Autoscatto + esposizione lunga

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

Avatar utente
andromeda
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 11/09/2011, 17:11
Reputation:

Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda andromeda » 24/08/2012, 11:34

Allora, ho in mente una foto da scattare ed ho bisogno di qualche consiglio.
Dovrebbe essere più o meno un primo piano su un viso in una stanza completamente al buio, con mezza faccia illuminata da una candela. Immagino che il tempo di esposizione richiesto sia piuttosto lungo, e non dispongo di un cavalletto o di un pulsante di scatto "col filo".
Per cui le mie domande sono:

1) La posa B funziona con l'autoscatto? Nel caso sfortunato in cui non trovassi qualcuno da impantanare nella facceda e dovessi scattarmela da solo. (Yashica FX3 2000 - ho già messo il rullino e non mi va di sprecare pose, perciò chiedo)
2) Sia il viso che la candela devono essere a fuoco, mettiamo che col 50mm uso f/4, che mi permette di avere abbastanza luce che entra e la necessaria e sufficiente profondità di campo. Ma come calcolo il tempo di esposizione, visto che andrebbe ben oltre quello che mi può consigliare l'esposimetro? (credo che mi leggerebbe sempre l'inquadratura come sottoesposta)
3) Per dare un minimo di "forma" alla fiamma è necessario un diaframma chiuso, o anche con un'apertura tipo l'f/4 ottengo una fiamma più o meno delineata e non semplicemente una macchia di "luce bruciata"?
4) Come cavalletto improvvisato avevo pensato di piazzare la macchina su una scrivania (magari sopra un paio di libroni stile pagine gialle) e di far sedere qualcuno davanti l'obiettivo. È una "buona soluzione"? Tanto il fondo della macchina è piatto.
5) Scattare a mano è fuori discussione perché anche solo tenendo premuto il pulsante di scatto dall'alto con un dito creerebbe effetto (micro?)mosso o si può fare?

Ok, lo so che la cosa migliore è provare e vedere che ne esce, ma un paio di domande non mi è costato nulla farle :) . Spero che vi costi altrettanto poco rispondermi e che le domande poste non siano troppo stupide!

Grazie per l'attenzione! :D



Advertisement
Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda porcospino99 » 24/08/2012, 11:44

Con autoscatto la bosa B non funziona, non so per quanto stia aperto l'otturatore ma direi al massimo per il tempo "massimo" consentito dalla scala dei tempi.
La tua macchina ha il sollevamento dello specchio anticipato? forse non serve ma visto che la macchina è solo appoggiata rischi un micromosso, magari non influisce però ci potrebbe essere.
Per quanto riguarda l'esposizione ed il tempo, se vuoi che sia illuminata solo una porzione di viso il tempo non dovrebbe molto lungo, così a naso io partirei con 1/8 con iso 200 ma magari dico una boiata.... inutile dire che in questi casi un esposimetro esterno aiuta molto. Comunque la candela fa più luce di quello che sembra.
Metti comunque in preventivo di fare più scatti.
Parliamo di BN vero? altrimeni a colori avresti dominati date dalla luce della candela che ha una temperatura colore diversa da quella del sole.



Avatar utente
andromeda
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 11/09/2011, 17:11
Reputation:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda andromeda » 24/08/2012, 12:09

Sì, bianco e nero, pellicola Efke 100 ASA. Il tempo massimo della macchinetta è 1 secondo, l'obiettivo è un 50/1.9.
Per quanto riguarda il sollevamento anticipato non lo so :P



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda Silverprint » 24/08/2012, 12:18

Non per "gufare", ma secondo me non riesce.
La luce della candela è pochissima, 100 asa sono pochi anch'essi.

Io ho fatto dei ritratti alla luce di due torce a fiamma (varranno una una ventina di candele?), 400 asa f:4.0, specchio alzato e vcavalletto. L'esposizione era sicuramente più d'un secondo. Per avere almeno uno scatto buono per ogni volto feci un rullo (10 pose in 6x7).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda porcospino99 » 24/08/2012, 12:49

mi figuravo il volto abbstanza vicino alla candela, con una fiamma decente (non lumino da cimitero per intenderci) e la necessità che solo una parte del volto fosse illuminata, però ripensandoci mi sa che ha ragione Andrea, 1/8 a 200 sono stato scarsiono.
A 100 asa la vedo molto difficile sono proprio pochini....

Però mi hai stuzzicato, lo scatto è interessante, quasi quasi mi bobino 10/15 scatti di hp5 e faccio un po' di prove....



Avatar utente
andromeda
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 11/09/2011, 17:11
Reputation:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda andromeda » 24/08/2012, 13:18

Mh, la fiamma sarebbe quanto più vicina possibile al volto, considerando un po' la necessità di illuminare mezza faccia (mi piacerebbe che l'altra metà rimanesse in ombra, o meglio ancora "quasi", giusto un accenno dell'altra metà del viso sarebbe l'ideale), e anche la volontà di far diventare la candela un elemento della composizione, diciamo parte del soggetto. Se voi doveste fare una foto del genere e foste costretti ad usare un rullino 100 ASA, ed aveste un 50mm 1.9, per quanto tempo esporreste? Oltretutto, la risposta a questa domanda mi sarebbe molto d'aiuto nel caso più generale, cioè come fare da sè i calcoli e le stime dei tempi quando l'esposimetro interno non è più d'aiuto.
Considererei (anche se non so proprio come fare) l'idea di "barare" un po', cioè di illuminare il mezzo volto anche con qualcos'altro (che ovviamente non si noti nell'inquadratura): consigli?

Grazie per le risposte e le opinioni datemi!

P.S.: Di sicuro si tratta di una riflessione errata, ma se a 400 ASA lo scatto è riuscito mettiamo con esposizione di T secondi, un'esposizione a 100 ASA di 4T secondi non dovrebbe riuscire ugualmente? E non ci si potrebbe aspettare un risultato più dettagliato per via della grana più fine? Dubbi da neofita! :D



Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda porcospino99 » 24/08/2012, 14:58

http://expomat.tripod.com/

di questo ne ho sempre una copia nella borsa, se mi lascia a piedi l'esposimetro esterno e sempre meglio che nulla.... soprattutto con la zenzabronica che non ha l'esposimetro.

Il ragionamento teorico che fai è giusto: se toglie due stop di ISO li devi "aggiugere" da qualche altra parte: tempo/diaframma, poi potrai avere un risultato non uguale (ad esempio la profodità di campo, grana...)



Avatar utente
RagazzoElfo
fotografo
Messaggi: 79
Iscritto il: 16/01/2012, 22:27
Reputation:
Località: Vinci (FI)

Re: Autoscatto + esposizione lunga

Messaggioda RagazzoElfo » 24/08/2012, 15:13

Così per curiosità ho fatto una prova di lettura con l'esposimetro nella situazione da te descritta, facendo però entrare un po' di luce nella stanza per avere un minimo di illuminaizione laterale aggiuntiva. La lettura su cartoncino grigio è indicativamente di EV4-5 a 100ISO. Questo vuol dire circa 2" a f5.6 (secondo me f4 è poco...la FX3 non ha il pulsante di prova della profondità di campo, sicuro che sia sufficiente? già se è a 15-20cm dal volto mi sa che rischi di averla fuori fuoco...poi dipende dall'effetto che vuoi...)
Sicuramente dovresti fare diverse esposizioni a tempi diversi (magari 1" 2" 4" 8" a f5.6) applicando però anche la correzione per il difetto di non reciprocità della pellicola.
Comunque la situzione mi pare estremamente critica...e senza una luce aggiuntiva quasi sicuramente non ottieni un risultato decente...considera anche che la fiamma della candela probabilmente non starà molto ferma...con risultati difficilmente prevedibili, mi sa...
La FX3 non permette di sollevare lo specchio, puoi minimizzare il problema delle vibrazioni appoggiandola su di un cuscino o un panno ripiegato, insomma qualcosa di morbido che assorba la vibrazione
Il cavetto di scatto è assolutamente necessario. Non puoi farne a meno per scattare a tempi superiori al secondo (il limite della FX3)
In ogni caso ti sei scelto una situzione bella incasinata. Per il mio modesto parere ti conviene assai scattare con più luce (oltre alla candela che rientra nella composizione) e poi giocartela sull'elaborazione del negativo e della stampa (se la fai da solo). Senza comunque aspettarti grandi risultati.
Come fonte di luce ti servirebbe una lampada discretamente potente da direzionare nel modo giusto in modo da creare l'effetto d'ombre che desideri. (Ricorda però che ciò che vedi con i tuoi occhi non è assolutamente ciò che vede la pellicola, probabilente dettagli in ombra che tu distingui non saranno assolutamente registrati. In più c'è da considerare la sensibilità spettrale della pellicola, che è diversa dalla nostra. E usando una luce molto calda come quella di una candela potresti avere risultati ancor più difficili da prevedere, le pellicole sono meno sensibili al rosso del nostro occhio)
Non dimenticare la regola d'oro di esporre per le ombre e sviluppare per le luci. In ripresa meglio esagerare in eccesso con l'esposizione piuttosto che in difetto (sebbene in situazioni del genere ciò ti renda la vita ancora più difficile...)
Questi i miei modestissimi pareri...non ho assolutamente la certezza di stare dandoti i consigli migliori...comunque spero di esser stato chiaro e di non averti scoraggiato troppo...
In ogni caso buona fortuna e ricorda che (soprattutto) in fotografia bisogna sbagliare un bel po' per imparare :p


~Sandro~



  • Advertisement

Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite