E adesso sono un po' stufo pero'!

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9424
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda chromemax » 21/11/2014, 22:18

Al contrario di Ludola io trovo molto difficile caricare le spirali in acciaio e spesso la pellicola mi si daneggia con danni irreversibili ai negativi, soprattutto quelle con il supporto più sottile (Rollei 400S ad es.), magari dovrei cambiare spirali (uso le ISE in inox) ma so che esistono dei modelli compatibili con le tank Paterson che sono inarrivabili nella velocità di riempimento e svuotamento. Non ho fatto prove con la Jobo 2500, che ha una spirale più grande e uno spazio maggiore tra le spire, anche a causa dell'elevata quantità di chimico necessaria al trattamento se non usate in rotazione. Nelle spirali in inox non si possono caricare due pellicole una dietro l'altra per quanto ne so e penso che per il sistema di caricamento che usano, anche usare la tecnica di caricare due pellicole appaiate dorso contro dorso sia quantomeno difficile da applicare se non impossibile.



Advertisement
Avatar utente
Ludola
fotografo
Messaggi: 46
Iscritto il: 12/09/2014, 18:37
Reputation:

Re: R: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda Ludola » 21/11/2014, 22:18

Pacher ha scritto:
Ludola ha scritto:Se può servire io ho risolto questo tipo di problema passando alle tank e spirali stainless steel (che tra le altre cose i rullini, specialmente 120, si caricano con molta più facilità.

Le spirali in acciaio tengono due pellicole una dietro l'altra?

Ho una tank da 450ml che prende una spirale 120 e due 35mm. Mai riscontrato problemi. Ho da poco acquistato una tank da 800ml (se non erro) che prende 4 35mm e due 120. Più di 2 35mm non sviluppo mai, quindi la tank grande la uso solo per il 120.

@
Avatar utente
chromemax

Col 120 mi trovo benissimo rispetto alle spirali in plastica. Anche vero che alcune pellicole richiedono più cautela.
Per quanto riguarda il 35 ci vuole un po di pratica ma poi fila tutto liscio.
Come molte cose credo sia una questione di abitudine
Ultima modifica di Ludola il 21/11/2014, 22:23, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9424
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda chromemax » 21/11/2014, 22:23

impressionando ha scritto:Comunque ho notato che ci sono pellicole ben predisposte a questo.....

Si questo l'ho notato anch'io

impressionando ha scritto:le Rollei Ortho non sono riuscito a svilupparle in POTA senza bolle se non aggiungendo qualche goccia di imbibente nel prebagno (ben consigliato per le ortho). Forse è l'emulsione idrorepellente che non si lascia bagnare.

Stesso problema ma in questo caso le bolle erano distribuite sulla superficie del negativo e non localizzate nel bordo; c'è anche da dire che il POTA fa più schiuma del Vidal :))



Avatar utente
franz
guru
Messaggi: 325
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda franz » 24/11/2014, 10:55

-Sandro- ha scritto:Ho risolto aggiungendo un grammo/litro di EDTA tetrasodico al primo sviluppo (si trova più facilmente il sale bisodico, ma abbassa leggermente il pH della soluzione, contrastando l'azione dello sviluppo)


Quale è il meccanismo di funzionamento dell' EDTA in questo caso?
Vado a memoria ma "dovrebbe" essere un sequestrante del ferro: ha anche una funzione "bagnante"?



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5719
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda -Sandro- » 24/11/2014, 13:58

In generale i sali sodici dell'EDTA sono sequestranti di calcio e magnesio, rendono quindi l'acqua meno dura e, probabilmente, come dici tu, più "bagnante", anche se il vero effetto tensioattivo lo ottieni con i saponi.
Forse favorisce l'uniformità di azione dello sviluppo, ma non essendo un vero chimico, ma solo un paperoga, non saprei dirlo.
Avevo letto non ricordo dove di questo rimedio, che ho applicato ed ha funzionato, quindi pari pari lo riporto.



Avatar utente
franz
guru
Messaggi: 325
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda franz » 25/11/2014, 10:18

-Sandro- ha scritto:In generale i sali sodici dell'EDTA sono sequestranti di calcio e magnesio, rendono quindi l'acqua meno dura e, probabilmente, come dici tu, più "bagnante", anche se il vero effetto tensioattivo lo ottieni con i saponi.


Se è un sequestrante ha quindi la stessa modalità di funzionamento del Calgon.
Vi è un qualche motivo per preferirlo a questo o in qualche modo è diversa la sua azione?



Avatar utente
fotocelluloide
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 11/07/2010, 11:24
Reputation:

Re: E adesso sono un po' stufo pero'!

Messaggioda fotocelluloide » 07/02/2018, 18:18

Scrivo qua che forse puo' essere di aiuto. Anche a me stessi identici problemi (non sempre).
Premetto che ho anche io Tank Paterson (quelle con il tappo a vite), da due e da tre spirali. Un Tank a 2 spirali di queste è identica alle altre ma è senza nome (c'è solo scritto made in Spain), quest'ultima ha una dose minima di 550cc per i formati 120 contro i 500cc delle Paterson. Non ho mai fatto caso alle differenze di marche e ho sempre mescolato i pezzi delle varie tank senza farmi problemi. Oggi mi è sorto il dubbio e ho provato a fare vari test di riempimento con l'acqua. Prima cosa ho appurato che i 500cc su Paterson sono proprio tirati al minimo, poi ho verificato che quando metto il perno centrale della "made in Spain" nella tank Paterson la spirale sta "piu' alta" perchè il perno non riesce ad infilarsi nella parte bassa quindi occorrono almeno 550cc anche sulla Paterson in questo caso. La differenza di misura dei due perni mi fa a anche pensare al pericolo di possibili infiltrazioni di luce nella fase di svuotamento della tank. Attenzione quindi anche a mescolare tappi, perni, spirali (queste potrabbero avere volumi diversi) di varie marche anche se apparentemente compatibili. Provero' a fare il bravo, vediamo se il difetto sparisce.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti