Kodak TriX 400

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
lorypiccolo
esperto
Messaggi: 108
Iscritto il: 15/05/2012, 11:43
Reputation:
Località: Moschiano (AV) - Napoli

Kodak TriX 400

Messaggioda lorypiccolo » 12/06/2012, 22:09

Ciao a tutti, ho da sviluppare un kodak trix 400, come sviluppo ho a disposizione il rodinal. La pellicola l'ho esposta agli iso nominali in ottime condizioni di luce, buone ma forse un po' difficili; si tratta di scatti fatti al mare quindi con un bel sole forte e qualche altro scatto fatto con un leggere controluce. Non avendo parecchia esperienza chiedo a voi cosa mi consigliate per lo sviluppo, non voglio avere effetti particolari o eccezionali, ma una resa "normale" con un buon contrasto; so di non essere stato estremamente preciso, d'altra parte sono un novellino e chiedo aiuto a voi esperti!

Grazie :)


"Considerate la vostra semenza:... "

Advertisement
Avatar utente
Luca Ghedini
guru
Messaggi: 651
Iscritto il: 02/02/2012, 15:26
Reputation:

Re: Kodak TriX 400

Messaggioda Luca Ghedini » 12/06/2012, 22:30

Come la devi stampare? a condensatori o luce diffusa?
Ciao


Luca Ghedini - Bologna (San Lazzaro di Savena)

Avatar utente
lorypiccolo
esperto
Messaggi: 108
Iscritto il: 15/05/2012, 11:43
Reputation:
Località: Moschiano (AV) - Napoli

Re: Kodak TriX 400

Messaggioda lorypiccolo » 12/06/2012, 23:49

Mmm ti spiego la situazione: io utilizzo una camera autogestita nella mia facoltà dove c'è tutto... gli ingranditori penso di essere quasi sicuro siano dei Durst o qualcosa simile, non so se una luce a condensatori o diffusa? da cosa me ne posso accorgere?


"Considerate la vostra semenza:... "

Avatar utente
Luca Ghedini
guru
Messaggi: 651
Iscritto il: 02/02/2012, 15:26
Reputation:

Re: Kodak TriX 400

Messaggioda Luca Ghedini » 13/06/2012, 8:04

Se hanno la testa Vario e a colori sono a luce diffusa.
Io stampo a luce diffusa con un Durst 605 e la Tri-X la sviluppo da sempre in D76 (o ID11 che è uguale), diluito 1+1 per 11 minuti a 20 gradi, con una ventina di secondi di rovesciamenti della tank all'inizio e 4 ogni minuto, non frenetici, ma tali che si concludano in 7/8 secondi.
Ottengo dei negativi discreti, che per quanto riguarda scene dal contrasto normale, stampo con filtratura 2 1/2 - 3, lasciandomi margine per scendere o salire di gradazione, in ipotesi di scene con maggiore o minore contrasto.

La gamma tonale è buona e la grana accettabile e "bella" anche sul 30x40, ovviamente con riferimento al piccolo formato.

Ciao


Luca Ghedini - Bologna (San Lazzaro di Savena)

Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 1 ospite