opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Discussioni sui vari accessori necessari in camera oscura (tank, termometri, marginatori, taglierine, focometri, timer, esposimetri, etc..)

Moderatore: isos1977

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda -Sandro- » 12/04/2018, 12:12

Quel filo di terra è sicuramente connesso allo statore di una delle due pompe di circolazione, occhio che lasciato in giro così se va su una fase scoperta ti fa un bel botto.

Ci sono per caso dei sensori ottici sullo scivolo di inserimento della carta? Perché in tal caso il motore sarebbe comandato dall'inserimento del foglio.



Advertisement
Avatar utente
Roberta
appassionato
Messaggi: 24
Iscritto il: 05/09/2017, 17:55
Reputation:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda Roberta » 12/04/2018, 12:17

Mi servirebbe una mappa delle parti elettriche ma non credo che sia nel manuale.
Ho chiamato un posto che faceva riparazioni per Durst e Termaphot a Milano e stanno vedendo se riescono a trovarla.
Sarebbe utilissima.
Ultima modifica di Roberta il 12/04/2018, 12:20, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Roberta
appassionato
Messaggi: 24
Iscritto il: 05/09/2017, 17:55
Reputation:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda Roberta » 12/04/2018, 12:19

Infatti non accendo niente ancora. Preferisco portarla a qualcuno a Roma che se ne intende. Io purtroppo non ho idea.
Grazie per i consigli.



Avatar utente
Roberta
appassionato
Messaggi: 24
Iscritto il: 05/09/2017, 17:55
Reputation:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda Roberta » 12/04/2018, 12:33

non mi sembra che ci siano sensori ottici dove si inserisce la carta



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda -Sandro- » 12/04/2018, 13:01

Purtroppo non si può dire molto senza avere la macchina tra le mani: il motore può essere fermo per il banale distacco di un filo, per la bruciatura di un fusibile in caso di sovraccarico, per il blocco delle bronzine, per la distruzione del riduttore ad ingranaggi. Insomma ci vuole un tecnico. Lo schema dell'impianto elettrico per un esperto è del tutto superfluo, si tratta di uma macchina di concezione assai semplice.



Avatar utente
Roberta
appassionato
Messaggi: 24
Iscritto il: 05/09/2017, 17:55
Reputation:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda Roberta » 13/04/2018, 14:14

Grazie Sandro. La faro' vedere ad un tecnico la prossima settimana e ti faro' sapere come va a finire!



Avatar utente
Arbogast
esperto
Messaggi: 289
Iscritto il: 22/01/2013, 9:55
Reputation:
Località: Campi Bisenzio

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda Arbogast » 15/04/2018, 9:26

Ma qualcosa di simile Nuovo non esiste?



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: opinioni sulle sviluppatrici automatiche

Messaggioda -Sandro- » 15/04/2018, 9:45

Che io sappia non c'è nulla di produzione attuale, i minilab hanno reso obsolete queste macchine già 20 anni fa.

Sono rimaste:

Jobo printlab con ricambi ancora esistenti ma dal costo elevatissimo (un set di telai per la 3504 costa 2600 euro).

Thermaphot e derivate con altro marchio (durst RCP ecc.) senza ricambi, ditta fallita o cessata.

San Marco (come Thermaphot)

Meteor Siegen (come Thermaphot)

Varie produzioni marchiate Ilford veramente vecchie.

E poi ci sono macchine di produzione giapponese che non conosco.





  • Advertisement

Torna a “Accessori vari per camera oscura”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti