Tecnica per la fotografia notturna

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 88
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda Federico Pari » 07/08/2018, 23:25

Bene allora direi che non resta che fare una prova nei prossimi giorni :)



Advertisement
Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 656
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda Ri.Co. » 07/08/2018, 23:34

Tornando alla questione dell’esposizione misurata sullezone immediatamente adiacenti alla luce (fonte), questa sera ho voluto provare qualcosa, dato che pur con risultati soddisfacenti ho sempre adottato un metodo diverso. La scena è un paesello rurale con poca luce diffusa,un paio di lampioncini stradali, uno in facciata e superfici scarsmente riflettenti, intonaci grezzi tra il grigio e il sabbia. Ora misurando la zona di “luce” (acros @50iso) ottengo [email protected]/30”. Faccio 2 scatti a f8 con 2” e 4” (+6 e +7). Lo scatto a +8 ahime non ho potuto farlo causa forza maggiore.
Poi per vezzo misuro alla vecchia maniera e il portone in legno scurissimo di facciata, in penombra, misura nel punto che anche a occhio è appena leggibile [email protected]”, per me una zona 3 vera. I conti non tornano dovrei scattare a [email protected]”, 2 stop in più della misurazione precedente ed esposta a +7 stop. Lo scorso anno stesso paese situazione analoga ho fatto notturni espsoti a [email protected]” e sono venuti secondo me molto bene, sia le luci che la leggibilità delle ombre. Deduco che qualche valutazione in più andrebbe fatta, forse e soprattutto dove c’è molta caduta di luce o poca luce diffusa come in città. Sbaglio?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11156
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda Silverprint » 08/08/2018, 1:44

Non sbagli. Con meno sorgenti di luce e meno luce diffusa e magari anche senza la "cappa" che copre la città e diffonde la luce bisognerà esporre di più e anche dare meno contrasto allo sviluppo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 88
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Tecnica per la fotografia notturna

Messaggioda Federico Pari » 10/08/2018, 12:56

Allora, come promesso (o forse sarebbe meglio dire minacciato :D ) metto qui le prime due stampe relative al primo rullino di prova. Scusate per la qualita' della scansione, non so perche' il mio scanner aggiunga quelle strane macchie (ho provato a pulire il piano ma nulla), spero che si possa dedurre qualcosa.

La prima stampa e' effettuata a contrasto 2, la seconda a contrasto 2.5, nessun intervento per entrambe.

Ricordo i "dati tecnici": tmax100 esposta a 100 iso; sviluppo D76 1+1 22 gradi per 5' netti. L'esposizione l'ho presa sul parte bassa del muro sotto al lampioncino in primo piano, sopra al cartello di senso unico (era la piu' luminosa con dettaglio ancora visibile, le altre parti erano circa uno stop sotto a quella) e l'ho sovraesposta di +6/7/8 stop. Le due stampe sono quelle relative alla sovraesposizione di +6.

Come previsto da @
Avatar utente
chromemax
le luci non sono bucate :D e gia' forse questo e' un mezzo miracolo

Considerazioni personali: vorrei piu' chiara la parte in ombra del campanile, immagino che sia bene prendere le esposizioni a +7 o +8 stop, ma prevedo di bucare le luci (stavolta veramente) . Sarebbe il caso di rifare tutto provando a sviluppare a 20 gradi?

img-180810114619-001.jpg

img-180810115251-001.jpg





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti