Sviluppo a 24 gradi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Sviluppo a 24 gradi

Messaggioda paolob74 » 02/06/2012, 22:12

Ciao ragazzi...

Ho finito una bella sessione di test, praticamente ho sviluppato la across 4 x 5 da 4 minuti a 14....

10 pellicole tenendo sempre come base zona I più o meno 0,10... In verità vanno da 0,09 a 0,18...

Le sensibilità vanno da iso 64 a iso 100 per il 14esimo minuto.

Praticamente gestisco la pellicola per qualsiasi carta, una figata!!!

Oggi dopo l'ultimo test ho controllato la temperatura dell'acqua.... 21 gradi!!!!! :(( :(( :(( :((

Cominciano i problemi estivi.

Qualche utente mi ha consigliato di mettere uno o due siberini dentro la jobo per abbassare la temperatura poi portarla a 20 gradi in fase di sviluppo, sicuramente funziona.

Ho anche sentito parlare di un altra tecnica, portare tutte le procedure di sviluppo a temperature "estive", più o meno 24 gradi.

Adesso dovrei iniziare gli stessi test con la FP4 ilford, che faccio? Surgelo o scaldo?

Quella di lavorare ad alte temperature sembra una tecnica efficace ed usata anche da grandi maestri.... Tipo Sexton.... Conoscete?

http://www.johnsexton.com/

Allievo del nostro amato Anselmo Adamo...

Qualche utente ha notizie, informazioni, esperienze.... O è una cavolata....

In estate meglio prendere il sole?

:-bd :-bd :-bd



Advertisement
Avatar utente
zioAlex
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 14/07/2011, 15:26
Reputation:
Località: Albano Laziale (rm)

Re: Sviluppo a 24 gradi

Messaggioda zioAlex » 02/06/2012, 22:52

ciao paolo..
Ovviamente la temperatura ha la sua importanza, io sviluppo sempre a 20 o max 22 e a 24 con il Rollei RLS che essendo uno sviluppo di profondità dello strato e necessiterebbe di tempi molto lunghi!


Nikon F4 Nikon F80
Nikkor-Q Auto f.135/2.8 Sigma 28/70 2.8
I.F.F. Eurogon con testa colori sottrattiva
**************
nokia C7

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo a 24 gradi

Messaggioda Silverprint » 02/06/2012, 23:05

Ciao Paolo,

Mr. Sexton non ha tutti i torti. Anche al nostro vecchio laboratorio 24°C e Jobo era lo standard.
Problemi non ne abbiamo riscontati. Io ho solo alcuni dubbi rispetto alle pellicole più tradizionali (quelle dell'est) che potenzialmente sono più delicate.

Comunque vanno fatti esperimenti perché l'attività dei componenti dei rivelatori non varia in maniera uniforme al variare della temperatura ed in alcuni casi (anche a parità di contrasto) possono esserci delle differenze.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Sviluppo a 24 gradi

Messaggioda paolob74 » 02/06/2012, 23:29

io sviluppo sempre a 20 o max 22 e a 24 con il Rollei RLS che essendo uno sviluppo di profondità dello strato e necessiterebbe di tempi molto lunghi


Allora si fà?...

Pensavo che il 20 gradi era la regola d'oro... In effetti cosi viene insegnata...

Comunque vanno fatti esperimenti


:(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :(( :((

l'attività dei componenti dei rivelatori non varia in maniera uniforme al variare della temperatura ed in alcuni casi (anche a parità di contrasto) possono esserci delle differenze.


Con la ilford vorrei fare solo una sequenza (Non a 20 e poi 24).... che tipo di controllo dovrei fare?



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo a 24 gradi

Messaggioda Silverprint » 02/06/2012, 23:32

paolob74 ha scritto:Con la Ilford vorrei fare solo una sequenza (Non a 20 e poi 24).... che tipo di controllo dovrei fare?


Il paragone... :(

Sul 4x5, però, non vedo problemi potenziali nel lavorare a 24°C.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite