Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 360
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda popecide » 13/02/2018, 23:11

@-)


Wendy, I'm home! (Jack Torrance)

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8492
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda chromemax » 13/02/2018, 23:39

Scordisk ha scritto:Questo è perché non ti sforzi di capire; ;-)
ti ricordi quando l'anno scorso, scrivevo di questa "latitudine di posa" della T-max 400 che il produttore promuoveva come 800 ISO senza sviluppi prolungati, non mi capiva neanche Silverprint, ma si tratta sempre di rifiuto di capire.
Oggi ti stavo leggendo dove scrivevi che questi 800 ISO sono un po' esagerati (da parte della Kodak), e sono d'accordo, come l'anno scorso sono stato "ugualmente d'accordo con la mia predetta affermazione".

Ora spiego a te e al collega che prima commentava il mio post; uso il lessico dei venditori del caffè e del tè:

- Io ti dico che caffè arabica sia più aromatica di caffè robusta
- tu presenti due grafici della cannella e dici che loro curva aromatica sia lieve, poco ripida
- io ti rispondo che caffè arabica in ogni caso, ha il piede di aroma più intenso del caffè robusta, perché mi tengo al tema.
- tu mi rispondi che io erro, perché il tè di Ceylon sia più aromatico, (ovvero, tradotto: che "il Tri-x abbia il piede più espresso" del Tmax400) - mentre, in verità non abbiamo mai parlato di Tri-X, ma chi lo qui menzionava, ripete qualcosa che ha letto, ma nella conversazione in questo thread, si comporta come guastatore.

E va bene, è una giornata fredda, forse bisogna passare sul tè.

:)
Adesso credo di aver capito, in effetti non si parlava di Tri-X



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8492
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda chromemax » 14/02/2018, 0:06

Umberto M ha scritto:L'intento era quello di mostrare la differenza tra le pellicole in uso al tempo e una pellicola dal comportamento molto diverso (la Tmax 400).
A titolo di esempio allego alcune curve caratteristiche di pellicole con sensibilitànominale 400.

Queste sono curve caratteristiche più recenti di qualche pellicola 400 iso nominali; anche se i gradienti di sviluppo sono vicini ma non identici, si vedono chiaramente gli andamenti, con la T-max 400 che ha un piede molto corto e l'impennata caratteristica sulle altissime luci (si nota anche sul grafico pubblicato sul datasheet, anche se relativo al D-76 stock), la HP-5 dal piede più arrotondato e l'appiattimento sulla spalla, le due bergger dal piede molto lungo e la leggera "insellata" sui toni medi e medio-scuri tipica del R09
g31044.png



Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 749
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda Ri.Co. » 15/02/2018, 15:25

Si dice confrontare le mele con le pere..questo intendeva scordisk, direi



Advertisement
Avatar utente
Umberto M
fotografo
Messaggi: 49
Iscritto il: 05/01/2018, 9:38
Reputation:

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda Umberto M » 16/02/2018, 19:30

Grazie chromemax per i grafici sempre molto esplicativi. Ho letto con attenzione all'articolo sul blog. È stato molto utile per mettere insieme concetti che.avevo ma non padroneggiavo. L'esperimento di esporre la Tmax a 3 Iso è davvero illuminante.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Umberto M
fotografo
Messaggi: 49
Iscritto il: 05/01/2018, 9:38
Reputation:

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda Umberto M » 16/02/2018, 19:46

Posso chiedere un altro chiarimento? Lasciando da parte il fattore grana e sfruttamento della sensibilità mi sarei aspettato una maggior variazione della forma della curva caratteristica al variare del rivelatore. L'andamento del tuo grafico (ottenuto con D76 1+1) assomiglia molto a quello pubblicato da Kodak relativo al Tmax developer. Solo uno sviluppo compensatore quale il D76 stock porta ad un leggero ingobbimento nella zona delle alte luci. Questa scarsa ''sensibilità'' rispetto al rivelatore utilizzato è una mia idea? Il tuo grafico della Begger dimostra che altre pellicole sono più sensibili al cambio di rivelatore cambiando di molto la forma della curva caratteristica. Giusto?

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8492
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda chromemax » 16/02/2018, 23:26

In realtà l'incidenza delle caratteristiche delle pellicole è assai sopravvalutata e molto di quanto si legge in rete è frutto di flussi di lavoro poco "chiusi" e... boh, suggestione?
Variazioni tra pellicola e pellicola sono più marcate che tra diversi sviluppi con la stessa pellicola.
Il D-76 stock non è poi così tanto compensatore, rispetto ai veri compensatori, è il paragone de facto proprio per il suo equilibrio generale.



Avatar utente
Umberto M
fotografo
Messaggi: 49
Iscritto il: 05/01/2018, 9:38
Reputation:

Re: Latitudine di posa Tmax 400 e sistema zonale

Messaggioda Umberto M » 19/02/2018, 16:54

Ti ringrazio veramente per la pazienza.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti