Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
tobar
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/04/2017, 11:59
Reputation:

Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda tobar » 12/11/2017, 17:31

Buonasera!
Perdonatemi per le tante domande e magari scontate, ma essendo alle prime armi chiedo chiarimenti prima di cimentarmi nell'opera.
Vorrei iniziare a sviluppare i negativi in b/n ed ho visto che è tornato disponibile il kit su ars-imago con tank, i loro chimici ed accessori.
Oltre ad aver visto qualche video su YT, mi sono letto pure le loro istruzioni e bugiardini dei chimici, che poi mi stamperò per averli sottomano al momento dello sviluppo.
Avrei alcune domande da farvi:
- Ho visto che nel kit sono presenti due bottiglie vuote, suppongo per il riutilizzo dell'arresto e del fissaggio. L'imbibente invece consigliano di diluirlo e in una caraffa da utilizzare poi per metterci direttamente a bagno la pellicola. Non ho capito se è riutilizzabile o meno e se nel caso sia sconveniente riutilizzarlo data la bassa percentuale di diluizione. Considerando che le bottiglie vuote sono due e che il kit è completo, immagino di doverlo buttare dopo l'utilizzo, giusto?
- Per portare a temperatura l'acqua ho letto che molti mettono a i cilindri riempiti d'acqua a bagno in acqua e ghiaccio/mattonelle. una volta portati a 20° levo e inizio il processo col il rilevatore, posso levare anche gli altri chimici data la temperatura ambiente in casa e continuare il procedimento con i chimici che eventualmente cambiano temperatura "insieme" o è meglio sempre controllare ed eventualmente sistemare le temperature? Posso utilizzare semplice acqua del rubinetto per preparare le soluzioni, anche se piuttosto dura?
- Ultimissima cosa. Non ho grandi spazi e pensavo di caricare la pellicola nel tank la sera in un bagno sottoscala a porta chiusa. Mi conviene comunque valutare anche l'acquisto di una changing bag o è superflua?



Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1601
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda ammazzafotoni » 12/11/2017, 17:40

Ciao

Non so quale prodotto di sviluppo propongano nel kit che hai visto, ma suppongo ne sia consigliato uno da utilizzare ad una diluizione tale che sia a perdere. Di bottiglie puoi usare quel che vuoi, alcune sono meglio di altre ma per ora non mi farei problemi.
Per i chimici io uso acqua del rubinetto (i prodotti sono in genere tamponati per il calcare) miscelando l'acqua finché non arrivo a 20 gradi; la soluzione raffreddante di cui parli è in genere da applicare d'estate.
L'imbibente è un sapone, poi conservarlo quanto vuoi (in una qualsiasi bottiglia) a meno che non faccia alghe all'interno.
Per il caricamento della tank, fa prima delle prove con un rullino-vittima sacrificale: se riuscirai a inserirlo nella tank in poco spazio potresti valutare per una changing bag, se, come me, non riesci (col 120) e ti serve spazio, no...
Ultima modifica di ammazzafotoni il 12/11/2017, 17:40, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
tobar
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/04/2017, 11:59
Reputation:

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda tobar » 12/11/2017, 17:55

Grazie per la risposta!
I chimici del kit sono tutti a marchio Ars-Imago. Lo sviluppo è one-shot, non mi tornava il discorso relativo al riutilizzo dell'imbibente diluito ma ho notato ora che nella pagina dedicata al prodotto scrivono che, una volta diluito, si conserva per due settimane, quindi immagino di poterlo buttare e rifare ogni volta che devo sviluppare un negativo.
A proposito del 120.. per svilupparlo nella tank devo mettere la stessa quantità di soluzione del singolo 135 o il doppio, come se sviluppassi due rullini 135 insieme?



Avatar utente
franzbulg
esperto
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/03/2016, 23:18
Reputation:
Località: Pisa

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda franzbulg » 12/11/2017, 18:11

tobar ha scritto:A proposito del 120.. per svilupparlo nella tank devo mettere la stessa quantità di soluzione del singolo 135 o il doppio, come se sviluppassi due rullini 135 insieme?


In genere sul fondo della tank sono indicate le quantità di liquido a seconda del tipo di pellicola. Per esempio 135 290 ml, 120 500 ml.
O anche: Immagine


Giulio
______
They say my print quality is bad. Darling, they should see my negatives (Lisette Model)

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7437
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda chromemax » 12/11/2017, 19:25

...ed è meglio abbondare un po' col chimico



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1601
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda ammazzafotoni » 12/11/2017, 21:01

Sbaglio, o la diversa quantità di soluzione si deve solo alla maggior larghezza del 120, poiché questa deve ricoprirlo tutto, piuttosto che alla pellicola in sé, visto che le superfici tra 120 e 135 sono equivalenti?



Avatar utente
tobar
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/04/2017, 11:59
Reputation:

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda tobar » 12/11/2017, 23:03

Perfetto, grazie ancora. Faccio l'ordine in settimana, per provare ad inserire la pellicola prendo un rullino di colorplus200 che mi pare la più economica che ci sia (sia bn che colore) e faccio qualche prova a vuoto. Anche io chiedevo della quantità di soluzione necessaria per i rulli 120 perché essendo più alto del 35 pensavo che non rimanesse a bagno completamente..
Inoltre mi dovrei procurare un rullino esposto da sviluppare, ho una tmax 100 ( o forse delta 100..) già in parte esposta con le ultime foto delle vacanze estive, ma siccome immagino che il primo tentativo abbia diverse possibilità di mal riuscita meglio evitare di usare proprio quello.. farò qualche uscita con le macchine!

Inviato dal mio LG-H850 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
alessiostm
esperto
Messaggi: 223
Iscritto il: 21/03/2013, 12:41
Reputation:
Località: Padova

Re: Chiarimenti chimici per sviluppo B/N

Messaggioda alessiostm » 13/11/2017, 15:10

ammazzafotoni ha scritto:poiché questa deve ricoprirlo tutto


è proprio così, la pellicola deve essere sempre completamente immersa nel liquido (a parte durante le agitazioni ovviamente).





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Valerio81 e 2 ospiti