Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
mark88
guru
Messaggi: 570
Iscritto il: 11/05/2021, 0:42
Reputation:
Contatta:

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da mark88 »

La PAN F originale sui bugiardini ilford degli anni anta... che ho trovato su internet da qualche parte riporta sensibilità 16 ASA, come quanto suggerisce Silverprint per quella attuale (12-16). Lascio ad altri le considerazioni



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
neckbone
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 29/03/2022, 0:20
Reputation:

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da neckbone »

Pierpaolo B ha scritto:
22/09/2022, 17:47
mark88 ha scritto:
22/09/2022, 17:36
Ilford ha un sito. Con i bugiardini in pdf di tutti i suoi prodotti. Lo trovi dentro una cosa chiamata Internet
SIMa lui cerca (penso) il bugiardino della vecchia PanF..... quella non plus.
Da qualche parte l'ho sicuramente.... il problema è trovare il tempo di cercarlo.
Comunque a me la PanF+ viene bene esposta a 25 in ID11/D76 1+3 per circa 10minuti (relativamente al contrasto).
PS: per l'1+3 ricordo che occorre fare un litro di brodo anche per un solo rullo.
Grazie Pierpaolo, dato che non ho alternative mi fiderei del tuo giudizio. Quindi sviluppo ignorando l'età del rullo?
In effetti l'ho esposto a 25 ASA dato che ha 30 anni, l'altro rullo in questo modo è venuto...

Domande più specifiche: su ID-11 leggevo in giro di usarlo puro, secondo te cos'è meglio in questo caso?
E riguardo al fissaggio (Rapid Fixer), che tempi/agitazioni uso? Le istruzioni dicono 2-5 minuti ma non capisco con quale criterio dovrei preferire più o meno tempo...

Insomma, in breve: saresti così gentile da dirmi come lo svilupperesti tu? L'alternativa per me è farlo un po' a istinto, e data la mia assente esperienza equivarrebbe quasi al farlo "a caso". :)

Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 7477
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da Pierpaolo B »

Dipende sempre da come lo stampi, che luce c'è ecc....
...comunque esposta a 25 a prescindere dall'età e a me piace in 1+3 dai 9 ai 14 minuti. Se lo vuoi stampare facilmente direi 10 se i contrasti erano normali.... se lo devi scansionare vedi tu.... va bene tutto.
Come dice Sandro è perfettamente inutile esporre e sviluppare in modo strano i rulli scaduti perchè non puoi sapere le condizioni del rullo e comunque con lo sviluppo non rimedi ai danni di un rullo scaduto quindi le regole che valgono per il fresco sono ottime anche per i rulli scaduti.
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 7477
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da Pierpaolo B »

mark88 ha scritto:
22/09/2022, 17:51
La PAN F originale sui bugiardini ilford degli anni anta... che ho trovato su internet da qualche parte riporta sensibilità 16 ASA, come quanto suggerisce Silverprint per quella attuale (12-16). Lascio ad altri le considerazioni
Dalle prove che feci a 12-16 sei un po' alto nel piede..... certo serve, appunto perchè la panf ha il piede lungo e a 12-16 ne vieni fuori ma se usi la panf il pastone in basso lo si mette in conto a prescindere dalla densità della zona 1
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
mark88
guru
Messaggi: 570
Iscritto il: 11/05/2021, 0:42
Reputation:
Contatta:

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da mark88 »

Pierpaolo B ha scritto:
22/09/2022, 19:14
mark88 ha scritto:
22/09/2022, 17:51
La PAN F originale sui bugiardini ilford degli anni anta... che ho trovato su internet da qualche parte riporta sensibilità 16 ASA, come quanto suggerisce Silverprint per quella attuale (12-16). Lascio ad altri le considerazioni
Dalle prove che feci a 12-16 sei un po' alto nel piede..... certo serve, appunto perchè la panf ha il piede lungo e a 12-16 ne vieni fuori ma se usi la panf il pastone in basso lo si mette in conto a prescindere dalla densità della zona 1
dici che rischi di trovarti troppo alto con le luci? dalle prove che avevo fatto (5-6 rullini con luce flash in studio) dopo i consigli di andrea mi ero trovato molto bene stampando.

Avatar utente
albireo
esperto
Messaggi: 112
Iscritto il: 27/12/2018, 20:11
Reputation:
Località: Regno Unito

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da albireo »

neckbone ha scritto:
22/09/2022, 18:44
Insomma, in breve: saresti così gentile da dirmi come lo svilupperesti tu?
Se scansioni, stai attentissimo al sovrasviluppo. La morte della scansione (se ti interessa scansionare bene). Taglia un 20% dalle indicazioni di bugiardino.

Se stampi in camera oscura fai un po' come ti pare, tanto tranne tu, la nonna e la mamma la stampetta finisce nel cassetto e non la vede piu nessuno :))

Avatar utente
neckbone
appassionato
Messaggi: 7
Iscritto il: 29/03/2022, 0:20
Reputation:

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da neckbone »

albireo ha scritto:
22/09/2022, 22:47
neckbone ha scritto:
22/09/2022, 18:44
Insomma, in breve: saresti così gentile da dirmi come lo svilupperesti tu?
Se scansioni, stai attentissimo al sovrasviluppo. La morte della scansione (se ti interessa scansionare bene). Taglia un 20% dalle indicazioni di bugiardino.

Se stampi in camera oscura fai un po' come ti pare, tanto tranne tu, la nonna e la mamma la stampetta finisce nel cassetto e non la vede piu nessuno :))
In effetti i piani sono altri, ci sono alcune persone che scattano in pellicola da anni e che non vogliono gestire una camera oscura, quindi aspettano che io faccia la fatica di attrezzarmi e imparare tutto per poi farsi sviluppare/stampare da me! Quindi dovrò imparare a farlo bene... ma tempo al tempo. Intanto mi preme riuscire a fare uno sviluppo decente, sarebbe un buon inizio!
Domattina la stanza sarà a circa 20 gradi e proverò il mio primo rullo. Stiamo a vedere! @-)

Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 7477
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da Pierpaolo B »

mark88 ha scritto:
22/09/2022, 22:24
dici che rischi di trovarti troppo alto con le luci? dalle prove che avevo fatto (5-6 rullini con luce flash in studio) dopo i consigli di andrea mi ero trovato molto bene stampando.
Quello che dice Andrea è indiscutibile a prescindere.
La mia osservazione era dettata dal fatto che i MIEI test mi davano con più di 25iso la zona 1 piuttosto densa e che a 25 veniva giusta.
Ma date le caratteristiche della panf se vuoi stampare facile e avere una separazione decente nelle ombre se stai ben abbondante risulta tutto più facile. Le luci dipendono da quanto le sviluppi, dal rivelatore e dal contrasto della scena. Nella panf è facile che schizzino via, per questo diluisco parecchio per tenerle frenate. Esporla talmente tanto da tappare le luci oltre la spalla perchè la panf la uso solo con cielo nuvoloso o comunque quando il contrasto è basso.
Col senno di poi e pensandoci ora potrebbe essere che il pastone nelle ombre possa dipendere dall’immagine latente debole…. Capita spesso di sviluppare rulli dopo 2-3 settimane mentre i rulli test li sviluppo a distanza di pochi minuti
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
mark88
guru
Messaggi: 570
Iscritto il: 11/05/2021, 0:42
Reputation:
Contatta:

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da mark88 »

Interessante la differenza di densità in zona 1 tra sviluppato subito e dopo qualche settimana.
Mi fai venire voglia di fare un test.

Trovi la diluizione ID11 1+3 più adatta alla panf?

Avatar utente
zone-seven
superstar
Messaggi: 2524
Iscritto il: 18/02/2012, 22:16
Reputation:
Località: italia

Re: Consigli su sviluppo Ilford PAN F scadutissimo!

Messaggio da zone-seven »

Pierpaolo B ha scritto:
23/09/2022, 0:10
..............
Col senno di poi e pensandoci ora potrebbe essere che il pastone nelle ombre possa dipendere dall’immagine latente debole…. Capita spesso di sviluppare rulli dopo 2-3 settimane mentre i rulli test li sviluppo a distanza di pochi minuti
............
Hai trovato che 2-3 settimane sono significative ?
Capisco che la PanF è particolare e che comunque i rulli andrebbero sviluppati tutti il prima possibile ma effettivamente l'ultima PanF che ho usato l'ho sviluppata appena uscita dalla macchina e "stranamente" era meglio di tante altre (seppur poche) che ho usato.

Però a distanza di 30 anni, seppur scattato e sviluppato oggi, tanti problemi non me li farei, quello che esce viene ed andrei anche di uno sviluppo un pochino energico o meglio, diciamo non troppo diluito.
-viviamo in un mondo dove il sapone per i piatti è fatto con vero succo di limone, la limonata con aromi artificiali.
-more light is better than less [04/2/2022]
Enzo

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi