1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Spazio Aperto a qualunque tipo di discussione, idea o proposta non necessariamente legata alla fotografia

Moderatore: DanieleLucarelli

Avatar utente
carlo_tt
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 05/02/2015, 15:44
Reputation:

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda carlo_tt » 10/08/2017, 15:15

Che storia interessante! E capita a proposito, proprio qualche settimana fa ho visto nella vetrina di un negozio di Roma che mi piace frequentare una Rectaflex "tropicale" (pare che abbia le tendine adatta all'uso in ambienti molto umidi). Mi sono incuriosito ed ecco qui che trovo un pozzo d'informazioni!
Grazie Elmar



Advertisement
Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 1984
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda Elmar Lang » 10/08/2017, 15:48

Eh, quella Rectaflex con le tendine "tropicali", l'ho vista proprio a Castelsangiovanni: un oggetto storicamente molto interessante.

Nel volume di Antonetto, la cosa è ampiamente descritta. Ripeto, quel volume si legge come un appassionante romanzo!

Grazie per le parole molto gentili,

Enzo


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 1984
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda Elmar Lang » 15/08/2017, 19:04

Salve,

per proseguire con quanto accennato circa la Rectaflex già del "Laboratorio Sperimentale" della fabbrica romana, ho appena scattato qualche immagine dell'apparecchio. Scuserete la pessima qualità "da telefonino", ma la fotocamera digitale di famiglia, la ha con sé mia moglie, all'estero con i bambini, che raggiungerò domani.

Per primo, il corpo-macchina, con il tappo in alluminio tornito e fresato, privo del logo:

Immagine

Il carter superiore, con visibile la sigla interna incisa e la leva di carica "tipo-Liechtenstein":

Immagine

L'apparecchio, con dorso asportato (visibile il n. di matricola e l'iscrizione per la Télos):

Immagine

Il carter interno inferiore, con iscrizioni:

Immagine

Ed infine, la Rectaflex, completata con uno Schneider Xenon 50mm. f:2:

Immagine

A presto,

E.L.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
ilpellicolaro
esperto
Messaggi: 168
Iscritto il: 05/07/2012, 23:37
Reputation:
Località: Milano

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda ilpellicolaro » 17/08/2017, 17:13

Veramente bellissima!
Quella doppia ghiera per tempi veloci e lenti poi.. B-)



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 1984
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda Elmar Lang » 17/08/2017, 18:42

Salve,
la doppia ghiera del selettore dei tempi, è comune a tutti i modelli della Rectaflex, eccetto la "Junior".
La particolarità del mio esemplare è unicamente nella leva di carica (che non impedisce di azionare comunque anche il pomello) e nella sigla di provenienza dal Laboratorio Sperimentale.
È un peccato, che alla fine dell'azienda, archivi, materiali, prototipi (e macchinari), abbiano preso le strade più diverse, spesso semplicemente "portati a casa" da dipendenti e collaboratori in liquidazione.
Altro materiale fu portato in Liechtenstein, dove poi finì in gran parte svenduto come rottame.
Nonostante la Rectaflex sia ben conosciuta e tutto sommato nemmeno rarissima, credo che vi sia sempre qualche "tessera" da aggiungere al mosaico storico di questo nostro primato tecnologico.
A presto,
Enzo (E. L.)


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
lucap77
fotografo
Messaggi: 31
Iscritto il: 07/01/2016, 15:40
Reputation:

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda lucap77 » 26/08/2017, 22:07

Che pezzo!!!! Grazie ancora per le informazioni, che leggo molto volentieri!



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 1984
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda Elmar Lang » 28/08/2017, 19:30

Ti ringrazio per il commento.

Come detto, spero di poter presto "rimettere in pista" questa fotocamera (e l'altra di cui accennavo).

Usare vecchie fotocamere è un piacere ed un divertimento, che spesso riserva delle sorprese davvero interessanti.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 1984
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: 1947-2017: settant'anni d'un primato Italiano

Messaggioda Elmar Lang » 01/12/2017, 10:37

Salve,

aggiorno questa discussione, perché alcuni giorni fa sono rientrato in possesso della mia Rectaflex "Laboratorio Sperimentale", magnificamente restaurata da Giampaolo Ferro.

Visto che l'appetito vien mangiando, gli avevo portato anche un'altra Rectaflex (questa, completa dei certificati di garanzia e collaudo originali per corpo ed ottica), che iniziava a dare "segni di squilibrio".

Ora, entrambe funzionano in maniera perfetta e devo fare una sincera lode al Riparatore che, oltre ad essere una persona gentilissima e paziente, dimostra una grandissima passione per il suo lavoro ed anche una notevolissima conoscenza di questa reflex italiana.

La scorsa settimana sono andato da mia madre e, "scavando" tra i ricordi di famiglia, ho riaperto lo scatolone con alcuni albums di foto scattate da mio nonno, alcune delle quali, ricordavo fossero state scattate con la Rectaflex. Ho infatti trovato, tra le altre, tre stampe, di cui una a colori, da lui eseguita col procedimento "dye transfer" di Kodak, da diapositiva Ferraniacolor; le altre, in b/n, le cui note al retro, informano che i negativi son stati eseguiti con Rectaflex dotata di ottica 50mm. SOM-Berthiot. Tutte e tre le stampe datate tra il 1956 3 '57, dai bollini applicati, vedo che parteciparono alla "Biennale di Genova - Associaz. Fotografica Ligure.

Curiosamente, nello stesso scatolone, c'era un piccolo involto di panno, che conteneva -sorpresa!- un'ottica da 50mm. SOM-Berthiot "Flor" da 50mm. f:2,8 in montatura per la reflex romana e poi, in una scatoletta di cartone, un polarizzatore, il paraluce "ASVOP" ed alcuni filtri, tutti originali Rectaflex.

Credo che da lassù, il nonno mi guarderà male, se non proverò almeno a scattarci un rullino, con gli apparecchi appena rimessi a nuovo e, magari, con il suo "Flor", che non appare quasi per nulla malandato.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)



  • Advertisement

Torna a “Open Space”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti