Stampa al carbone

Disussioni sulle tecniche alternative come l'infrarosso od il foro stenopeico

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
massimodec
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 30/04/2014, 2:03
Reputation:

Re: Stampa al carbone

Messaggioda massimodec » 13/05/2015, 10:43

=Gibo= ha scritto:...
E' indispensabile stampare a contatto o è possibile anche nusare l'ingranditore e magari il medioformato? Ciao!


Cado ora su questo interessante argomento.

Sono tutte tecniche che usano sostanze chimiche sensibili ai raggi ultra violetti UV: quindi fortemente ridotti dai vetri e soprattutto da lenti di condensatori e/o obiettivi. Per cui bisogna sempre stampare a contatto. Gli antichi ovviamente usavano la luce del sole con i famosi torchietti che tenevano insieme negativo e carta.

Se si vuole ingrandire una immagine, si possono realizzare o degli internegativi fotografici con ingranditore, oppure dei negativi digitali, stampando su acetato apposito.
Lì però entrano in gioco prove e tentativi, per studiare la densità del negativo più adatta alla tecnica che si sceglie...



Advertisement
Avatar utente
pollospiedo
esperto
Messaggi: 168
Iscritto il: 10/01/2015, 17:14
Reputation:

Re: Stampa al carbone

Messaggioda pollospiedo » 09/01/2017, 0:36

Complimenti!!!! Sei partito alla grande direi...
Per un periodo mi sono avvicinato alle antiche tecniche ma poi proprio la laboriosità dei procedimenti mi ha allontanato.
Resta lo stimolo a creare letteralmente il supporto finale e nel caso specifico del carbone la matericità del prodotto finito.
Per la fonte UV hai usato la classica lampada abbronzante o hai creato qualche cosa di pii impegnativo?
Se non sbaglio la stampa al carbone segue la falsa riga della gomma bicromata... Hai usato un negativo digitale o cosa?

Mi raccomando aggiornaci !





  • Advertisement

Torna a “Tecniche alternative”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti