Zenit 11

Forum dedicato alla libera recensione e quotazione di materiali, oggetti e strumenti legati alla fotografia analogica

Moderatore: etrusco

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 3787
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Zenit 11

Messaggioda graic » 22/08/2018, 11:03

Secondo me la soluzione migliore è quella di scegliere tempi e diaframmi tra quelli indicati da un buon esposimetro, sia montato sulla macchina che esterno, usato con criterio. La regola del 16 in pratica equivale a fotografare con una bella macchina di plastica degli anni '50 (tipo Agfa Clack o ferrania Eura) anche con quelle si scattava e se il culo ci aiutava le foto venivano pure bene, ma stare a fare picche d'angelo sulla macchina più o meno prestazionale o sull'obiettivo più o meno buono e poi affidarsi al didietro per il risultato, bah! Questa è la mia opinione ricavata in 50 anni di esperienza poi se volete continuare a fare sciamanerie, padroni!


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Advertisement
Avatar utente
Scordisk
esperto
Messaggi: 281
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Zenit 11

Messaggioda Scordisk » 22/08/2018, 12:09

Salvo ha scritto:F11 con 1/250 mi sembra una buona soluzione. Con la digitale, micro 4/3-crop 2x, metto f5.6 ed ho una pdc pressochè totale. E' corretto come paragone?


Non conosco il metodo sulle digitali.
Ad occhio, ma anche ragionando logicamente: un obiettivo di 58 mm per formato 35mm analogico, produce un angolo di campo visivo ed una prospettiva - che tali rimangono sulla foto impressa sugli sensori di mezzo-formato, micro quello o micro l'altro - quello che ottieni è solo un cropping (rittaglio) usando la zona centrale "dell'impressione". Non ci sarà effetto teleobiettivo.

Se gli adattatori per le digitali non possiedano delle lenti, F11 o altre aperture, rimangono tali su tutti i corpi macchina. Così come la PdC.



Avatar utente
Salvo
appassionato
Messaggi: 8
Iscritto il: 19/08/2018, 15:33
Reputation:

Re: Zenit 11

Messaggioda Salvo » 22/08/2018, 16:31

Il fattore di crop del sensore, 2X nel micro 4/3, è dovuto invece al differente angolo di campo, a parità di ottica, determinato dalla diversa (minore) superficie del sensore. Un crop 2X determina un angolo di campo dimezzato. Quella che fisicamente nel FF è un'ottica 25mm, nel micro 4/3 equivale a 50mm. Rimane invariata l'esposizione, f5.6 rimane f5.6, ma siccome ci si deve allontanare dal soggetto come se fosse 50mm, la profondità di campo raddoppia, e la zona di messa a fuoco equivale a quella ottenibile con f11 nel full frame.





  • Advertisement

Torna a “Recensioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite