Ilford Delta 3200

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 413
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da popecide »

Riapro questa discussione perché è forse la più recente delle molte da me prese a riferimento per provare una Delta 3200 135 per la prima volta.
Diciamo che non mi sono messo nelle condizioni più facili, almeno per quanto riguarda le riprese: ho fatto alcuni scatti in notturna girando per Venezia cercando di applicare al contrario la regola dell'esporre per le ombre, facendo quindi la lettura spot su zone illuminate (in un range da EV 2 a EV 4) e poi allungando i tempi impostando la SE a 1600. Non ho mai scattato più di 1 secondo per non dover correggere il difetto di reciprocità (Ilford raccomanda non inferiore a 1/2).
Per quanto riguarda lo sviluppo ho deciso di usare il Microphen: la scheda tecnica riporta 9 minuti a 3200 e 8 minuti a 1600 ma ho provato a ridurre il tempo del 30% sul nominale (cioè 6,5 minuti).
Allego qualche fotogramma preso col cellulare, se qualcuno ha voglia di darmi un parere.
Tra l'altro, il negativo asciutto ha qualche striatura che non so se imputare al calcare o all'imbibente: devo ancora tarare questa parte. Considerato che ho un'acqua di rete durissima, preferisco usare acqua demineralizzata per gli ultimi due cicli di risciacquo del metodo Ilford e anche per il passaggio in imbibente (Agfa diluito 1/400 anziché 1/200 come consigliato). Anche da questo punto di vista vi ringrazio per un parere.
Allegati
EV4 (sulla testa del ponte) F2 T1/4
EV4 (sulla testa del ponte) F2 T1/4
EV2 (sul parapetto del ponte in primo piano) F2 T1
EV2 (sul parapetto del ponte in primo piano) F2 T1
EV3 (sulla spalla della statua) F1.4 T1/15
EV3 (sulla spalla della statua) F1.4 T1/15



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11715
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da Silverprint »

Ciao,

A vederli sul monitor sembrano proprio sovrasviluppati. Di notte in città il contrasto è molto alto, comunque, e per tenerlo a bada bisogna sviluppare poco. Sono anche sotto-esposti.

Visto che non c'è alternativa al cavalletto direi che è più utile preoccuparsi di altre caratteristiche che non siano la sensibilità.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
roby02091987
guru
Messaggi: 1065
Iscritto il: 06/02/2013, 12:50
Reputation:

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da roby02091987 »

Tra l'altro, il negativo asciutto ha qualche striatura che non so se imputare al calcare o all'imbibente: devo ancora tarare questa parte. Considerato che ho un'acqua di rete durissima, preferisco usare acqua demineralizzata per gli ultimi due cicli di risciacquo del metodo Ilford e anche per il passaggio in imbibente (Agfa diluito 1/400 anziché 1/200 come consigliato). Anche da questo punto di vista vi ringrazio per un parere.
Posso darti una mano solo riguardo questa parte: se usi acqua demineralizzata, le striature sono certamente dovute all'imbibente (troppo concentrato).
Comunque le striature da imbibente le elimini semplicemente passandoci sopra il guanto di cotone.
Io uso il WAC wetting agent in concentrazione 1+500 in acqua distillata e non ho striature.

Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 413
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da popecide »

@Silverprint
Quindi, per lo sviluppo, scendere a 5,5 minuti sarebbe stato più corretto?
Per quanto riguarda invece l'esposizione, almeno a questi livelli di EV, tanto vale andare su una pellicola da 400?
@roby
Uso il WAC anch'io, rivedrò senz'altro il dosaggio.

Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 681
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da emmeffepi »

Alla diminuzione del tempo di sviluppo avrei abbinato, prima, un bel bracketing +1 +2 ...se hai esposto per 1 secondo eri già dentro il difetto di reciprocità...da qui i negativi sottoesposti
personalmente poi non avrei mai usato una pellicola ad alta sensibilità per quel tipo di scatti (e mi sarei orientato su una acros 100...sempre in bracketing)
Massimiliano

Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 413
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da popecide »

Per quel tipo di scatti intendi per quei valori di luminosità?

Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 681
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da emmeffepi »

intendo per i notturni con esposizioni oltre il mezzo secondo...anche perchè la acros 100 non soffre il difetto fino a due minuti di esposizione ;)
e comunque sempre in ampio bracketing
Massimiliano

Avatar utente
rolloman
fotografo
Messaggi: 36
Iscritto il: 16/02/2012, 23:04
Reputation:

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da rolloman »

Ciao a tutti,
allora non ho mai usato questa pellicola (delta 3200) ho fatto delle foto durante una performance di danza in interni, ho esposto a 1000 iso, la sala era discretamente illuminata, non da luce diretta però, ora di pranzo cmq, diciamo che le condizioni esposimetriche erano le seguenti a f 5,6: parete di fondo zona V/VI a 1/125, telo grigio a dx zona tra IV e V 1/60, pavimento in legno tonalità abete zona IV 1/30, i danzatori purtroppo non ho avuto il tempo di misurarli, cmq il primo aveva una carnagione olivastra, la seconda una carnagione piuttosto chiara credo che misurandola mi avrebbe dato 1/250, chiaramente sono tutte letture del grigio medio, la misurazione l'ho fatta con esposimetro spot Sekonic ad 1°.
La mia scelta esposimetrica è stata alla fine f 5,6 a 1/125 per la maggior parte degli scatti, ho fatto 5 rulli da 120, scattandone 4 con hasselblad 500 cm e 1 con rolleiflex.
A questo punto, visto che ho esposto per la SE, che sviluppo mi consigliate? So che avrò grana, tuttavia non vorrei esaltarla, credo cmq sia utile sovrasvilluparla un pochino per aumentare un po il contrasto e permettere alle alte luci di avere più densità restituendole più bianche sulla stampa finale.
Ho letto qui sulla discussione di sviluppi in rodinal (ma credo che esalti troppo la grana), in HC-110(ma ho paura che mi alzi troppo le densità nelle alte luci) in tmax dev (potrebbe essere una scelta per via della compensazione, ma ho paura che mi tiri fuori una grana non molto ben disegnata).
Questi 3 sviluppi più l'R09 studio li ho già in casa, mi consigliate cmq di utilizzare uno sviluppo ilford tipo Microphen o altro?
Grazie in anticipo per i consigli.
Buona primavera.
Rolando
Ah dimenticavo, ho fatto anche 6 lastre 4x5 HP5 400 esposte a 250, Ho scattato a f 5,6 1/30 pensavo di svilupparle in HC-110 che ne pensate?
Ultima modifica di rolloman il 30/03/2016, 11:24, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Gian_luca
esperto
Messaggi: 255
Iscritto il: 13/03/2016, 21:02
Reputation:

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da Gian_luca »

Ciao a tutti.
Qualcuno ha provato a svilupparla in Ars-Imago FD? Nel caso ha rispettato tempi e diluizioni consigliate?
Altra domanda da neo arrivato: ma quando parlate di pellicola esposta a x iso, nel caso in un post si dice di averla esposta a 1600 iso, poi lo sviluppo come si fa, secondo tempi e diluizioni per 1600 o 3200? Cioè esponete per iso diversi ma poi come sviluppate?
Grazie

Avatar utente
umperio
esperto
Messaggi: 169
Iscritto il: 25/02/2015, 23:28
Reputation:

Re: Ilford Delta 3200

Messaggio da umperio »

La esponi a 1600 (meglio ancora qualcosa in meno) e la sviluppi con i tempi per 3200.
Io l'ho provata sia con l'hc-110 1+63 che con Xtol stock. Col primo la grana è più evidente, e data l'elevata energia dello sviluppo Ars Imago mi aspetterei un risultato abbastanza simile. Con Xtol restituisce una grana più fine e una buona gamma tonale.
Umberto

Rispondi