Progetto fotografico - questione etica

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
nevertheless
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 07/08/2013, 11:34
Reputation:

Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda nevertheless » 09/07/2019, 18:09

Salve a tutti,
Ho recentemente discusso su un possibile progetto fotografico con un amico e mi è stato posto un dubbio di carattere etico e volevo sottoporlo qui su analogica.
Il progetto sarebbe quello di coinvolgere delle persone nel fare degli scatti con macchina analogica a dei luoghi significativi per la comunità locale, precedentemente selezionati dalle stesse persone interessate al progetto.

Diciamo che le motivazioni partono prevalentemente dalla volontà di avere del materiale per far pratica in camera oscura, ma allo stesso tempo mi permettono di riflettere su un aspetto che mi interessa particolarmente, ovvero il rapporto delle persone 'non interessate' alla fotografia e al loro rapporto con essa, e come soggetti della fotografia e come autori della stessa.

Ovviamente sarei felice di avere delle vostre opinioni/critiche anche sulla bontà del progetto. Tuttavia il quesito di natura etica riguarda in particolare questo: dal momento che saranno 'altri' a scattare ma io a stampare, il diritto della foto scattata rimane all'autore dello scatto, immagino. Nell'ipotesi di esposizione del lavoro, come si risolve questo problema? Una liberatoria sulla cessione dei diritti è sufficiente? Chi effettua una stampa (ma non lo scatto), fino a che punto può rivendicare un diritto/paternità sulla stampa stessa?

Grazie in anticipo,
Angelo



Advertisement
Avatar utente
fabriziog
guru
Messaggi: 1031
Iscritto il: 06/06/2011, 11:05
Reputation:
Località: Paese, Treviso

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda fabriziog » 09/07/2019, 21:44

Ciao,
Non mi porrei il problema. Diversi autori hanno utilizzato foto prese on line, chi da street view, chi da telecamere di sicurezza, chi fotografando il monitor del PC.
Io la vedo semplice la questione :)
L'autore è chi ha l'idea, il progetto, lo cura, sa l'obiettivo il messaggio da trasmettere ecc.
Chi scatta preme solo un pulsante.
Ad esempio Alech Soth per un progetto commissionato in Inghilterra per diversi motivi non poteva scattare. Ha fatto fare gli scatti alla figlia su sua indicazione e poi curato la parte di editing. La figlia si "è limitata" a seguire le indicazioni e premere il pulsante. Che contributo ha potuto dare al progetto dal punto di vista autoriale la figlia?



luca01
esperto
Messaggi: 101
Iscritto il: 02/05/2019, 12:54
Reputation:
Località: genova
Contatta:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda luca01 » 09/07/2019, 22:31

chi stampa preme solo un tasto???? mai sentita una affermazione più risibile di questa ...

chi stampa non ha alcun diritto sulla fotografia .. il diritto d'autore è per fortuna unicamente dell'autore, ci mancherebbe pure che " passasse" a chi stampa e che lo stampatore potesse rivendicare diritti su di essa... ... chi organizza la mostra casomai è il curatore e non capisco il motivo per il quale questi abbia la necessità di usufruire di una liberatoria da parte degli autori ... forse che cerchi riscontri economici mediante la vendita delle stampe? . una altra cosa che non mi è chiara nel tuo intervento è il perchè tu abbia sentito la necessità di voler specificare che gli scatti saranno analogici ... che lo siano o meno è assolutamente ininfluente tu puoi stampare in camera oscura o con un plotter ma sei comunque e solamente un esecutore .

il problema della cessione dei diritti è un grande problema ... chi ad esempio si iscrive a Facebook come da contratto cede i diritti del materiale che pubblica all'amministratore e quindi anche la possibilità di sfruttamento economico . tra l'alto FB può a sua volta cedere a terzi tale diritto acquisito implicitamente da chi sottoscrive le norme ed il contratto. L'airf ( associazione italiana reporters fotografi) in una sua nota a tutti i propri iscritti consigliava proprio per questo motivo di non pubblicare fotografie su FB



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11638
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda Silverprint » 09/07/2019, 23:46

Luca, quella di FB è una bufala... va be'

L'dea di cosa sia un autore è diventata molto flessibile.

Abbiamo progetti di rivistazione di archivi, o ri-organizzazione, ri-semantizzazione di collezioni di vecchie cartoline.
Chi è l'autore?

Un progetto dell'amico Gian Luca Perrone, "759" che è simile al tuo, per questi aspetti, prevedeva la realizzazione di due soli scatti da parte dell'autore, mentre tutti le altre immagini del progetto solo la sua ri-organizzazione degli scatti fatti da altri volontari; viaggiatori cui erano state fornite delle macchine usa e getta. http://www.gianlucaperrone.com/phone/se ... anove.html

La questione si risolve semplicemente, tu sarai l'autore del progetto nel suo insieme, lo hai ideato, lo curerai.
Gli altri sono, in questo caso, esecutori del tuo esperimento.

Chi lo stampa invece non è autore e non interessa nessuno... anche se certe foto hanno senso solo per come sono state stampate, ma questa è un'altra storia.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
luca01
esperto
Messaggi: 101
Iscritto il: 02/05/2019, 12:54
Reputation:
Località: genova
Contatta:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda luca01 » 09/07/2019, 23:55

Silverprint ha scritto:Luca, quella di FB è una bufala... va be'



estratto dalle condizioni d'uso di FB :
" Nello specifico, quando l'utente condivide, pubblica o carica un contenuto coperto da diritti di proprietà intellettuale (ad es. foto o video) in relazione o in connessione con i nostri Prodotti, ci concede una licenza non esclusiva, trasferibile, conferibile in sottolicenza, non soggetta a royalty e globale per la trasmissione, l'uso, la distribuzione, la modifica, l'esecuzione, la copia, la pubblica esecuzione o la visualizzazione, la traduzione e la creazione di opere derivate dei propri contenuti (nel rispetto della privacy e delle impostazioni dell'app dell'utente). Ciò implica, ad esempio, che se l'utente condivide una foto su Facebook, ci autorizza a memorizzarla, copiarla e condividerla con altri soggetti (sempre nel rispetto delle proprie impostazioni), quali fornitori di servizi che supportano il nostro servizio o altri Prodotti Facebook in uso."

se questa è una bufola io sono Bill Gates



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11638
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda Silverprint » 10/07/2019, 0:46

Sì. Appunto, non i diritti d'autore. :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
nevertheless
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 07/08/2013, 11:34
Reputation:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda nevertheless » 10/07/2019, 0:50

Intanto grazie a tutti per i vostri interventi. Sono anche io dell'avviso che il concetto di diritto d'autore in merito ad alcuni progetti sia diventato flessibile. Tuttavia credo che sia una questione complessa e per questo ho voluto porre il quesito qui nel forum.
In merito al progetto, non c'è alcuna intenzione di voler cercare 'riscontri economici'. La volontà è quella di praticare una passione, la fotografia analogica, cercando di dare struttura e forma a questa passione all'interno di progetti. Se da questi, e in particolare da questo, dovesse prospettarsi la possibilità di farne un'esposizione, ecco che diventa importante il quesito/dubbio posto nel post.
Ho specificato che si tratta di fotografia analogica perché questa è la mia passione e il progetto è correlato ad essa, i volontari che vorranno partecipare saranno chiamati a farlo in questa maniera e non in un'altra. E la ragione sottende alla stessa idea del progetto, ovvero coinvolgere i volontari in qualcosa che probabilmente non fanno nella loro quotidianità, ovvero scattare una foto con una reflex analogica.
Tutto qui, comunque mi rendo conto che questo punto non era articolato in maniera chiara.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11638
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda Silverprint » 10/07/2019, 1:25

Secondo me è un bel progetto.

Ne farei anche un video...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 344
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda 28zero » 10/07/2019, 6:53

Secondo me tu sei l'autore del progetto. I volontari hanno piena libertà di scelta del soggetto e di esecuzione delle foto, nel rispetto del tema proposto, quindi sono gli autori delle foto. Un po' come i nostri giochi delle cartoline.
Potresti partecipare anche tu per mostrare le differenze e analogie tra i punti di vista del fotografo, seppure dilettante, e di chi si approccia per la prima volta alla fotografia sulla base di un tema, con l'impegno necessario a realizzarlo, con la consapevolezza di quello che si sta facendo (forse) e con un soggetto diverso dalla propria faccia :).

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
fabriziog
guru
Messaggi: 1031
Iscritto il: 06/06/2011, 11:05
Reputation:
Località: Paese, Treviso

Re: Progetto fotografico - questione etica

Messaggioda fabriziog » 10/07/2019, 7:32

chi stampa preme solo un tasto???? mai sentita una affermazione più risibile di questa


Non per rovinarti tutta l'invettiva risibile, ma nessuno a scritto chi stampa, c'è scritto CHI SCATTA, anche perché basta rileggere quello che hai scritto per accorgersi che stampa e premere tasto non stanno assieme...

Non chiedo tanto ma prima di partire con delle filippiche almeno leggere correttamente. Bello il mondo perché è vario, ma nella varietà, per fortuna, c'è sempre qualcuno portatore di verità assolute sempre pronte in tasca da tirare fuori all'occorrenza.

Un detto che ho sempre sentito in Germania (forse c'è anche qui non lo so) dice: chi legge parte in vantaggio ;)





  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti