Catechol di Moersh

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
valgian
guru
Messaggi: 583
Iscritto il: 23/06/2010, 8:50
Reputation:
Località: Lucca

Catechol di Moersh

Messaggio da valgian »

Buongiorno a tutti, leggo sul sito di Wolfgang Moersh che hanno in catalogo lo sviluppo per carte Catechol da usarsi come doppio sviluppo con diluizione da 1+5 a 1+9, e dovrebbe servire per ottenere neri più profondi. Se non ho capito male dovrebbe essere usato come primo sviluppo fino a che compaiono le prime zone scure sulla stampa dopodiché la stampa dovrebbe essere passata nello sviluppo che usiamo correntemente fino a completamento. Nel Catechol che è uno sviluppo lento la stampa dovrebbe rimanere circa una cinquantina di secondi. La mia domanda è: qualcuno lo conosce l'ha usato? Impressioni? È possibile conoscere la formula per produrlo in proprio senza acquistarlo in Germania? Grazie


Valentino Giannini, alias valgian
Luci e ombre d'argento
La grande foto è l’immagine di un’idea.
Imparare sempre
=V=

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
Pierpaolo B
superstar
Messaggi: 9082
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Catechol di Moersh

Messaggio da Pierpaolo B »

Mai provato.
….ho sempre trovato ottimi i prodotti di moersh e penso valga la pena provare però…..
Per avere neri "più profondi" le ho provate più o meno tutte negli anni con magre soddisfazioni…. direi che solo l’amidolo può qualcosa se questo ce la fa senza far uscire colori strani può essere interessante.
Se provi non provare con una sola carta….. provane diverse calde comprese.
Mi chiamo Pierpaolo.
Uso fotocamere a molla con sensore intercambiabile di dimensioni minime 6x6 cm.

Clicca qui! .....e qui, ...e anche qui!

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 12166
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Catechol di Moersh

Messaggio da chromemax »

Lo uso abbastanza spesso quando stampo "sul serio" e in alcuni casi l'ho trovato insostituibile.
Il Catchol SE20 è uno sviluppo del tipo "terminator", lento ma inesorabile. Non può essere usato come unico sviluppo, a meno di non usarlo per un "famolo strano" usando la tecnica di sviluppo simile alla lith (sovraesposizione+sottosviluppo) ma con risultati molto molto morbidi, perché genera velo, anche con carta nuova, prima che i neri arrivino a compimento.
Giusto per chiarire non aumenta i neri. Quella dei neri più neri che non si può è una chimera che tutti gli stampatori prima o poi ricercano e alla fine è solo deleteria e porta a brutte stampe, però il Catechol aiuta la separazione tonale sui toni scurissimi. A riguardo però mi preme sottolineare un assunto generale che vale sempre quando si parla di stampa; rimanendo in un ambito di stampa tradizionale, le variazioni e le differenze tra i prodotti chimici sono sempre a livello di sfumature o poco più, e questo vale anche per i neri del Catechol.
Mi è utile in stampa soprattutto perché a me piace regolare di fino il contrasto con la stampa nella bacinella di sviluppo; il Catechol aiuta nelle frazioni di contrasto tra due gradazioni, dato che in stampa vale la regola "esponi per le luci e regola il contrasto per le ombre". Un prodotto chimico che mi permette di regolare a vista quanto spingere sui neri mi piace e mi aiuta (le luci me le regolo con post-velature localizzate, sempre in bacinella).
Poi buona parte del risultato dipende anche dal secondo rivelatore col quale si lavora, dato che sarà proprio quast'ultimo a definire maggiormente il tono e la resa finale.
Risultati analoghi, anche se non identici, a livello di gradazione fine di contrasto, si ottengono molto più facilmente con piccole variazioni di filtratura, se si stampa con testa colore, oppure dividendo il tempo di esposizione tra due filtri di contrasto adiacenti, ma a me piace complicarmi la vita.

Che io sappia non è conosciuta la formula quindi non è possibile replicarselo in casa. Se si vogliono provare rivelatori self-made per carta a base di pirogallolo e/o catecolo, si può provare il PPPD, oppure leggo che è stato usato con buoni risultati anche il 510 pyro. Il PPPD l'ho provato, costa un botto farselo (usa tre agenti rivelatori, catecolo, pyro e fenidone, tutti e tre piuttosto costosi) e i risultati non sono migliori di quelli ottenuti con sviluppi per carta più "normali" e imho non vale assolutamente la pena.
Nonostante mi diverta a pacioccare con la chimicazza in camera oscura, a mio modesto parere gli sviluppi per carta alla fine si somigliano un po' tutti, le differenze sono, appunto, a livello di sfumature, ma nonostante questo i miei preferiti, ma spesso i miei giudizi sono più di "pancia" e non saprei spiegarene il perché logico-razionale-oggettivo in base i risultati ottenuti, sono l'A130, il Bromophen e il Bromorapid, quest'ultimo incredibile sulle carte vecchie... e quando serve ma soprattutto quando sono in vena, uniti al Catechol.

Avatar utente
valgian
guru
Messaggi: 583
Iscritto il: 23/06/2010, 8:50
Reputation:
Località: Lucca

Re: Catechol di Moersh

Messaggio da valgian »

Pierpaolo B ha scritto:
08/06/2024, 14:10
Mai provato.
….ho sempre trovato ottimi i prodotti di moersh e penso valga la pena provare però…..
Per avere neri "più profondi" le ho provate più o meno tutte negli anni con magre soddisfazioni…. direi che solo l’amidolo può qualcosa se questo ce la fa senza far uscire colori strani può essere interessante.
Se provi non provare con una sola carta….. provane diverse calde comprese.
Paolo, grazie dei suggerimenti
Valentino Giannini, alias valgian
Luci e ombre d'argento
La grande foto è l’immagine di un’idea.
Imparare sempre
=V=

Avatar utente
valgian
guru
Messaggi: 583
Iscritto il: 23/06/2010, 8:50
Reputation:
Località: Lucca

Re: Catechol di Moersh

Messaggio da valgian »

chromemax ha scritto:
08/06/2024, 17:01
Lo uso abbastanza spesso quando stampo "sul serio" e in alcuni casi l'ho trovato insostituibile.
Il Catchol SE20 è uno sviluppo del tipo "terminator", lento ma inesorabile. Non può essere usato come unico sviluppo, a meno di non usarlo per un "famolo strano" usando la tecnica di sviluppo simile alla lith (sovraesposizione+sottosviluppo) ma con risultati molto molto morbidi, perché genera velo, anche con carta nuova, prima che i neri arrivino a compimento.
Giusto per chiarire non aumenta i neri. Quella dei neri più neri che non si può è una chimera che tutti gli stampatori prima o poi ricercano e alla fine è solo deleteria e porta a brutte stampe, però il Catechol aiuta la separazione tonale sui toni scurissimi. A riguardo però mi preme sottolineare un assunto generale che vale sempre quando si parla di stampa; rimanendo in un ambito di stampa tradizionale, le variazioni e le differenze tra i prodotti chimici sono sempre a livello di sfumature o poco più, e questo vale anche per i neri del Catechol.
Mi è utile in stampa soprattutto perché a me piace regolare di fino il contrasto con la stampa nella bacinella di sviluppo; il Catechol aiuta nelle frazioni di contrasto tra due gradazioni, dato che in stampa vale la regola "esponi per le luci e regola il contrasto per le ombre". Un prodotto chimico che mi permette di regolare a vista quanto spingere sui neri mi piace e mi aiuta (le luci me le regolo con post-velature localizzate, sempre in bacinella).
Poi buona parte del risultato dipende anche dal secondo rivelatore col quale si lavora, dato che sarà proprio quast'ultimo a definire maggiormente il tono e la resa finale.
Risultati analoghi, anche se non identici, a livello di gradazione fine di contrasto, si ottengono molto più facilmente con piccole variazioni di filtratura, se si stampa con testa colore, oppure dividendo il tempo di esposizione tra due filtri di contrasto adiacenti, ma a me piace complicarmi la vita.

Che io sappia non è conosciuta la formula quindi non è possibile replicarselo in casa. Se si vogliono provare rivelatori self-made per carta a base di pirogallolo e/o catecolo, si può provare il PPPD, oppure leggo che è stato usato con buoni risultati anche il 510 pyro. Il PPPD l'ho provato, costa un botto farselo (usa tre agenti rivelatori, catecolo, pyro e fenidone, tutti e tre piuttosto costosi) e i risultati non sono migliori di quelli ottenuti con sviluppi per carta più "normali" e imho non vale assolutamente la pena.
Nonostante mi diverta a pacioccare con la chimicazza in camera oscura, a mio modesto parere gli sviluppi per carta alla fine si somigliano un po' tutti, le differenze sono, appunto, a livello di sfumature, ma nonostante questo i miei preferiti, ma spesso i miei giudizi sono più di "pancia" e non saprei spiegarene il perché logico-razionale-oggettivo in base i risultati ottenuti, sono l'A130, il Bromophen e il Bromorapid, quest'ultimo incredibile sulle carte vecchie... e quando serve ma soprattutto quando sono in vena, uniti al Catechol.
Grazie Chromemax per il contributo ma soprattutto per gli imput, ci farò sicuramente una giro
Valentino Giannini, alias valgian
Luci e ombre d'argento
La grande foto è l’immagine di un’idea.
Imparare sempre
=V=

Avatar utente
zone-seven
superstar
Messaggi: 4345
Iscritto il: 18/02/2012, 22:16
Reputation:
Località: italia

Re: Catechol di Moersh

Messaggio da zone-seven »

chromemax ha scritto:
08/06/2024, 17:01
, oppure leggo che è stato usato con buoni risultati anche il 510 pyro.
Può essere che abbiamo letto la stessa cosa o simile; tra i primi test che capitano all'occhio c'è quello di Jay e ... e diventa curiosa una prova sulla Fomatone 13x
-viviamo in un mondo dove il sapone per i piatti è fatto con vero succo di limone, la limonata con aromi artificiali.

-more light is better than less [04/2/2022]

-Non c'è niente di più colorato del bianco e nero

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi