo smaltimento corretto a mio parere è solo una pippa mentale, alla fine sti benedetti chimici da qualche parte vanno a finire, di certo non scompaiono nel nulla... Affidarli all'isola ecologica non credo risolvi qualcosa) Il problema della salute non me lo pongo (fumo e bevo) ma ci tengo a non avvelenare gli oceani ( :| )
Detto questo, mi sembra che esistano sostanze a basso impatto ambientale (acido ascorbico, fenidone, carbonato di sodio) che possono essere usate per gli sviluppi (non me ne vogliano i puristi) così come per gli arresti (semplice acido citrico), per i fissaggi non so...
Visto e considerato che il consiglio di tutti gli esperti sembra quello di concentrarsi più sulle idee e su come scattare le foto correttamente, piuttosto che rimbambirsi a cercare l'"acqua santa", la mia umile richiesta è:

C'è qualche anima pia che vorrebbe condividere con noi pseudo-ecologisti qualche ricettina semplice per preparare uno sviluppo negativi, uno per carta e un fissaggio il più possibile a basso impatto ambientale con i chimici puri facilmente reperibili sui nostri cari siti di materiale analogico?
Forse chiedo troppo ma se riesco a rendere ecologica il più possibile la mia catena poi mi sentirei molto meno in colpa ogni volta che stampo o sviluppo...
Niente di mistico, mi basta un liquido che SVILUPPI e uno che FISSI, non faccio il fotografo e non guadagno sulle foto che faccio, quindi non ho particolari esigenze, e spero di non essere l'unico a pensarla così!
Parlando del "già fatto" (non sono ancora così evoluto da mettermi a miscelare da me) sto usando uno sviluppo eco per carta AG+, una linea, credo fatta in casa, da quelli di Fotomatica a Milano, e mi sta risultando "simpatico".

Avatar utente
stuombo
fotografo
Messaggi: 68
Iscritto il: 25/07/2015, 12:12
Reputation:

Re: Rispettare l'ambiente (e se stessi) ovvero chimici ecolo

Messaggio da stuombo »

Beh io sono lungi dall'essere evoluto! Volevo provare il caffenol, ma da come se ne parla sembra più una "moda" che uno sviluppo...
E poi io non li passo in digitale i negativi!

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi