Mi faccio il bromografo! Consigli?

Disussioni sulle tecniche alternative come l'infrarosso od il foro stenopeico

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Matteo Virili
guru
Messaggi: 547
Iscritto il: 08/05/2014, 16:04
Reputation:

Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da Matteo Virili »

Ciao a tutti! Dopo aver visto delle stampe con tecnica Van Dyke ed esserne rimasto molto colpito ho deciso di dedicarmi anch'io a questa tecnica. I consumabili me li sono procurati, ora manca la sorgente di luce e ho deciso che voglio costruirla da me.

Mi ispiro a progetti come questo di @bernardosalines pubblicato qui sul nostro forum:
bromografo-led-autocostruito-t24517.html

oppure a questo visto su youtube:
https://m.youtube.com/watch?v=klr2Sk_XCgY

Sono entrambi a luce led, ma nel primo sono strisce da tagliare e saldare, mentre nel secondo sono tubi con dentro i led da cablare e basta.

Ho alcune domande che vorrei sottoporvi:

1) Qual è lo spettro di emissione ideale per le antiche tecniche? Le luci usate nel secondo link hanno uno spettro di emissione compreso tra 395 e 400 nm, quindi nel campo degli UVA. Si tratta di uno spettro adeguato?

2) Il variare dello spettro d'emissione (in tipologia e ampiezza) influisce in qualche modo sul tempo di esposizione?

Grazie a chi vorrà darmi una mano :ymhug:



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
franz
guru
Messaggi: 501
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da franz »

Matteo Virili ha scritto:
26/08/2022, 0:17


1) Qual è lo spettro di emissione ideale per le antiche tecniche? Le luci usate nel secondo link hanno uno spettro di emissione compreso tra 395 e 400 nm, quindi nel campo degli UVA. Si tratta di uno spettro adeguato?

2) Il variare dello spettro d'emissione (in tipologia e ampiezza) influisce in qualche modo sul tempo di esposizione?

Grazie a chi vorrà darmi una mano :ymhug:
Ciao Matteo

Le tecniche non sono tutte uguali e pertanto non c'è un valore univoco.
Possiamo dire che poiché il vetro non trasmette lunghezze al di sotto dei 300 nanometri deve essere di un valore più alto.
Secondo Crawford il picco medio di sensibilità si ha fra i 350-360 nm.

Considera che se si stampa al sole (cosa da non trascurare) i valori sono molto mutevoli.
A mio giudizio la vera differenza la fa il tipo di lampada. Con una puntiforme si ha un aumento della nitidezza e del dettaglio (questo soprattutto con i Colloidi Bicromati).

Per esperienza posso dirti che fino a che non perfezioni a tuo modo la tecnica una "lampada" vale l'altra.

Perché proprio il Van Dyke? sempre nell'ambito delle formule della calitipia c'è di meglio.

Francesco

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6690
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da graic »

I led UV esistono sulle lunghezze d'onda 365 nm, 385 nm, 395 nm, 405 nm e 450 nm, in base a ciò che scrive @franz gli unici tipi indicati sonoi primi due.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
Matteo Virili
guru
Messaggi: 547
Iscritto il: 08/05/2014, 16:04
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da Matteo Virili »

Grazie ragazzi! Comincio col Van Dyke perché oltre alla Cianotipia è l’unico che ho visto dal vivo e mi ha colpito. Inoltre mi è sembrato non troppo complicato come realizzazione.
@franz Giusto per cultura personale, per “di meglio” a che tecniche ti riferisci? Considera che sono abbastanza a digiuno.

Il Sole l’ho escluso perché conoscendomi i risultati incostanti che avrei mi farebbero passare la voglia ancor prima di provare quel minimo di soddisfazione che spinge a proseguire con entusiasmo.

Per le lampade allora cercherò tra i primi due tipi.
Vorrei inoltre condividere con voi questo interessante articolo che ho trovato linkato su Photrio, di un appassionato che ha testato diverse lampade UV dando le sue impressioni sia sui tempi di esposizione che sul contrasto ottenibile.
Erano lampade a fluorescenza, ma il discorso dovrebbe valere anche con i led a grandi linee (credo).
http://unblinkingeye.com/Articles/Light/light.html

Avatar utente
Matteo Virili
guru
Messaggi: 547
Iscritto il: 08/05/2014, 16:04
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da Matteo Virili »

.
Dimenticavo:
franz ha scritto:
26/08/2022, 9:03

A mio giudizio la vera differenza la fa il tipo di lampada. Con una puntiforme si ha un aumento della nitidezza e del dettaglio (questo soprattutto con i Colloidi Bicromati).
Intendi un unico faretto messo a una certa distanza? Non sarebbe ovviamente una soluzione pratica per me che sono agli inizi, ma sempre per cultura personale mi piacerebbe sapere di più. Grazie mille!

Avatar utente
franz
guru
Messaggi: 501
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da franz »

Matteo Virili ha scritto:
26/08/2022, 16:55

Intendi un unico faretto messo a una certa distanza? Non sarebbe ovviamente una soluzione pratica per me che sono agli inizi, ma sempre per cultura personale mi piacerebbe sapere di più. Grazie mille!
Ho usato per molti anni dei faretti con attacco E 27 a bulbo (simili a quelli ad emissioni IR) sia della Silvania che della Philips che hanno una "potenza" di 375 Watt. Funzionano bene e vanno posti ad una distanza di 70/100 cm. Unico inconveniente è che emettono molto calore e vanno schermati perché altrimenti hai un effluvio di UV per la stanza.

Ottime sono le lampade "puntiformi" tipo (per la forma) le vecchie lampade alogene. Danno una nitidezza molto alta. Non sono facili da trovare e costano molto. In genere si usavano quelle industriali per la essiccazione delle vernici. Ne ho usata una "medicale" ed è stata fra le tante quella che mi ha dato i risultati migliori.

In alternativa ci sono i set abbronzanti a tubi fluorescenti (Philips) che ho utilizzato fino al formato 40x50cm. Si trovano anche usati a pochi euro.
Non ho mai utilizzato i Led quindi su questi non saprei cosa dire.

Dal link che hai messo - non lo ho ancora letto - dalle tabelle si intuisce che (come ti avevo accennato) ogni tecnica fa testo a se sia come "sensibilità" che come scala tonale.

Per le formule considerato che sei alle prime armi hai fatto una buona scelta ma se la cosa si fa seria puoi provare le formulazioni all'Ossalto Ferrico danno un tono e una qualità oggettiva nettamente migliore. La Callitipia è probabilmente la tecnica che ha più varianti in essere e non è sempre facile destreggiarsi fra le varie formule o prodotti: se decidi di continuare eventualmente contattami che ti do qualche dritta.

La Callitipia non è una tecnica difficile ma se vuoi ottenere una sostanziale qualità di stampa un minimo di impegno - e costanza - lo richiede.

Francesco :-h :-h

Avatar utente
Matteo Virili
guru
Messaggi: 547
Iscritto il: 08/05/2014, 16:04
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da Matteo Virili »

Grazie @franz per la cortese e esaustiva risposta. Ti tengo aggiornato ;)

Avatar utente
franz
guru
Messaggi: 501
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da franz »

Matteo Virili ha scritto:
29/08/2022, 2:02
Grazie @franz per la cortese e esaustiva risposta. Ti tengo aggiornato ;)
Buon lavoro...se hai bisogno chiedi pure.

Avatar utente
bernardosalines
esperto
Messaggi: 237
Iscritto il: 28/03/2020, 23:51
Reputation:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da bernardosalines »

Ciao! Scusa il ritardo ma ero in vacanza.

Per quanto riguarda i LED UV io ho fatto una ricerca sulla lunghezza d'onda che più si confaceva alle esigenze di stampa tenendomi lontano dai raggi uv pericolosi per gli occhi e la pelle (sono comunque un po' fastidiosi per gli occhi, e, come vedi, il pressino che ho costruito copre completamente la fonte di luce, quindi ti consiglio di schermarlo). Il modello che ho preso di cui ti metto il link è quello con i led un pochino più grandini del normale, sono da 5 millimetri (vedo che il prezzo è aumentato discretamente).

https://www.amazon.it/BTF-LIGHTING-Ultr ... p_d_rp_1_i

Per il momento io ho fatto solo delle prove con la cianotipia, e devo dire che in 6/7 minuti raggiungo l'esposizione corretta. Non riscontro nessun effetto di puntinatura, come chiedevi nell'altro thread, l'esposizione è uniforme considerando i 5 centimetri di distanza dalla fonte di luce al torchietto.

Ho sospeso le ricerche negli ultimi tempi perché sono stato un po' impegnato. Le difficoltà più grandi le ho trovate nella realizzazione dei negativi digitali. Bisogna fare un lavoro di fino sulla messa a punto della gamma dinamica perché sulla cianotipia è molto ridotta. Ho rinviato lo studio a quando disporrò di una stampante, perché altrimenti fare avanti e indietro da una copisteria diventava improponibile.

Mi piacerebbe rimanere in contatto per condividere suggerimenti sui materiali e sui sistemi utilizzati, perché le informazioni online scarseggiano.

A presto!

Avatar utente
sesan
esperto
Messaggi: 197
Iscritto il: 09/04/2014, 9:02
Reputation:
Località: Firenze
Contatta:

Re: Mi faccio il bromografo! Consigli?

Messaggio da sesan »

Sull'ultimo numero di Classic Camera 115 c'è un articolo di Roberto Lavini, Lo Scanner come Densitometro, con sottotitolo:
"Una soluzione pratica per scegliere la carta più adatta per stampare un negativo, ma anche per calibrare i negativi digitali per la stampa a contatto con le antiche tecniche".

Forse potrebbe essere utile
Ciao

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi