rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
ScattoRumoroso
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 30/07/2020, 13:51
Reputation:

rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da ScattoRumoroso »

Buongiorno,
ho alcune lastre FP4+ che devo sviluppare a varie gradazioni di contrasto tra N-2 e N+2.
Vorrei avere tempi e/o diluizioni per i vari sviluppi con uno dei rivelatori di cui sotto.
Dovrebbe sicuramente esserci una relazione dei tempi e/o le diluizioni tra i vari sviluppi, dovrebbe essere una cosa matematica, no?
Mi piacerebbe avere un singolo rivelatore e 5 step di tempi/concentrazioni diversi per i vari sviluppi.

Come rivelatori ho disponibili l'Hydrofen Bellini / Ars-Imago FD, l'ECO Bellini/Ars-Imago e il Rodinal R09 della Ilford.

cfr. le info che ho trovato:

con rivelatore FD, 1+39 a 20° (cfr. sito ars-imago)
fp4+ a 125iso → 5'00"
fp4+ a 250iso → 6'30"
fp4 a 400iso → 8'00"

ECO, 1+3 (cfr. sito ars-imago)
fp4+ a 50iso → 8'00"
fp4+ a 125iso → 9'30"

Rodinal o Fomadon R09 (da digitaltruth.com)
fp4+ a 25iso → 1+25 4'00"
fp4+ a 64iso o 50iso → mancano informazioni (se non a diluizione 1/100)
fp4+ a 125iso → 1+25 9'00"
fp4+ a 200iso → 1+25 13'00"
fp4+ a 400iso → 1+24 20'00"
(ma la difficoltá di confrontare diversi sviluppi su digitaltruth é che sono probabilmente sperimentati da persone diverse)

NB: é giusto dire che - per esempio - uno sviluppo N-1 equivale ad uno sviluppo pensato con una FP4+ esposta a 64 iso, no?



Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 504
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da 28zero »


ScattoRumoroso ha scritto:NB: é giusto dire che - per esempio - uno sviluppo N-1 equivale ad uno sviluppo pensato con una FP4+ esposta a 64 iso, no?
No, lo sviluppo N-1 si ha quando si ottiene una contrazione di una zona nelle alte luci (per esempio quando un'area che risulta una zona X quando si legge l'esposizione in ripresa ha le caratteristiche di una zona IX in stampa). Si espone sempre alla sensibilità effettiva. La sensibilità effettiva la devi trovare tu per la tua catena e anche i tempi dei vari sviluppi dipenderanno dalla tua catena e da quello che vuoi ottenere.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 1130
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da Ri.Co. »

No non è giusto.
Il discorso è complesso, ma su digitaltruth trovi tutto ( discutibilemte tutto) tranne che il sistema zonale.
Non capisco la tua affermazione sulle lastre che hai già pronte da sviluppare da N-2a N+2.. su cosa ti basi per dirlo?

Avatar utente
ScattoRumoroso
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 30/07/2020, 13:51
Reputation:

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da ScattoRumoroso »

Ri.Co. ha scritto:
31/07/2020, 0:15
Non capisco la tua affermazione sulle lastre che hai già pronte da sviluppare da N-2a N+2.. su cosa ti basi per dirlo?
Ho misurato le ombre per la Zona III e in alcuni casi le luci che avrei voluto nella Zona VII/VIII mi finivano nella Zona V, altre volte nella Zona X. Ora devo sviluppare di conseguenza diminuendo o aumentando il contrasto.

Avatar utente
ScattoRumoroso
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 30/07/2020, 13:51
Reputation:

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da ScattoRumoroso »

28zero ha scritto:
31/07/2020, 0:11
lo sviluppo N-1 si ha quando si ottiene una contrazione di una zona nelle alte luci (per esempio quando un'area che risulta una zona X quando si legge l'esposizione in ripresa ha le caratteristiche di una zona IX in stampa). Si espone sempre alla sensibilità effettiva.
Questo mi é chiaro. Diciamo che espongo a 125iso, le ombre cadono in zona III ma le alte luci in zona IX e io vorrei che venissero in zona VIII, ecco quindi che devo sviluppare a N-1.
Peró nel caso in cui avessi esposto una scena con contrasto ideale a 64iso con una FP4+ 125iso e sviluppassi come se fosse 125iso mi accadrebbe che le luci che sarebbero dovute cadere in zona VIII mi cadrebbero in zona IX, cioé uno stop piú in alto giusto? quindi a naso lo sviluppo giusto (che avesse le luci esattamente nella zona VIII) avrebbe le stesse caratteristiche dell'N-1 di cui sopra.

Oppure sbaglio qualcosa?

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 504
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da 28zero »

Se vuoi esporre per le ombre dovresti dimenticare gli indici di esposizione. Devi trovare la tua sensibilità effettiva (facendo dei test) e i tuoi tempi di sviluppo (facendo dei test). Non credo ci siano altre strade, almeno io non le conosco.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
massimof
esperto
Messaggi: 192
Iscritto il: 20/02/2012, 14:03
Reputation:
Località: Altopascio LU

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da massimof »

Bah, se fosse così semplice trovare gli N, N+ e N- mi sarei risparmiato lunghi estenuanti noiosi test, :wall: invece mi sono dotato di un densitometro e fatto tutte le dovute prove come zio Adams comanda ma anche lo zio Andrea Silverprint! :)
Solo così potrai ottenere i giusti risultati, non ci sono scorciatoie!
Dai retta, fai le prove prima! :D

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 504
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da 28zero »


ScattoRumoroso ha scritto:
28zero ha scritto:
31/07/2020, 0:11
lo sviluppo N-1 si ha quando si ottiene una contrazione di una zona nelle alte luci (per esempio quando un'area che risulta una zona X quando si legge l'esposizione in ripresa ha le caratteristiche di una zona IX in stampa). Si espone sempre alla sensibilità effettiva.
Questo mi é chiaro. Diciamo che espongo a 125iso, le ombre cadono in zona III ma le alte luci in zona IX e io vorrei che venissero in zona VIII, ecco quindi che devo sviluppare a N-1.
Peró nel caso in cui avessi esposto una scena con contrasto ideale a 64iso con una FP4+ 125iso e sviluppassi come se fosse 125iso mi accadrebbe che le luci che sarebbero dovute cadere in zona VIII mi cadrebbero in zona IX, cioé uno stop piú in alto giusto? quindi a naso lo sviluppo giusto (che avesse le luci esattamente nella zona VIII) avrebbe le stesse caratteristiche dell'N-1 di cui sopra.

Oppure sbaglio qualcosa?
L'esposizione agisce su tutte le zone contemporaneamente: se sovraesponi di uno stop tutte le zone si sposteranno (la zona III diventerà IV e la VIII diventerà IX.
Lo sviluppo ha effetto principalmente sulle alte luci: lo sviluppo N+1 farà diventare la zona VIII una zona IX ma la zona III rimarrà zona III.
Per semplificare, chiaramente.
Gli sviluppi per gli EI sono tarati per esposizioni sui valori medi per restituire quei valori medi, e comunque i tempi forniti sono dei valori di partenza. Poiché lo sviluppo agisce in maniera non lineare sulle densità delle zone (di più su quelle più dense e via via sempre meno) se passi da zona V a zona VI (più o meno i tuoi 64 ISO "tirati" a 125) la zona VIII potrebbe diventare una X, per esempio.
Se fai sviluppi separati per ogni scatto sicuramente cercherai grande precisione e, per ottenerla, non potrai affidarti a tempi standard: ti toccano i test per la tua catena. :)

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Avatar utente
ScattoRumoroso
appassionato
Messaggi: 5
Iscritto il: 30/07/2020, 13:51
Reputation:

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da ScattoRumoroso »

28zero ha scritto:
02/08/2020, 9:39
Gli sviluppi per gli EI sono tarati per esposizioni sui valori medi per restituire quei valori medi
grazie 28zero, ora ho capito, semplificando per un niubbio come me gli sviluppi che si trovano su digitaltruth sono calcolati per muovere di uno o piú stop la zona V, mentre a me interessa calibrare le alte luci in modo che cadano nella zona VIII.

Quindi proviamo e testiamo! Speravo che qualcuno lo avesse giá fatto per la FP4+ :D

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 504
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: rapporto di tempi e/o diluizioni tra sviluppi N-2, N-1, N, N+1, N+2

Messaggio da 28zero »

Ci sono tante variabili in ballo, un tempo non dice niente circa il risultato dello sviluppo. Anche perché comunque qualcosa viene fuori ma mi sembra che tu stia cercando un risultato specifico, i tempi giusti per te li puoi trovare solo tu.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi