Fm2n e filtro giallo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
GennaroVerolla
appassionato
Messaggi: 18
Iscritto il: 24/06/2012, 15:16
Reputation:
Contatta:

Fm2n e filtro giallo

Messaggioda GennaroVerolla » 24/06/2012, 20:11

Con la fm2n mi è anche arrivato il filtro giallo, on line ho letto che molti fotografi lo lasciano perennemente attaccato all' obiettivo visto gli effetti in ritratto e panorami, in particolar modo per il contrasto cielo/nuvole. in base alla vostra esperienza e giusto utilizzarlo sempre? può essere utilizzato anche in interni? Grazie



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fm2n e filtro giallo

Messaggioda Silverprint » 24/06/2012, 20:32

Ciao!

Un filtro giallo in interni non ha molto senso... Un filtro colorato scurisce il suo colore complementare e quelli adiacenti, mentre, in relazione, quelli a lui simili appaiono più chiari. Il filtri giallo ha appunto l'effetto di scurire (un po') il blu del cielo, cosi come l'arancio (che ha un effetto più marcato) ed il rosso (ancora più incisivo).

Quanto e come usarlo dipende sia da quanto il cielo sia effettivamente blu, sia dalla sensibilità spettrale della pellicola.
Il blu del cielo cambia moltissimo, sia rispetto all'orientamento, sia rispetto ai fenomeni atmosferici (se è umido il blu è meno intenso e viceversa). In una giornata di tramontana se si guarda a Nord il cielo è di un blu molto intenso e molto probabilmente il filtro non serve, in un giorno ricco di foschia il filtro giallo potrebbe non essere sufficiente...
La sensibilità spettrale della pellicola in bianco e nero è la variazione di sensibilità della pellicola stessa in relazione al colore. Essa non è uniforme e varia da pellicola a pellicola, vale a dire che usando pellicole in BN diverse sullo stesso soggetto i vari colori saranno resi con grigi diversi a seconda della pellicola usata.
Molte pellicole hanno in effetti una sensibilità verso il blu più spiccata (e un tempo il fenomeno era più evidente), e le cose blu (cielo compreso) appaiono più chiare di quanto noi le vediamo; da ciò deriva l'uso del filtro giallo come correttivo.

Le variabili in gioco sono quindi due (sensibilità spettrale e effettivo colore del cielo), e non sono facili da valutare. L'unica soluzione è fare esperienza...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
GennaroVerolla
appassionato
Messaggi: 18
Iscritto il: 24/06/2012, 15:16
Reputation:
Contatta:

Re: Fm2n e filtro giallo

Messaggioda GennaroVerolla » 24/06/2012, 20:42

Grazie. L'uso in interni era riferito ai ritratti.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fm2n e filtro giallo

Messaggioda Silverprint » 24/06/2012, 21:00

Sul ritratto direi che il giallo fa poco (ma attento agli occhi azzurri).

Era uso dei ritrattisti d'un tempo il filtro rosso, con il quale si riescono ad attenuare alcuni difetti della pelle (rossori vari). Chiaro però che si schiariscono troppo le labbra che quindi vanno truccate opportunamente e che gli occhi azzurri diventano "neri". Alla fine se si deve truccare in ogni caso, si trucca, ma non si usa il filtro.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti