Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Discussioni sugli accessori per il formato 35mm

Moderatore: isos1977

Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 910
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda PIERPAOLO » 18/04/2012, 18:34

solo una nota: la Voigtlaender originale era di Braunschweig, sede anche della Rollei, in Germania e patria delle fabbriche dei cuscinetti asfera. per questo martoriata dai bombardamenti aerei durante la guerra. Fine dell'inciso storico.

Sull'Ultron f/1,7: l'ho usato per un anno circa, ma sarà anche per gli impietosi confronti con le ottiche Leica, mi ha convinto solo a metà, come detto. Secondo me la produzione C/V, passato il primo periodo du dumping, soffre di produzione discontinua, con centraggio delle lenti aleatorio.

Sarebbe opportuno, come regola generale, se si vuole qualche indicazione più precisa, anche indicare i limiti di spesa: in questo modo si delimita più facilmente la ricerca

--

se mi vuoi chiamare PP va bene....


Pierpaolo



Advertisement
Avatar utente
guarrellam
guru
Messaggi: 1147
Iscritto il: 11/02/2010, 21:46
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda guarrellam » 18/04/2012, 18:51

vngncl61 ha scritto:Adesso mi trovo un lavoro che mi "costringa" a stare al tornio :D


:-h



Che bei tempi...... :)


Scusate l'O.T.


Non mi interessano i paesaggi di bellezza disinfettata, tipo Ansel Adams.

Don McCullin



Ho una reflex digitale da 4000 euro,
che può scattare fino 128.000 ISO,
e mi piace aggiungere la grana
in post,come per la pellicola.........

Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 910
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda PIERPAOLO » 18/04/2012, 19:24

però se l'amplificatore è scarso magari il Requiem sembra un' operetta....

se si parla di tecnologia fotografica è giusto fare paragoni tecnici, sulle capacità di riprodurre un'immagine, indipendentemente dall'uso dell'oggetto e dal significato dell'immagine riprodotta, è vero altresì che spesso, se opportunamente utilizzati, molti obiettivi sono superiori alla loro fama.

----------

per finire riporto il parere dellamico E.Putts sull'Ultron 35/1,7 estrapolato da un più ampio articolo dedicato alle ottiche C/v




A complex design with 8 elements, a negative front curvature and one aspherical curvature.
One half stop in between a 1,4 and a 2 design, this lens has the outward appearance of a older Leitz lens, the Tele-Elmarit from the sixties. At full aperure it gives a medium contrast image with a tendancy to flare. Very fine detail is recorded on axis with clean edges and in the field performance drops a bit and now fine detail is recorded with fuzzier edges. In the outer zones some astigmatism and color fringes lower the rendition of the finer detail and outlines are fuzzy. The far corners are very soft and of low contrast. Outlines are visible and some detail detectable.
Some decentring is noticeable in the outer zones only. At f/2 the contrast naturally improves but not very visible, At f/2.8 we see a noticeable improvement in contrast and especially the aberrations in the field are reduced to a minimum. Extremely fine detail is now clearly detectable over most of the image field (corners still in worse shape) and at f/4 this level of detail rendition now is recorded with clear visibility. Edges stay on the soft side though. At f/5.6 the edges crispen and now we have the optimum with excellent recording of the critical 10 to 20 lp/mm . Close up at full aperture gives a faintly soft image and here stopping down to 4 is enough for really critical work.
This lens is clearly not ont he same level as the Summicron /35 asph. It is a match for the non-asph Summicron 2/35 which has however a small edge in contrast and field performance.

----------


Pierpaolo



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda franny71 » 18/04/2012, 21:51

miii, non vi posso lasciare un attimo che mi raccontate tutte ste cose??? :)
anche io come nicola guardo più alla sostanza che all' MTF nudo e crudo...
infatti mi pare di capire che l'aberrazione sferica che tanto cerco sia alla fine un difetto...
quando vi incontrerete vorrei esserci...
sai che bello vedere 2 persone competenti che chiacchierano con in mezzo uno che guarda con lo sguardo da ebete? ;)


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Advertisement
Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 910
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda PIERPAOLO » 19/04/2012, 8:42

chiudo, per quello che mi riguarda l'argomento con un'osservazione: se mi si chiede un parere su un obiettivo, che è il tema del post presente, e dato che un obiettivo è un oggetto tecnico e non espressivo, non posso che rispondere che con una nota tecnica (ottica, meccanica e storica). Non ci sono alternative.
Se mi si chiede un parer su un'immagine potrò farne una valutazione estetica.
Sappiamo tutti che già nell'Ottocento si facevano foto eccezionali (vedi il mio racconto su Brady e la Guerra Civile Americana) con attrezzatura antidiluviana, ma l'acquisizione di nuove tecnologie tecniche e commerciali rende interessante di 'per sè'il settore degli obiettivi fotogafici, in quanto 'potenzialità' espressiva ed acquisizione teorica di nuovi spazi per le immagini. Che queste si realizzino e meno non dipende dai tecnici e dal costruttore ma dal fotografo: il mezzo (qualunque, dall'areoplano da combattimento al vestito di Armani alla Lamborghini Murcielago) affascina pertanto per l'estreme potenzialità che propone (la supremazia aerea, l'eleganza assoluta, l'abbinamento forma e la velocità), ma naturalmente occore 'il manico' (il pilota da caccia, un attore elegante come Pierce Brosnan, un collaudatore di SAgata Bolognese) per espire al massimo la sua potenzialità. ovvero la riicerca che ci sta dietro.
Pertanto il mezzo ha una sua importanza simbolica che trascende il suo uso (non si compra un vestito di Armani solo perchè si ha freddo), e che rappresenta la sua valenza tecnico commerciale del periodo considerato. E' la ricerca (sia del prodotto che del mercato) il fine aziendale: è grazie a questo che la fotogafia come mezzo spressivo si è evoluta. Chissà quante volte Brady o Barnack avranno desiderato un 85/1,4: noi l'abbiamo, grazie a Zeiss e glia altri. A noi utilizzarlo al meglio. ma l'obiettivo è lì con tutta la sua potenzialità.

Il sottinteso affascina spesso più dell'esplicito.

Pierpaolo



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda franny71 » 19/04/2012, 9:29

ciao PP, non so se ho capito bene, sai lo scritto non da modo di interpretare al meglio...
mi pare tu ti sia risentito per qualche cosa che non riesco a cogliere...
le tue informazioni sono sempre preziose, sei la persona che su questo ne sa più di tutti, ma alla fine chiedevo pareri su un "difetto" della lente in oggetto, non volevo scaturire nessuna discussione.
sono attratto da quel tipo di sfocato, come da quello del trioplan, e mi domandavo se qualcuno potesse darmi informazioni sia sulla lente in oggetto, sia su eventuali alternative economiche, ma di pari prestazioni, intendo sullo sfocato.
sono dispiaciuto del fatto che tu voglia chiudere a questa discussione, secondo me avevi molto da dire ancora.
con stima.


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 910
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda PIERPAOLO » 19/04/2012, 11:15

per Franny: assolutamente non mi sono risentito di nulla, ma non amo le discussioni infinite e questa è slittata da una valutazione dell'Ultron a una 'vexata questio' tra mezzi e contenuti.

Ribadisco che in fotografia il mezzo è importante non solo come sviluppo della conoscenza umana ma perchè senza il mezzo, semplicemente, non ci sarebbe il contenuto. La scelta del mezzo adatto (che piace) è sinonimo di libertà, quando ci sarà, a breve forse, una sola marca fotografica, si chiamerà monopolio non solo commerciale ma anche culturale. Il caso Kiev è emblematico: per cinquant'anni questa fotocamera sovietica ha utilizzato le ottiche derivate da quelle della CZJ anteguerra, mentre la Carl Zeiss di Oberkochen ha inventato (letteralmente inventato) tra le altre cose un 21mm che non ha rappresentato solo un eccezionale exploit tecnico ma un nuovo modo di interpretare la realtà. La storia incrociata tra la passiva rassegnazione e la volontà di esplorare nuovi orizzonti tecnici. Che diventano espressione.

Pierpaolo



Avatar utente
Saio_dantes
esperto
Messaggi: 242
Iscritto il: 08/02/2012, 15:35
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda Saio_dantes » 22/11/2013, 22:50

ragazzi riesumo questo post per chiedere pareri su questa lente, che ne pensate? in giro si trova veramente poco...



Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 910
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Voigtlander Ultron 35mm f/1.7

Messaggioda PIERPAOLO » 23/11/2013, 8:16

nel frattempo nel numero di settembre di Reflex ho pubblicato una prova sui grandangoli (25 . 28 - 35mm) Voigtlaender, tra cui l'Ultron f/1,7

Pierpaolo

.....
puoi sempre leggere i miei due primi interventi iniziali





  • Advertisement

Torna a “35mm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti