Ma è davvero così il colore?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Gabryel76
esperto
Messaggi: 155
Iscritto il: 17/02/2018, 23:14
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da Gabryel76 »

Alessandro_Roma ha scritto:
emag ha scritto:Non è che la pallina va sempre in buca al primo tentativo, a fronte dei tanti soldi spesi e del fatto che si tratta di un numero ridotto di stampe venute male, proverei a sentire chi ti ha fatto il lavoro, probabile che su tua indicazione riesce a farle come vuoi. D'altra parte se ci si è dedicato in maniera "artigianale", ci avrà speso del tempo, sarà anch suo interesse fare un bel lavoro e accontentare il cliente.

Il problema sei tu che non hai l'interesse a sistemare le cose, permettimi di dirlo è un atteggiamento un po da viziato. Poi tutte le altre che sono venute bene, invece, non contano nulla? Tu decidi a priori di non usare più il colore solo perché qualche stampa non è venuta come volevi? Io faccio davvero fatica a capire questo ragionamento
Più che da viziato è da deluso, mi sento di aver buttato 220 euro e sfido chiunque a far festa… questa fase di spiegazione che citi c'è stata, quindi c'è poco da dire. Quando paghi un lavoro ti aspetti che sia secondo quanto concordato e questo vale un po' in tutto
Le foto stampate bene, le ho contate, sono 5 su 36... dai, pochine...
Ciao, io quoto emag.. Tralaltro sembra che non hai nemmeno letto quelli appunti scritti da Kid Claude riguardo al setup per fare foto in spiaggia..... Pare che sia il caso di scattare foto alla buona del signore e che si arrangi lo stampatore.... Boh



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9492
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da chromemax »

Non vedo ne il motivo ne l'utilità di giudicare le scelte altrui, per cui se ci sono altri consigli o avvertimenti da dare ad Alessandro e agli altri che leggono, benvengano, ma evitiamo di andare oltre. Grazie.
BTW ho scattato montagne di dia al mare e in barca senza usare filtri, ne UV tantomeno LB, e non ho mai avuto problemi devastanti di dominanti quindi non credo che questo sia il problema principale delle stampe in oggetto, fatte oltretutto con pellicola negativa che permette un ampio margine di correzione rispetto alle dia.

Avatar utente
guarrellam
guru
Messaggi: 1157
Iscritto il: 11/02/2010, 21:46
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da guarrellam »

L’unico consiglio che mi sento di darti,e di affidarti,per un’ultima volta a Sandro.
Non mi interessano i paesaggi di bellezza disinfettata, tipo Ansel Adams.

Don McCullin



Ho una reflex digitale da 4000 euro,
che può scattare fino 128.000 ISO,
e mi piace aggiungere la grana
in post,come per la pellicola.........

Avatar utente
Giorgio65
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 25/09/2010, 1:45
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da Giorgio65 »

Concordo sul consiglio di affidare a Sandro qualche rullo, il colore analogico, specie in medio formato e stampato come si deve, ha ancora il suo perché.
Ma nella tua disavventura non ho capito una cosa: i provini erano buoni?

Avatar utente
Softbox
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 26/04/2017, 17:18
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da Softbox »

guarrellam ha scritto:L’unico consiglio che mi sento di darti,e di affidarti,per un’ultima volta a Sandro.
Anche per la sola curiosità di sapere dove hai sbagliato e/o se hai sbagliato...
Altrimenti rimarrai sempre con il tarlo perfido che scava dicendo: "ho speso 220 euro, ma se..."
Se poi escono pietose, puoi chiudere il discorso serenamente.

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1976
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da NikMik »

Sì, però dobbiamo dire ad Alessandro che IL COLORE in pellicola NON È COSÌ.
Per cui il problema è a valle, non a monte. In sviluppo o in stampa. Si può provare a richiedere una stampa correggendo le dominanti.

Uso pellicole negative colore Kodak e Fuji da trent'anni con risultati ottimi (in termini di colori e dominanti) e negli ultimi anni uso SOLTANTO Portra con risultati in stampa molto buoni, anche da processo ibrido; affidandola a Sandro, che stampa da ingranditore, ho risultati eccellenti. Poi agli stampatori si può parlare per aggiustare dominanti secondo il proprio gusto.

Avatar utente
Alessandro_Roma
guru
Messaggi: 803
Iscritto il: 06/03/2017, 12:08
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da Alessandro_Roma »

NikMik ha scritto:Sì, però dobbiamo dire ad Alessandro che IL COLORE in pellicola NON È COSÌ.
Per cui il problema è a valle, non a monte. In sviluppo o in stampa. Si può provare a richiedere una stampa correggendo le dominanti.

Uso pellicole negative colore Kodak e Fuji da trent'anni con risultati ottimi (in termini di colori e dominanti) e negli ultimi anni uso SOLTANTO Portra con risultati in stampa molto buoni, anche da processo ibrido; affidandola a Sandro, che stampa da ingranditore, ho risultati eccellenti. Poi agli stampatori si può parlare per aggiustare dominanti secondo il proprio gusto.
Ma vedi, anche io sono convinto che il colore NON possa essere così. Ripeto che tutto il digitale che ho caricato nel post è lavorato su monitor calibrato, quindi se lo avete anche voi, vediamo la stessa cosa.
Il lab cui mi sono rivolto è a Roma, quindi ci sono andato personalmente ed è tra i più celebri, storici e rinomati della città. Passatemi l'espressione senza offesa per nessuno, ma credevo (è il caso proprio di dirlo ora), di essermi rivolto al "Sandro di Roma". Tutto fatto a mano, stampa ad ingranditore e tutti i crismi, eppure mi sento di aver buttato tanti soldi
Sì, inviare i negativi a Sandro, quello vero :D è il prossimo passo cui avevo pensato, prima però i devo rientrare dalla spesa fatta per queste stampe, perché vivendo di stipendio, non ho budget infinito

Nel frattempo ringrazio tutti per i vostri interventi, è stato uno scambio molto costruttivo con ciascun commento. Speriamo di poter rimettere sotto controllo la situazione :-h

Avatar utente
mezzostop
guru
Messaggi: 371
Iscritto il: 11/02/2019, 18:47
Reputation:
Località: il cuore della Romagna

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da mezzostop »

ti dico la mia ... anche se oramai i giochi sono fatti,

se sono quì, e se in garage ho una camera oscura,

è perchè i primi tre rulli che ho scattato erano colore,
affidati al fotografo di paese che a sua volta si serve da Photosì,
ho speso 100€ di sviluppo e stampa !
e ... non ti dico l'incazzatura !
ho persino scritto a Photosì e gliene ho cantate con tanto di coro !
colori impastati e non veritieri,
dominanti assurde,
bordi tagliati col machete,
più di 100 foto tutte da buttare !

le vecchie stampe di 40anni fa sono bellissime ancora oggi !
e allora ?
ce la vogliamo raccontare dicendo "non ci sono più gli stampatori di una volta ?"
tu sei andato dal "Sandro di Roma" !
io, a detta del fotografo del paese, sono l'unico che si è lamentato di Photosì !

il mondo è bello perchè è vario ! ;)

Avatar utente
tykos
fotografo
Messaggi: 40
Iscritto il: 03/02/2016, 14:26
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da tykos »

l'ultimo rullo portato da photosì, una portra 160 120, mi è stato restituito con:
- due strisce da 3 fotogrammi, una da 2 e una da 4 (???), con cara grazia per i miei fogli in pergamino da 3
- due fotogrammi tagliati storti e prendendo anche parte della foto (decimi di mm, eh, però tra due fotogrammi in un 120 ci passa un cane con la scopa in bocca...)
- il taglio storto non è "dritto" (capiamoci) come potrebbe essere se si carica il rullo storto in una taglierina automatica, ma è una spezzata tipo "perbacco, ho solo le forbici corte, primo taglio, ops sono storto, cambio direzione per arrivare dall'altra parte"
- un fotogramma con taglio non passante lato emulsione di un cm, che somiglia a quando tagli col cutter ma finisci al piano di sotto, inspiegabile
- nel provino col taglio tipo cutter c'è pure una linea verticale su tutto lato che potrebbe sembrare un filo in inquadratura. Ma il filo non c'era, e non c'è nel fotogramma precedente fatto nello stesso posto. Cosa sarà? boh.

Ovviamente il notissimo negoziante mi ha fatto pagare (10€ sviluppo + provini minuscoli), poi ha negato i problemi, poi ha detto che la colpa è dei fotogrammi non distanziati alla perfezione (non sono precisi al mm, ma c'è uno spazio bello comodo tra uno e l'altro e cmq i tagli sono storti...), ha detto "vedremo cosa ci dice il lab, ma questo è il migliore sulla piazza quindi bisogna accontentarsi".
Un negozio di vestiti che ti vende un fallo ti rimborsa e si rivale sul fornitore con una normalissima procedura, qui siamo al paradosso che il negoziante tifa per loro, non rimborsa, io non posso nemmeno cazziare il lab perché c'è il tramite.
Vien voglia di fare solo BN.

(si, lo so, c'è Sandro. A Sandro affiderei pure le chiavi di casa e ha prezzi paragonabilissimi a questi schifosi, ma con la mia produzione di colore per accumulare il numero di rulli che vale la pena spedire mi ci vogliono sei anni...)

Avatar utente
Kid Claude
fotografo
Messaggi: 69
Iscritto il: 12/11/2015, 7:21
Reputation:

Re: Ma è davvero così il colore?

Messaggio da Kid Claude »

Ho sviluppato in laboratorio una sola volta un rullo 120 e francamente non posso dire che i risultati siano stati deludenti, fatta eccezione per un paio di fotogrammi effettivamente macchiati probabilmente a causa dell’utilizzo di chimici non proprio freschissimi.
Da allora ho cominciato a svilupparli autonomamente utilizzando un kit Tetenal C41.
All’attuale costo della confezione da 1 l, con la quale si possono sviluppare da 12 a 16 rulli, calcolando che io scelgo sempre di sviluppare 12 rulli , la spesa per rullo è di 1,98 € (si ridurrebbe a 1,48 € massimizzando il processo sino a 16 rulli).
A onor del vero i risultati che ottengo sono comparabili a quelli del laboratorio e senza fotogrammi rovinati. Per quelle che sono le mie esigenze il mio gusto ho trovato la quadra in questo modo. E per chiudere il post posso garantire che i risultati cromatici sulle stampe che poi provvedo autonomamente a fare mediante ingranditore in camera oscura, non hanno assolutamente nulla da invidiare alle stampe digitali,anzi hanno un “mood analogico” a mio modo di vedere inimitabile con il digitale. :-ss

Rispondi