Sviluppo lastre 4x5

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Umberto M
fotografo
Messaggi: 46
Iscritto il: 05/01/2018, 9:38
Reputation:

Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda Umberto M » 31/05/2018, 14:11

Ciao a tutti,

spero di non essere inopportuno aprendo un (ennesimo) thread sull'argomento.

Attualmente utilizzo il MOD 54 su tank Paterson. Mi trovo abbastanza bene. Il caricamento è veloce e non mi è mai capitato di fare grandi disastri.
Avendo in progetto di incrementare l'utilizzo di lastre 4x5 sento però l'esigenza di incrementare la produttività. I sistemi che ho preso in considerazione sono i seguenti:

- Multitank 8 + 2 MOD 54 (12 lastre)
L'upgrade mi costerebde circa 120€. Sono preoccupato dal consumo di chimici.
A questo proposito è possibile utilizzare una quantità di fissativo inferiore al limite di riempimento della tank e procedere con agitazione continua fino al tempo di fissaggio ?

- Jobo serie 2500
Il costo per una 2050 nuova e 2 porta lastre sarebbe di 250€. (12 lastre)

- jobo expert 3010 (10 lastre)
Nuova costa 500€

Non conosco per nulla il mondo jobo. Non ho capito se possono essere utilizzate in manuale con un sistema di rotazione rudimentale o addirittura utilizzando le inversioni.
In particolare non riesco a capire se è possibile l'inserimento dei liquidi senza l'utilizzo delle CPA/CPE.

Grazie
Umberto



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4945
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda -Sandro- » 31/05/2018, 15:44

In effetti usando il sistema Jobo hai diverse possibilità.

Tamburo serie 2800/2500, in particolare il 2830 ha l'altezza giusta per ospitare due spirali 2509n che portano sei lastre ciascuna (9x12cm oppure 4x5")
Questi tamburi possono avere sia il tappo a pressione per uso manuale (e quindi fatti girare su un sistema di rulli prescindendo dall'uso della sviluppatrice), oppure usati con lo stesso tappo manuale su sviluppatrici prive di lift (CPE2/CPP/CPA). Possono poi essere muniti di tappo dentato per essere usati su sviluppatrici munite di lift.

Il sistema expert richiede espressamente il lift e non può essere usato sulla piccola CPE2, ma solo su macchine CPP, CPA (ed ovviamente le varie ATL, ma non la ATL1500).

La denominazione dei tamburi 2500 e 2800 può generare confusione.

Anni fa infatti i tamburi da sviluppo erano denominati 25xx ed erano privi di costole interne, mentre i tamburi da stampa erano denominati 28xx ed erano dotati di costole interne in rilievo per ancorare i fermi delimitatori di formato, nel caso di stampe multiple di piccoli formati in tamburi grandi.

Negli ultimi anni di produzione (prima della cessazione) Jobo ha unificato i tamburi sotto la serie 2500, visto che le costole interne non disturbano l'uso delle spirali da sviluppo. Perciò oggi è facile trovare entrambi. Solo nel caso della stampa la vecchia serie 2500 non va bene perché non è possibile usare le costole.
Ultima modifica di -Sandro- il 31/05/2018, 15:59, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4945
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda -Sandro- » 31/05/2018, 15:54

In particolare, l'ultima denominazione jobo è questa:

- Multitank 1 o 2513 : una spirale 135
- Multitank 2 o 2521 : due spirali 135, oppure una 120, oppure una 2509n (con tappo tradizionale)
- Multitank 2 o 2523 : due spirali 135, oppure una 120, oppure una 2509n (con tappo per lift)
- Multitank 5 o 2551 : cinque spirali 135, oppure 3 spirali 120, oppure una spirale 2509n (con tappo tradizionale)
- Multitank 5 o 2553 : cinque spirali 135, oppure 3 spirali 120, oppure una spirale 2509n (con tappo per lift)
- Multitank 6 o 2561 : sei spirali 135, oppure 4 spirali 120, oppure due spirale 2509n (con tappo tradizionale)
- Multitank 6 o 2563 : sei spirali 135, oppure 4 spirali 120, oppure due spirale 2509n (con tappo per lift)

La Multitank 6, che è quella che va bene anche per te esiste anche come tamburo da stampa 2830 ed è identica.

- Modulo prolunga 2560 ( o 2870 o 2840) : aggiunge sei spirali 135 , oppure quattro spirali 120 alla multitank 1 o 2

La multitank 8 è la combinazione di multitank 2 + modulo 2560, la multitank 12 è la combinazione di multitank 6 + modulo 2560; mentre la prima richiede un litro di prodotto in rotazione, la seconda ne richiede 1.8 per bagnare tutte le pellicole.
Ultima modifica di -Sandro- il 31/05/2018, 18:14, modificato 3 volte in totale.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4945
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda -Sandro- » 31/05/2018, 17:25

Per quanto riguarda un minor volume di fissaggio (i fissativi sono prodotti per verniciature) nella multitank 8, con le mod54, non so cosa dirti, non le conosco. Dovrai fare delle prove considerando che 12 lastre (secondo me) richiedono almeno un litro di fissaggio per stare tranquilli.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8236
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda chromemax » 31/05/2018, 19:09

Al di là del numero di lastre trattabili in una singola tornata c'è anche da considerare il quantitativo minimo di sviluppo: ad esempio il D-76 1+1 richiederebbe un quantitivo minimo di 250 ml di soluzione stock per 4 lastre 4x5, quindi per 10 lastre sono necessari 625 ml di stock (250+250+125) che diluiti 1+1 diventano 1250 ml di soluzione superando il quantitativo massimo consigliato si 1 litro per evitare l'affaticamento del motore della Jobo. Non conosco i drum 2500 e 2800 ma personalmente preferisco sempre avere tornate di sviluppo con meno lastre, anche perché usando il SZ, le variazioni di sviluppo sono frequenti.



Avatar utente
Umberto M
fotografo
Messaggi: 46
Iscritto il: 05/01/2018, 9:38
Reputation:

Re: Sviluppo lastre 4x5

Messaggioda Umberto M » 04/06/2018, 11:00

Grazie delle risposte.
Per Sandro: la situazione è effettivamente complessa. Ti ringrazio per il riassunto. Immagino che il tappo tradizionale permetta di riempire e svuotare la tank manualmente così come una normale Paterson. Giusto ?
Per Chromemax: grazie dell'avvertimento relativo alla quantità massima di liquido utilizzabile per il trattamento in sviluppatrice. La soluzione sarebbe dunque quella di usare rivelatori più enegici che permettono di sviluppare un maggior numero di lastre con la stessa quantità di bagno (Agfa studio per esempio).





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite