Jobo ATL 2

Discussioni sui vari accessori necessari in camera oscura (tank, termometri, marginatori, taglierine, focometri, timer, esposimetri, etc..)

Moderatore: isos1977

Avatar utente
whitetraveller
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 09/01/2019, 14:17
Reputation:

Jobo ATL 2

Messaggioda whitetraveller » 14/01/2019, 14:15

Buongiorno,

come scritto nel messaggio di presentazione, ho forse la possibilità di ritirare una Jobo ATL2 e visto che ho sempre eseguito tutto il processo di sviluppo manualmente, per il medio formato con tank Paterson (che, tra l’altro, dopo oltre vent’anni necessitano di essere sostitute) avrei bisogno di informazioni su questo macchinario da chi lo conosce (ho cercato nei vecchi messaggi e ho visto che ci sono alcuni utilizzatori).
Premetto che dopo tanti anni non mi dispiacerebbe rendere il processo un po’ più “comodo” se non completamente automatizzato e per questo mi sto informando sulle varie possibilità.

La Jobo ATL 2 mi sarebbe probabilmente data a basso prezzo, dovrebbe essere ancora funzionante anche se non è più stata utilizzata negli ultimi anni.
Sono consapevole delle dimensioni importanti del macchinario ma potrei anche trovare il posto necessario, quello che sarebbe per me più complicato è l’allacciamento all’acqua corrente, che non ho capito se deve essere permanente e se devono essere allacciati singolarmente acqua fredda e calda o se è sufficiente un’unica entrata.
Considerata anche l’età del macchinario ci sono altri aspetti da tenere in particolare considerazione e verifiche da fare prima dell’acquisto? Sono macchine affidabili o rischio in breve tempo di dover procedere a revisioni e difficili/costose riparazioni?

Inoltre, considerando che sviluppo solo medio e grande formato (4X5) in bianco e nero con un volume medio di una decina di rulli e una decina di lastre al mese, pensate sia giustificabile una macchina di questo genere? O meglio trovare qualche altra alternativa magari anche meno datata?

Vi ringrazio per i consigli e le informazioni e auguro buone stampe a tutti.
simone



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5717
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Jobo ATL 2

Messaggioda -Sandro- » 14/01/2019, 15:03

La ATL2 è una macchina potente ed affidabile, ma come tutte le macchine dopo essere stata tanto ferma, ha bisogno di essere revisionata. Il gruppo distributore aria/scarico è il più delicato, dovrà essere sicuramente pulito e ingrassato, pena la rottura del motoriduttore se sta girando asciutto, come presumibilmente sarà. Il ricambio potrebbe non essere più disponibile, l'ultima volta che ho revisionato una ATL3 mi hanno detto dalla germania che non avevano più, e per fortuna l'ho trovato negli stati uniti. Poi il motoriduttore che fa girare la tank va ingrassato, e parimenti quello che alza il braccio. L'elettronica è molto affidabile, l'unica cosa che conviene fare è fare un backup della EPROM che contiene dati e programma, per evitare che in caso di danneggiamento di quest'ultima la macchina diventi disfunzionale. Occorre poi controllare e ingrassare i cuscinetti della pompa di circolazione, e sostituire la batteria tampone della scheda microprocessore. Infine occorre verificare lo stato dei tubi aria compressa/chimica, le bottiglie, e lo stato delle incrostazioni della vasca.
Fatto questo la macchina può lavorare per anni ininterrottamente con una manutenzione veramente minima.
Ha bisogno di essere allacciata allo scarico, imprescindibilmente, ed ha bisogno anche di acqua fredda in entrata per riempire la vasca (ed anche opzionamente calda, per fare i lavaggi in temperatura, in mancanza occorre comunque usare la fredda, durante i cicli di lavoro la macchina esegue i lavaggi pellicole e sciacqua la tramoggia di ingresso ed il braccio di scarico con acqua pulita che non viene prelevata dall'attacco della vasca, ma da quello per il lavaggio). Il mancato allacciamento all'acqua in ingresso (entrambe) non permette l'uso della macchina, che ne controlla la presenza. Assorbe 1300W. E' dotata di programmi per il lavaggio automatico delle bottiglie e delle tank a fine lavoro.

Esistono due versioni di questa macchina, la più vecchia ATL2 tutta nera, su base CPP, e quella più moderna ATL2+ (si fa per dire, 1992), tutta grigia. Per la più recente si trovano tutte le schede elettroniche di ricambio, per quella più vecchia c'è meno scelta.

La revisione te la posso fare io, sono (forse) uno degli ultimi esperti su queste macchine.



Avatar utente
whitetraveller
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 09/01/2019, 14:17
Reputation:

Re: Jobo ATL 2

Messaggioda whitetraveller » 14/01/2019, 23:51

Grazie mille per tutte queste preziose informazioni, da quel che ho visto la macchina è una ATL2 (tutta nera).
Per quanto riguarda l'allacciamento a uno scarico dovrei poter mettere un tubo di un paio di metri fino al lavandino più vicino, questo potrebbe comportare problemi?
Dove potrei installarla ho a disposizione un rubinetto con acqua fredda, mentre non ho l'acqua calda, sarebbe pensabile far pescare l'acqua calda da un bidone di 30 o più litri riempito di volta in volta? Mi sembra di aver visto nei messaggi vecchi del forum, che forse proprio tu avevi realizzato una soluzione di questo genere.

Penso che la macchina la potrei ritirare per 3-400 Euro al quale aggiungere il costo della revisione da parte tua (so che è difficile senza vedere il paziente ma potresti darmi un'indicazione approssimativa di quanto potrebbe costare la revisione?). Devo valutare se per il mio volume mensile di sviluppi vale la pena lanciarsi in questa spesa, secondo te il santo vale la candela? O conviene orientarsi su altro?

Ti ringrazio nuovamente per la disponibilità e la competenza.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5717
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Jobo ATL 2

Messaggioda -Sandro- » 15/01/2019, 8:28

Nell'ordine:

- lo scarico serve per svuotare la vasca a fine lavoro e per drenare l'acqua di raffreddamento eventualmente richiesta di volta in volta per compensare i sovrariscaldamenti, la tua soluzione va bene.
- L'acqua calda serve per i lavaggi nei processi C41 ed E6, se fai solo bianco e nero praticamente non serve e basta allacciare acqua fredda sul bocchettone della calda. Se fai C41 o E6 è indispensabile un boiler con termoregolatore, la precisione del trattamento lo richiede. Diversamente meglio usare le bottiglie di processo per tenere l'acqua di lavaggio in temperatura (ne hai 6, di cui 3 per la chimica, quindi puoi farlo).
- La macchina nera deve avere l'elettronica perfettamente funzionante e bisogna sapere che in malaugurato caso di guasto le schede di ricambio non ci sono, ma è sempre possibile adattarle quelle del modello più recente. La nera non dispone del lavaggio tank e bottiglie.
- Prima di sbilanciarmi devo vedere la macchina, in mancanza devo vedere una serie accurata di foto, ti invito a contattarmi tramite la mia pagina facebook in firma, perché qui hai pochi post e non puoi ancora mandare messaggi privati.

Sulla convenienza dell'operazione non mi posso esprimere, le mie tasche non sono le tue, esistono però soluzioni meno costose come una CPP o una CPA o scendendo in graduatoria una CPE.
Il vantaggio della ATL2 nera è che è grossa come una CPP, ma è interamente automatica, e mentre la macchina lavora tu non sei costretto a seguirla potendo fare altro. Solo tu puoi sapere se il maggior costo è giustificabile.



Advertisement
Avatar utente
whitetraveller
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 09/01/2019, 14:17
Reputation:

Re: Jobo ATL 2

Messaggioda whitetraveller » 15/01/2019, 13:35

In effetti faccio solo e esclusivamente bianco e nero per cui mi rassicura poter fare a meno dell'attacco per l'acqua calda, mentre per lo scarico non ci sono problemi.
Sulla convenienza hai ragione, devo valutare io, non avendo mai avuto grossi problemi a tenere in temperatura il processo di sviluppo, sostanzialmente a me basterebbe avere qualche cosa che fa ruotare la tank, perché invertire la tank manualmente ogni 30 o 60s, o peggio farla girare a mano, è la cosa che mi ha sempre annoiato maggiormente.
Detto questo, con l'ATL2 potrei automatizzare tutto il processo di carico e scarico dei chimici e la cosa mi attira parecchio, mentre con macchine come CPE e CPP, se capisco bene, questa operazione richiederebbe comunque la mia presenza (seppure il lift rende la cosa molto semplice) e a questo punto un semplice simma-roller (o simile) sarebbe per me sufficiente e, a patto di riuscire a trovarlo, sarebbe dal punto di vista finanziario molto meno impegnativo.

Vedo il prezzo che mi farebbe il venditore e valuto. La macchina l'ho vista qualche settimana fa e non mi sembrava troppo malconcia, se riesco farmi inviare qualche fotografia eventualmente te le giro in qualche modo (non ho account facebook ma magari trovo una tuo indirizzo e-mail da qualche parte).

Grazie di nuovo per tutte le informazioni e la pazienza.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5717
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Jobo ATL 2

Messaggioda -Sandro- » 15/01/2019, 14:31

Ti ho scritto un messaggio privato, ora li puoi ricevere.





  • Advertisement

Torna a “Accessori vari per camera oscura”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite