Come tenere i rullini ... dopo lo scatto?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Settantasette
appassionato
Messaggi: 18
Iscritto il: 21/08/2012, 14:51
Reputation:
Località: Roma
Contatta:

Come tenere i rullini ... dopo lo scatto?

Messaggioda Settantasette » 05/09/2012, 18:42

Buona sera, in molti indicano come e dove mettere i rullini, prima dello scatto, ma mi domandavo se c'era un modo per mantenerli nella migliore condizione possibile dopo lo scatto. Questa domanda nasce dal notare spesso, o più praticamente sempre, la scritta "sviluppare il prima possibile" sui rullini.

Grazie delle dritte.

Ovviamente se la risposta fosse "diversa" tra b/n e colore mi riprometto di aprire un topic pure "dillà" :)



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9269
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Come tenere i rullini ... dopo lo scatto?

Messaggioda chromemax » 05/09/2012, 19:11

Da studi della Kodak l'immagine latente comincia a mostrare modificazioni visibili, una volta sviluppata, dopo 72 ore, se consevate in frigorifero. Questo per le pellicole colore della serie "professionale", che adesso non esistono più. Inoltre questo studio, vecchiotto di una trentina d'anni, vale (valeva?) per Kodak e per i suoi standard produttivi, non so se le fabbriche che adesso producono la maggior offerta in BN hanno standard inferiori.
Per un'ottimale conservazione vale sempre il consiglio di congelare le pellicole alla temperatura più bassa possibile, sia prima che dopo lo scatto, non dopo lo sviluppo :)
Personalmente ti posso dire che per il BN ho sviluppato due pellicole identiche dello stesso identico scatto (lastre) a distanza di 6 mesi l'una dall'altra e non ho notato differenze visibili. Per il colore non so.



utente04

Re: Come tenere i rullini ... dopo lo scatto?

Messaggioda utente04 » 05/09/2012, 20:01

Non ho mai surgelato (nel vero senso della parola) la pellicola nè prima nè dopo l'esposizione,ma in entrambi i casi la conservo in frigorifero
Una volta mi capitava rarissimamente di iniziare una rullino e non finirlo , invece da qualche anno a questa parte è praticamenta la regola, per cui riavvolgo il rullino mezzo esposto lo conservo in frigo e poi lo rimetto in macchina e lo finisco spessissimo a distanza di settimane, raramente di un paio mesi, ebbene tra la parte di pellicola esposta per prima e quella per ultima ,non ho mai notato differenze apprezzabili, nè con pellicola colore nè in B/N.
Si tratta però di un cosa che faccio da pochi anni a questa parte, quindi mi riferisco ad emulsioni moderne.



Avatar utente
davdesmo
esperto
Messaggi: 215
Iscritto il: 22/04/2012, 23:27
Reputation:
Località: Giusto di fronte ad un vulcano apparentemente tranquillo...

Re: Come tenere i rullini ... dopo lo scatto?

Messaggioda davdesmo » 05/09/2012, 22:33

Parlando di DIA Kodak Ektachrome, che sviluppo quando ne ho ammucchiate almeno una decina e quindi anche a distanza di mesi dallo scatto, io le tengo in frigo, chiuse in un sacchetto di nylon per evitare fenomeni di condensa nell'apri-chiudi della porta, senza congelarle.

Tra le prime e le ultime non ho mai notato eccessive differenze cromatiche, mentre ne ho notate di spaventose tra un lab e l'altro (specie negli ultimi tempi quando trovare un lab per le dia è quasi come fare sei al superanolotto :wall: ).

Poi è probabile che qualche differenza ci sia, sia chiaro, ma si parla di un 10% quando la differenza nello sviluppo è il 3000%, giusto per dare un'ordine di grandezza...

Ovviamente la mia esperienza vale solo per l'Ektachrome 100, niente di più facile che altre pellicole si comportino diversamente...



Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite