Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
canon ftb
fotografo
Messaggi: 90
Iscritto il: 07/07/2014, 8:28
Reputation:

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda canon ftb » 02/10/2018, 10:19

Che dire non amavo molto la 100 ma ben venga, purtroppo come tutti ivecchi divento un rompi....lle con la nostalgia della Kodakrome 25 e c'era anche la kodracrome 120 ma a parte i paignistei, tutto è ben quello che finisce in bene , nel senso che se il mercato risponderà la pellicola tornerà, mi è venuta anche la rima !
Parlano del super 8: accidempolina muoio dalla voglia di rispolverare i vecchi e fedeli ferri analogici che tutti deridevano e che non ho svenduto, voglio disseppellire ogni ascia da guerra come dicevano gli indiani d'America anzi ogni tanto da folle e malato, ne compro uno nuovo\vecchio. A Roma per lo sviluppo di un film a colori , negativo , passano minimo 7\10 gg , per ovvi motivi di accumulo e per non sprecare i bagni,frequento il medesimo laboratorio da più 45 anni e che miracolosamente è ancora in piedi.
Lunga vita alla pellicola che mi auguro segua l'esempio dell'adorato vinile, altro dinosauto redivo e dato per spacciato.



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8411
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda chromemax » 02/10/2018, 12:30

canon ftb ha scritto:frequento il medesimo laboratorio da più 45 anni e che miracolosamente è ancora in piedi.

Posso chiederti chi è?



Avatar utente
canon ftb
fotografo
Messaggi: 90
Iscritto il: 07/07/2014, 8:28
Reputation:

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda canon ftb » 03/10/2018, 8:09

Certo si chiama Graphicolor: https://www.graphicolor.it/
sono sempre stati molto seri quando lavoravo per i giornali e si doveva sviluppare la domenica, ti chiedevano un sovrapprezzo ma lo facevano. Considera che se ad esempio Bush arrivava in Italia, tu scattavi le dia e poi dopo averle sviluppate si faceva il "fuorisacco" : andavi alla stazione Termini e spedivi di notte le foto a Milano dove un venditore o un agenzia si prendeva l'onere di rivendere fuori piazza il tutto.
I milanesi si sono arricchiti negli anni d'oro, dichiaravano sempre una parte minima del venduto dal quale scremavano poi il 40 o altre percentuali secondo gli accordi presi. Io avevo un agenzia fotografica e alla fine decidemmo insieme al mio socio di aprire anche una succursale su Milano e la differenza era abbissale.
Anche perchè esisteva tutto un mercato che non era quello dei giornali: editoria scolastica, enciclopedie, etc che da Roma era impossibile controllare, senza contare quello estero.
Se avevo tempo facevo i duplicati delle diapositive o se mi servivano i b\n per i quotidiani, realizzavo un internegativo dal colore e poi lo stampavo. Insomma era un lavoro molto materiale , oggi con il digitale un fotografo può scattare le foto e inviarle direttamente, e questo ha comportato un crollo dei costi.
L'Espresso se ti comprava una foto e la usava per la copertina mi pare che desse 800 o 900 mila lire erano soldi, il quotidiano poteva pagare anche novantamila lire a scatto,perdona se non sono preciso ma non ricordo dopo tanti anni esattamente il compenso.
Lavoravo per un mensile di cavalli e articolo e foto erano pagati un milione e mezzo.
Ora la stampa si serve da infernet dove spesso non paga le foto o fa abbonamenti a prezzzi ridicoli che hanno ucciso il fotogiornalismo, oggi spesso chi si picca di essere un reporter è ricco e gioca a fare il fotografo noi invece ci sudavamo la pagnotta .
Per darti una idea se lavoravi in agenzia la mattina presto arrivava un fax con gli eventi più rimarchevoli, allora fotografavi uno sgombro di case occupate, poi ti scapicollavi a lasciare le pellicole per correre a fare foto di politica e la notte facevi gli spettacoli. I grossi gruppi musicali ti facevano scattare solo i primi 3 pezzi e ancora ricordo i Genesis che misero all'inizio il fumo! E avevo Il Corriere della sera che aspettava le foto.
Era un altro mondo di certo se resistevi ti facevi le ossa e soprattuto dovendo affrontare situazioni tanto diverse dovevi padroneggiare bene le pellicole. Agli spettacoli spesso portavo 3 corpi macchina: uno per il b\n, uno per il colore tungsteno, e uno per il daylyght, ti garantisco che lo sforzo intellettuale oltre che fisico, era notevole.
Ho sempre amato il mio lavoro oggi purtroppo ho dovuto abbandonare e a livello personale continuo a scattare libero dalla necesità di produrre cose da vendere.
Se apro la valigia dei ricordi non mi fermo più.
Ciao




Advertisement
Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 595
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda emmeffepi » 07/10/2018, 0:11

Fotoimpex la da disponibile dal 15/11...
Non sarà molto economica... ;)


Massimiliano

Avatar utente
tonyrigo
guru
Messaggi: 552
Iscritto il: 24/04/2017, 12:43
Reputation:

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda tonyrigo » 07/10/2018, 0:23

Speriamo!


Sa chi sa che nulla sa, ne sa più di chi ne sa, perchè sa che nulla sa.
Socrate 470 b.c – 399 b.c.

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4382
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda impressionando » 07/10/2018, 1:15

emmeffepi ha scritto:Non sarà molto economica... ;)

Perchè dovrebbe essere economica?
...anche a suo tempo era una pellicola professionale piuttosto costosa.... più costosa delle Fuji ma come le Fuji professionali valeva ciò che costava.



Avatar utente
Kirk84
esperto
Messaggi: 111
Iscritto il: 03/04/2014, 12:41
Reputation:
Località: Latina

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda Kirk84 » 08/10/2018, 11:08

Credo che costerà più o meno come la provia 100f....



Avatar utente
emmeffepi
guru
Messaggi: 595
Iscritto il: 06/04/2015, 12:39
Reputation:
Località: GE/HK/SIN

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda emmeffepi » 08/10/2018, 11:41

impressionando ha scritto:Perchè dovrebbe essere economica?


ho forse detto che dovrebbe esserlo? ;) :)

Kirk84 ha scritto:Credo che costerà più o meno come la provia 100f....


Negli USA si, in Europa dovrebbe costare qualcosa di meno (attorno a EUR 13,50/rullo)
Sto cercando di capire quando sara' in vendita a HK/Singapore...mi servirebbe a inizio novembre...


Massimiliano

Avatar utente
NNNN_AAAA
esperto
Messaggi: 110
Iscritto il: 04/08/2017, 16:53
Reputation:

Re: Torna la Ektachrome. Sarà vero?

Messaggioda NNNN_AAAA » 09/10/2018, 17:42

canon ftb ha scritto:Certo si chiama Graphicolor: https://www.graphicolor.it/
sono sempre stati molto seri quando lavoravo per i giornali e si doveva sviluppare la domenica, ti chiedevano un sovrapprezzo ma lo facevano. Considera che se ad esempio Bush arrivava in Italia, tu scattavi le dia e poi dopo averle sviluppate si faceva il "fuorisacco" : andavi alla stazione Termini e spedivi di notte le foto a Milano dove un venditore o un agenzia si prendeva l'onere di rivendere fuori piazza il tutto.
I milanesi si sono arricchiti negli anni d'oro, dichiaravano sempre una parte minima del venduto dal quale scremavano poi il 40 o altre percentuali secondo gli accordi presi. Io avevo un agenzia fotografica e alla fine decidemmo insieme al mio socio di aprire anche una succursale su Milano e la differenza era abbissale.
Anche perchè esisteva tutto un mercato che non era quello dei giornali: editoria scolastica, enciclopedie, etc che da Roma era impossibile controllare, senza contare quello estero.
Se avevo tempo facevo i duplicati delle diapositive o se mi servivano i b\n per i quotidiani, realizzavo un internegativo dal colore e poi lo stampavo. Insomma era un lavoro molto materiale , oggi con il digitale un fotografo può scattare le foto e inviarle direttamente, e questo ha comportato un crollo dei costi.
L'Espresso se ti comprava una foto e la usava per la copertina mi pare che desse 800 o 900 mila lire erano soldi, il quotidiano poteva pagare anche novantamila lire a scatto,perdona se non sono preciso ma non ricordo dopo tanti anni esattamente il compenso.
Lavoravo per un mensile di cavalli e articolo e foto erano pagati un milione e mezzo.
Ora la stampa si serve da infernet dove spesso non paga le foto o fa abbonamenti a prezzzi ridicoli che hanno ucciso il fotogiornalismo, oggi spesso chi si picca di essere un reporter è ricco e gioca a fare il fotografo noi invece ci sudavamo la pagnotta .
Per darti una idea se lavoravi in agenzia la mattina presto arrivava un fax con gli eventi più rimarchevoli, allora fotografavi uno sgombro di case occupate, poi ti scapicollavi a lasciare le pellicole per correre a fare foto di politica e la notte facevi gli spettacoli. I grossi gruppi musicali ti facevano scattare solo i primi 3 pezzi e ancora ricordo i Genesis che misero all'inizio il fumo! E avevo Il Corriere della sera che aspettava le foto.
Era un altro mondo di certo se resistevi ti facevi le ossa e soprattuto dovendo affrontare situazioni tanto diverse dovevi padroneggiare bene le pellicole. Agli spettacoli spesso portavo 3 corpi macchina: uno per il b\n, uno per il colore tungsteno, e uno per il daylyght, ti garantisco che lo sforzo intellettuale oltre che fisico, era notevole.
Ho sempre amato il mio lavoro oggi purtroppo ho dovuto abbandonare e a livello personale continuo a scattare libero dalla necesità di produrre cose da vendere.
Se apro la valigia dei ricordi non mi fermo più.
Ciao


Grazie!





  • Advertisement

Torna a “Colore - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite