Sviluppo hp5+ con r09 one shot.

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9515
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Sviluppo hp5+ con r09 one shot.

Messaggio da chromemax »

andynaz ha scritto:Perciò, in quali casi andrebbe usato il Rodinal?
http://www.analogica.it/quando-usare-il ... 15625.html



Avatar utente
Lorenz93
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 18/05/2017, 16:49
Reputation:

Re: Sviluppo hp5+ con r09 one shot.

Messaggio da Lorenz93 »

chromemax ha scritto:
Lorenz93 ha scritto:"Purtroppo" ho acquistato un kit all-in-one con tank e tutto il necessario e non ho scelto i chimici
Tranquillo, farai sicuramente un buon primo sviluppo :)
Mi spiace averti inquinato il thread
Ma no figurati!! Ogni consiglio per me è un arricchimento !Grazie per la partecipazione piuttosto! :)

Avatar utente
FeliX
esperto
Messaggi: 174
Iscritto il: 30/06/2016, 14:43
Reputation:

Re: Sviluppo hp5+ con r09 one shot.

Messaggio da FeliX »

chromemax ha scritto:
FeliX ha scritto:
chromemax ha scritto:Ribadisco che il Rodinal/R09 one shot non dovrebbe essere, imho, la "prima scelta" di chi comincia...
Perchè lo pensi?
Perché il Rodinal non sfrutta bene la sensibilità della pellicola e unita al fatto che chi comincia usa la sensibilità dichiarata della pellicola porta ad una sottoesposizione degli scatti, che è la prima caratteristica di un negativo difficile da stampare.
I tempi di trattamento più diffusi del Rodinal, e quindi verosimilmente adottati da chi comincia, sono relativi alla diluizione 1+25 che è abbastanza aggressiva e richiede trattamenti brevi, col rischio di sviluppo poco uniforme da parte di chi ha poca pratica, ed un rischio anche maggiore di sovrasviluppo, seconda caratteristica di un negativo difficile da stampare (1).

Il Rodinal è uno sviluppo "modaiolo", circondato da un'aurea mistica abbastanza usurpata oggi come oggi, e tramandata attraverso i social. Tende a sellare la curva caratteristica e produce una grana visibile e secca; in stampa è facile ottenere (a causa anche alla cronica sottoesposizione inconsapevole) quel "look da street photography" o "reportage impegnato" di foto granose con neri chiusi e luci sparate abbastanza scontato e banale ma che imperversa dai primi anni '70 (ma allora c'era un motivo) e dal quale non è esente neanche il digitale. Ma semmai lì ci si arriva, non ci si parte...

(1) Internet è zeppa di <<vorrei un negativo ben contrastato>>: un buon negativo è moscio e grigio
Thanks!

Rispondi