TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1828
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Lollipop » 08/12/2019, 8:03

Buongiorno a tutti.
Ho due rulli di TMax 400 @200 iso da sviluppare: uno con scene a basso contrasto (2-3 stop di differenza) e uno ad alto (4-6 stop).
Volevo svilupparle assecondando il più possibile l’assenza di spalla della pellicola, per il più ampio contrasto possibile sulle luci.
Mi viene subito in mente che sarebbe meglio usare uno sviluppo non o poco compensatore ma in casa ho solo dello xtol e del rodinal. Con l’ultimo vorrei non avere a che fare a causa della perdita di sensibilità e per l’eccesso di acutanza, che secondo me con la TMax non sta bene. Potrei usare il primo con diluizione 1+1.
Purtroppo non ho esperienza con altri sviluppi (d76 a parte ma dalle caratteristiche simili allo xtol) e non so quale possa essere ancora meno compensatore dello xtol 1+1, mantenendo un’azione finegranulante e con moderata acutanza.


Lorenzo.

Advertisement
Avatar utente
Luca Ghedini
guru
Messaggi: 679
Iscritto il: 02/02/2012, 15:26
Reputation:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Luca Ghedini » 08/12/2019, 9:16

Nella mia ignoranza e per la mia esperienza mi verrebbe da dire Studional.
Luca Ghedini - Bologna (San Lazzaro di Savena)

Avatar utente
ometto
esperto
Messaggi: 104
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda ometto » 08/12/2019, 9:43

L'xtol 1+1 a 24 gradi con aumento dei tempi di sviluppo del 20/25% (rispetto ai tempi forniti dalla Kodak) è meno compensatore e "spara" un po di più sui bianchi. Fai dello prove prima.
Forse, per il tipo di risultato che cerci, sarebbe più indicato l'ars imago FD o il Bellini hydrofen che assomigliano molto allo studional Agfa.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9484
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda chromemax » 08/12/2019, 19:44

HC-110

Advertisement
Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1828
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Lollipop » 09/12/2019, 7:53

Grazie a tutti dei suggerimenti.
ometto ha scritto:Forse, per il tipo di risultato che cerci, sarebbe più indicato l'ars imago FD o il Bellini hydrofen che assomigliano molto allo studional Agfa.

Leggo però dalla scheda tecnica dell’Hydrofen che è compensatore, quindi anche lo Studional lo è?
Lorenzo.

Avatar utente
ometto
esperto
Messaggi: 104
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda ometto » 09/12/2019, 9:27

Anche del rodinal scrivono che è “compensatore” ma se allunghi un po’ di più i tempi di sviluppo tappa le alte luci.
Tutti i rivelatori possono essere un po’ compensatori, basta conoscerli a fondo (avendo fatto dei test), anche se è vero che alcuni possono esserlo più di altri, l’xtol è uno di questi.
Il concetto di “compensatore” è usato un po’ troppo spesso a sproposito e questo è stato più volte spiegato molto bene da Andrea (Silverprint), fai una ricerca, dovrebbe uscire parecchio.
Hydrofen o Ars imago FD sono molto simili allo studional. Non sono affatto compensatori se aumenti un po la loro energia sviluppando ad una temperatura più alta ( 22/24 °c) con un leggero aumento del tempo di sviluppo, abbinando in ripresa, una leggera sottoesposizione. Comunque queste indicazioni sono troppo vaghe. E necessario fare delle prove per valutare i risultati prima di sviluppare un negativo importante.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11714
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Silverprint » 09/12/2019, 10:27

Messi side to side Hydrophen e Studional sono piuttosto diversi.
Vero è che fare l'Hydrophen in Bellini sono partiti da una "possibile" formula simil Studional, ma poi l'hanno modificata per venire incontro alle esigenze di un certo lab... fininendo cosí a fare una roba diversa parecchio.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1828
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Lollipop » 10/12/2019, 10:04

Intanto ho sviluppato i due rulli in xtol 1+1 perché alcuni scatti avevano già un mese e temevo di rovinare le immagini. Almeno sul negativo ho comunque trovato che cercavo, proverò poi la stampa.
Lo Studional però mi incuriosisce perché pare adatto allo scopo descritto in apertura però sono confuso dalle etichette, anche per quanto scritto qui da Andrea: viewtopic.php?f=9&t=952&fb_ref=Default&fbclid=IwAR1y20yb3salPb8b_m1JMH6HHn_tDQCrWOfo8g894FqqthjVBAdxCe3DcHg#p16054

Il prodotto equivalente, perché lo "Studional" non lo trovo in giro, è il Compard R09 Studio?
Lorenzo.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11714
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Silverprint » 10/12/2019, 10:35

Sí, lo Studional è diventato R09 Studio.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1828
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: TMax 400, sviluppo con massimo contrasto sulle luci.

Messaggioda Lollipop » 10/12/2019, 11:37

Silverprint ha scritto:Sí, lo Studional è diventato R09 Studio.

Ok thx.
Ho però dei dubbi ancora: all'IE nominale della TMax 400 da 5' di sviluppo con diluizione 1+15 (che credo sia quella dal minor effetto compensatore) ma esponendo a 200 iso arriverei a tempi da tuffo, magari da ridurre ancora in caso di scena da alto contrasto.
Lorenzo.



  • Advertisement