"Leica sovietica" - la storia

Forum dedicato alla recensione ed alla discussione sui libri dedicati alla fotografia analogica

Moderatore: etrusco

Avatar utente
Scordisk
guru
Messaggi: 432
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

"Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Scordisk » 06/03/2019, 18:56

Scrisse Elmar Lang nel 20171109:

Elmar Lang ha scritto:
L'URSS...[...]
Nel nostro campo, quello fotografico, i sovietici, che già prima della guerra ed all'alba delle persecuzioni politiche (che devastarono ogni settore della società a partire dal 1928-'30 e durate fin quasi alla morte di Stalin), strinsero rapporti di collaborazione con aziende ottiche tedesche, al fine di sviluppare una propria industria fotocinematografica. Gli archivi, prima o poi ci confermeranno, o meno, se vi fu una collaborazione con la Leitz, dalla quale nacque poi la FED. Un rarissimo volume edito nei primi anni '30 e dedicato all'uso pratico della FED, la definisce "la Leica sovietica", ove viene chiaramente sottolineato come, mentre l'apparecchio tedesco -per il suo costo- era destinato ad un pubblico ristretto, quello prodotto in URSS era invece universale e quasi alla portata di chiunque, grazie anche alla produzione intensiva che, come sappiamo, aveva luogo in uno stabilimento nel quale la manodopera era composta da orfani o comunque minorenni senza famiglia.

Il grassetto è mio.
Le prime Leica sovietiche venivano sviluppate in due istituti meccanico-ottici (VOOMP e GOI) - mi riferisco sempre agli anni '32-'34 - ed alla fine questi sviluppi con dei prototipi anche, sono confluiti nella più massiva produzione della Leica sovietica nelle officine della cooperativa per la educazione duale degli orfani di guerra e minorenni privi di famiglia, così come i giovani delinquenti in via di ri-educazione. In ogni caso, questi fenomenali modelli di sviluppo, dei bambini non lasciati per strada, rappresentavano il progresso di un paese.
https://it.wikipedia.org/wiki/FED_(azienda)

Faccio riferimento ad una fonta sicura che sarebbe il materiale di Oscar Fricke The Dzerzhinsky Commune Birth of the Soviet 35 mm Camera Industry, pubblicato nel "History of Photography" - an international quarterly - http://www.fedka.com/Useful_info/Commun ... mune_A.htm

Mi interesserebbe sapere, Lang, su quale "rarissimo volume edito nei primi anni '30 e dedicato all'uso pratico della FED, la definisce "la Leica sovietica" ti riferisci? Grazie.

Per ora, per la parte della tua supposizione che anche Leitz contribui allo sviluppo della Leica dei poveri in USSRS, dobbiamo attendere l'apertura degli archivi, se ci siano. Dico questo perché è noto che ce n'erano tante repliche Leica a vite, in Giappone, Cina, Francia, Italia...

Nel frattempo, aggiungo un'altra fonte di quel periodo, che era il libro dei ricordi, il famoso "Poema pedagogico" (Road to Life, ed in EN - ) di A.S.Makarenko, il pedagogo principale nella Comune Dzerzhinsky, che posseggo in PDF, ma non vorrei troppo appesantire questo server... vediamo... In questo suo materiale enorme, lui narrava come nel 1932 si presentò un chekista nel capotto in pelle, e avvisò tutti che nella Comune, per decreto, si avrebbero prodotte "Le Leica".


Top



Advertisement
Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2753
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: "Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Elmar Lang » 13/03/2019, 9:12

Salve,

il volume cui faccio riferimento in quel mio vecchio contributo, è "Fotoapparaty FED i Leika" Mosca, Kinofotoizdat, 1935.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Scordisk
guru
Messaggi: 432
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: "Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Scordisk » 13/03/2019, 10:15

Elmar Lang ha scritto:Salve,

il volume cui faccio riferimento in quel mio vecchio contributo, è "Fotoapparaty FED i Leika" Mosca, Kinofotoizdat, 1935.


Grazie, Elmar.

Il libro che menzioni, si può ordinare sotto forma di "Print-on-demand" dalla Russia, per 1502 rubli (incirca 20 euro) + spedizione.
https://books.academic.ru/book.nsf/5959 ... A%D0%B0%22

(Prima, chi vuole, potrebbe copia-incollare il predetto link, nel GT)



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2753
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: "Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Elmar Lang » 13/03/2019, 10:56

Il pdf era disponibile nella "biblioteca" di un sito russo. Oggi pomeriggio, se vuoi, cercherò qual'era e se sia ancora attivo.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Advertisement
Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2753
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: "Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Elmar Lang » 13/03/2019, 16:27

Trovato: potrai scaricare qui il .pdf di "ФЭД и ЛЕЙКА Руководство к работе миниатюрными фотографическими камерами для съемки на кинопленке"

http://www.sovietcamera.su/src/Fed_leica.pdf

Come vedi, è un sito molto utile e ricco di interessante bibliografia.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Scordisk
guru
Messaggi: 432
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: "Leica sovietica" - la storia

Messaggioda Scordisk » 13/03/2019, 21:57

Elmar Lang ha scritto:Il pdf era disponibile nella "biblioteca" di un sito russo. Oggi pomeriggio, se vuoi, cercherò qual'era e se sia ancora attivo.


Grazie, Elmar.
Ora l'ho scaricato, seguendo il link dal https://manualphoto.ru/fotoapparatyi-fe ... b-voronov/ - qui è nel formato djvu, open-source, occorre avere un reader, per es. il software libero https://sourceforge.net/projects/djvu/ (il sito sourceforge è molto noto e di alta reputazione). C'è ne sono dei software per il formato djvu, che permettono conversione in pdf.
Libro molto simpatico e approfondito, in russo. Aveva lo scopo di espandere conoscenza di piccolo formato, con oneste descrizioni sulla "nascita" delle prime Leica di Oskar Barnack, ecc., Leica I, II, III e delle "varianti sovietiche", Pionir e FED.

Allego una simpatica foto dal libro in oggetto, con sua didascalia: come non bisogna tenere la fotocamera, altrimenti... foto mosse...

come non bisogna tenere la fotocamera.jpg





  • Advertisement

Torna a “Biblioteca”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti