Durst 1200 Multigraph

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
enricofilippi
fotografo
Messaggi: 92
Iscritto il: 31/12/2015, 12:00
Reputation:

Durst 1200 Multigraph

Messaggioda enricofilippi » 18/06/2018, 22:37

Ciao a tutti, non so perché mi sono innamorato di questo ingranditore.
Ho letto e trovato di tutto e ho scoperto che sono state fatte due versioni, da quel che ho capito cambia solo la centralina, nella prima versione è registrata solo una carta, nella seconda 5 carte diverse.
In effetti dalle foto trovate in rete le due tastiere differiscono per qualche scritta...
Qualcuno conosce bene questo modello, oppure le ha avute entrambe?

Grazie!



Advertisement
Avatar utente
linhof
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 20/03/2019, 7:25
Reputation:

Re: Durst 1200 Multigraph

Messaggioda linhof » 20/03/2019, 8:31

Salve, possiedo un Durst 1200 Multigraph Elite mot. La mia centralina memorizza solo una carta, in effetti devo esternare le mie perplessità su un apparecchio, che a buon mercato non era, che memorizzi solo un tipo di carta. Altro difetto è che non ha il disinserimento dei filtri, stampare con carta non a contrasto variabile è impossibile, se non usare la gradazione 2, che ha una filtratura minima. In 50 anni di fotografia ho sempre usato Durst. Il Laborator 1000, che allora sostituì il modello 54, era inferiore a questo, che aveva la messa a fuoco automatica, il 1200, che ha sostituito il L 1000, è inferiore al modello precedente. Secondo me la Durst negli ultimi anni di produzione degli ingranditori, è andata sempre peggiorando.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Durst 1200 Multigraph

Messaggioda Silverprint » 20/03/2019, 9:23

Non mi pare.

A mio avviso il 1200 è meglio del 1000 che è meglio del 54... etc.

Casomai si può obiettare sull'uso massiccio dell'elettronica degli ultimi apparecchi, Multigraph, Pictochrome, Optimo, etc. Però non dimentichiamo che questi apparecchi non erano destinati agli amatori o ai cultori della stampa di qualità che lavorano in manuale, ma ai laboratori che avevano esigenza di velocità e rapidità e che Durst aveva ben compreso che in questo caso la qualità della stampa dipendeva molto più da come loro gestivano gli automatismi ed i servizi di assistenza, calibrazione e manutenzione che dalle capacità degli operatori (quasi sempre bassa manovalanza semi analfabeta).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
enricofilippi
fotografo
Messaggi: 92
Iscritto il: 31/12/2015, 12:00
Reputation:

Re: Durst 1200 Multigraph

Messaggioda enricofilippi » 20/03/2019, 10:54

Cercando in rete ho scoperto che sono state realizzate due centraline. La prima memorizzava una sola carta poi è stata aggiornata con la possibilità di memorizzare fino a 5 carte. Da quello che so la prima versione è stata prodotta per i primi modelli e poi subito aggiornata.
Prima di acquistare il Multigraph, se non si ha la possibilità di accendere e provare l'ingranditore, si può capire quale modello è dalle scritte sulla centralina.
Per quanto riguarda il Durst 1200 nello specifico, mi sento di poter solo parlarne bene, alla fine ho avuto la fortuna di trovare un CLS 501 e ho abbandonato l'idea di modelli più elettronici come Multigraph, Pictochrome, ecc. ecc.
Ma prima o poi uno "elettronico" giusto per cavarmi lo sfizio lo voglio prendere e poi valutare in base all'uso.



Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti