PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Tecnico73 » 09/09/2012, 16:14

Salve ragazzi

da un po di tempo sto notando una differenza di sviluppo tra 2 rulli l'interno della sviluppatrice, per capirci, il rullo inferiore mi viene sempre + sviluppata rispetto al rullo superiore

sono io che sbaglio qualcosa??
è normale??
serve un'altra tecnica di ribaltamento??


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Silverprint » 09/09/2012, 16:43

No, non è normale.
Ma ne sei proprio sicuro?

Ci dici che tank è (per 2, 3, 4 spirali, etc) e quanto chimico ci metti?
Descriveresti la tecnica di agitazione?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda franny71 » 09/09/2012, 19:19

Silverprint ha scritto:No, non è normale.
Ma ne sei proprio sicuro?

Ci dici che tank è (per 2, 3, 4 spirali, etc) e quanto chimico ci metti?
Descriveresti la tecnica di agitazione?

anche per me non è normale...
io mai avuto problemi


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Attilio Canella
guru
Messaggi: 589
Iscritto il: 02/03/2012, 23:16
Reputation:
Località: Milano

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Attilio Canella » 09/09/2012, 22:12

per me non ci metti i CC. necessari e quando agiti e ""RIBALTI"" VAI SOLO AD INUMIDIRE IL FILM SUPERIORE non lo immergi completamente dallo sviluppo . cosi rimane come sottosviluppato.... se usi 300cc con una spirale con la spirale superiore ne devi usare 600cc poi quando agiti devi dare dei colpetti "sbattere""alla tank sul piano d'appoggio cosi facendo si eliminano eventuali bolle d'aria che si formano sulla superfice del film



Advertisement
Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Tecnico73 » 10/09/2012, 8:26

la tank è quella paterson universale a 2 spirali, ogni spirale richiede 300ml di sviluppo, con 2 rulli ci vogliono 600ml, ovviamente parlo del 35mm, per quanto riguarda i ribaltamenti, io adotto per tutti rulli lo stesso sistema, 10 ribaltamenti ogni minuto, sia che adopero id-11, rodinal, xtol, ecc...,


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Silverprint » 10/09/2012, 9:55

A questo punto non saprei...
Mi rimane anche il dubbio che possa essere solo un'impressione dovuta alla casualità (ripetuta) di avere un rullo scattato in una situazione di contrasto più basso posizionato superiormente...

10 ribaltamenti a minuto sarebbero anche tantini.

Avevo due ipotesi.
1) Troppo chimico che potrebbe dare agitazione diversa perché la spirale in alto rimane sempre a mollo mentre quella di sotto viene coperta e scoperta... ipotesi un po' strana, perché le differenze dovrebbero essere comunque modeste, se visibili.
2) Troppo poco chimico.

Vista l'agitazione più dell'ordinario forse il punto 1 potrebbe avere senso, però. Mi suona strano, ma... boh.


Altre raccomandazioni (se aiutino non so):

- Riempire la tank alla massima velocità possibile ed iniziare subito l'agitazione iniziale (30"). Se la tank venissse riempita lentamente ed il tempo di sviluppo fosse molto breve, la spirale superiore verrrebbe sviluppata un poco di meno...

- Ritmo dell'agitazione: allo scattare del minuto fare le altre agitazioni. Fare 4-6 capovolgimenti ogni minuto o 2-3 ogni 30". Per tempi brevi (4-6'), può a volte essere meglio agitare ogni 30".

- Modalità dell'agitazione: evitare di fare sempre un unico movimento ripetuto... ovverro ruotare un poco la tank ad ogni capovolgimento. Fare i capovolgimenti con dolcezza, in modo da coprire e scoprire col chimico anche il rullo superiore.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: PATERSON SVILUPPATRICE CON 2 SPIRALI

Messaggioda Tecnico73 » 11/09/2012, 10:14

Silverprint ha scritto:A questo punto non saprei...
Mi rimane anche il dubbio che possa essere solo un'impressione dovuta alla casualità (ripetuta) di avere un rullo scattato in una situazione di contrasto più basso posizionato superiormente...

10 ribaltamenti a minuto sarebbero anche tantini.

Avevo due ipotesi.
1) Troppo chimico che potrebbe dare agitazione diversa perché la spirale in alto rimane sempre a mollo mentre quella di sotto viene coperta e scoperta... ipotesi un po' strana, perché le differenze dovrebbero essere comunque modeste, se visibili.
2) Troppo poco chimico.

Vista l'agitazione più dell'ordinario forse il punto 1 potrebbe avere senso, però. Mi suona strano, ma... boh.


Altre raccomandazioni (se aiutino non so):

- Riempire la tank alla massima velocità possibile ed iniziare subito l'agitazione iniziale (30"). Se la tank venisse riempita lentamente ed il tempo di sviluppo fosse molto breve, la spirale superiore verrebbe sviluppata un poco di meno...

- Ritmo dell'agitazione: allo scattare del minuto fare le altre agitazioni. Fare 4-6 capovolgimenti ogni minuto o 2-3 ogni 30". Per tempi brevi (4-6'), può a volte essere meglio agitare ogni 30".

- Modalità dell'agitazione: evitare di fare sempre un unico movimento ripetuto... ovverro ruotare un poco la tank ad ogni capovolgimento. Fare i capovolgimenti con dolcezza, in modo da coprire e scoprire col chimico anche il rullo superiore.




Grazie per la spiegazione


come detto prima il quantitativo di sviluppo è quello richiesto dalla tank, probabilmente l'errore si annida nei ribaltamenti
devo provare con 4 o 5 ribaltamenti per minuto e vedere i risultati, dopo vi aggiorno sul risultato


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti