tutorial stampa

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
stormy
guru
Messaggi: 617
Iscritto il: 31/01/2010, 11:52
Reputation:

Re: tutorial stampa

Messaggioda stormy » 27/10/2012, 10:55

impressionando ha scritto:Per me la scansione del negativo è forviante. Non sono mai riuscito ad ottenere con la stampa ciò che lo scanner mi faceva vedere. E' come voler scrivere con bella calligrafia con un evidenziatore. Sono due mondi diversi non assimilabili. Io dopo i provini faccio la stampa di lavoro e su questa lavoro... ci scrivo, appunto ecc.


Se leggi bene, non ho parlato di ottenere in stampa le scansioni a video, ovviamente sono 2 cose diverse, e difficili da ottenere, io intendevo dire che può essere utile usare la scanzione a video semplicemente per individuare la zona nella quale collocare la striscia del provino a scalare, dopodichè si può anche spegnere il pc.


Non c'è strada che porti alla pace che non sia la pace, l'intelligenza e la Verità. (M. K. Gandhi)
Per me nessun colore avrà mai tinte piu forti del bianco e nero (Alex Del Piero)
flickr
Immagine

Advertisement
Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: tutorial stampa

Messaggioda franny71 » 27/10/2012, 10:58

Paolo, potresti spiegare meglio il tuo ultimo intervento?
nello specifico quello che riguarda la scansione.
EDIT
letto meglio l'intervento di stormy...
io non uso pc per la pellicola, vado in camera oscura e faccio tutto lì


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4640
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: tutorial stampa

Messaggioda impressionando » 27/10/2012, 12:15

Avevo inteso bene.... fuggo la scansione come riferimento. Preferisco usare il lentino sul provino a contatto o farmi una stampaccia su politenata.
Da una stampa vera si cominciano a valutare pure le masse e l'impatto emotivo.
La tecnica è facile da imparare ma imparata questa non è detto che si riesca a fare buone stampe. Penso di padroneggiare bene la tecnica ma le mie immagini ben stampate non è detto che siano pure belle.



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: tutorial stampa

Messaggioda franny71 » 27/10/2012, 13:16

impressionando ha scritto:Avevo inteso bene.... fuggo la scansione come riferimento. Preferisco usare il lentino sul provino a contatto o farmi una stampaccia su politenata.
Da una stampa vera si cominciano a valutare pure le masse e l'impatto emotivo.
La tecnica è facile da imparare ma imparata questa non è detto che si riesca a fare buone stampe. Penso di padroneggiare bene la tecnica ma le mie immagini ben stampate non è detto che siano pure belle.

faccio anche io così, uso cartaccia, anche scaduta per valutare meglio che da negativo, poi se lo scatto non è sfocato, o mal composto, provo su carta buona.
ho ancora un pò di Brovira grado 3 RC, i bianchi non me li da manco morto, ma mi faccio almeno un'idea... :ymblushing:


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Advertisement
Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1135
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: tutorial stampa

Messaggioda DanieleLucarelli » 29/10/2012, 8:11

1.0 Provino a scalare per individuare, a spanne, esposizione e contrasto su una striscia posizionata nella zona compositivamente più importante. Non vedo la necessità di far fuori un foglio intero per il provino a scalare.
Anche usando un foglio intero non avrò mai lo scalino giusto nel posto giusto quindi tanto vale usare la striscietta (chissà se mi sono spiegato... magari, più tardi, quando sono più sveglio, ci riprovo). i-)
1.1 Provino a scalare con 3 scalini stretti sempre nella zona importante (se il tempo individuato sopra è 40"f:16 faccio 38"-40"-42") per rifinitura dell'esposizione.
1.2 Provone di lavoro col tempo/contrasto individuato (FONDAMENTALE B-) avere dietro l'orecchio lapis corto 2b con il quale scrivere sul retro del provone, prima di metterlo nelle bacinelle, Carta/Sviluppo/Contrasto/Esposizione). Solitamente, sul provone, faccio già la vignettatura riservata alla stampa finale (metà tempo di esposizione pompando da tutto coperto a metà stampa coperta).
1.3 La mia sessione di stampa, per quella foto, finisce qui. Porto il provone e il provino stretto in casa (dalla CO/Garage) e la lascio asciugare 2-3 giorni in attesa che il dry-down vanifichi i miei sforzi di trovare l'esposizione giusta.

2.0/3.0 Secondo me con esposizione e contrasto giusti si sono trovati sia i bianchi che i neri. Da qui inizia l'interpretazione :-? e, la tecnica permette di avere strumenti per piegare la stampa a quello che abbiamo in testa. Se, però, in testa, non abbiamo niente o abbiamo idee sbagliate, con una buona tecnica riusciremo sicuramente a fare una schifezza. ~x(

4.0 Mascherature e bruciature, non uso quasi mai le mani ma ho un set di palette di varie dimensioni per le maschere. Parimenti una serie di cartoni bucati per le bruciature. Spesso, se non voglio specare carta ma tempo, eseguo l'intervento su un ritaglio di carta posizionato sulla zona da modificare, quindi dopo il consueto sviluppo/lavaggio/asciugatura appoggio il ritaglio sulla stampa di lavoro e vedo se va bene o no. Una volta decisi tutti gli interventi in prova è il momento di passare alla stampa finale (e, di solito, in questa fase si: butta il primo foglio intero perché non si è chiuso il diaframma dopo la messa a fuoco; si butta il secondo foglio perché esposto sul dietro; si butta il terzo foglio perché nella foga della mascheratura si è colpito la colonna dell'ingranditore; ecc. ecc. vanificando tutti gli sforzi di risparmio fatti di ritagli, striscioline, francobolli, ecc. ecc.). Banalmente ricordo che: più lo strumento è vicino al foglio e più i bordi saranno netti, più il diaframma è chiuso e più i bordi saranno netti.

5.0 Valutazione dei toni sulla stampa, come procedere? Un buon metodo è quello di andare a Modena e accostare le proprie stampe a quelle di Weston oppure comprarsi una stampa originale di uno stampatore di comprovata abilità e fare confronti con quella. (se volete... io... a prezzi onesti... ho in vendita... alcune stampe... con un elenco di nomi tra i quali scegliere).

6.0 passo, anch'io, solo poco selenio e poche volte.

7.0 Prima fase: spuntinatura... un modesto cotributo al forum (la colonna sonora imposta dal figlio di 4 anni con fissa per Cars): http://www.farefoto.net/appo4u/Spuntinare.ogg
7.1 I capolavori si mettono dentro un pass a libro tenute con angolini adesivi tutto rigorosamente acid-free (perché i musei internazionali questo vogliono niente di meno), le mie le tengo dentro scatole acdid-free.

8.0 presentazione, quali le procedure da utilizzare? Per le presentazioni c'è l'apposita sezione del forum... già che ci sei, dai una lettura anche al regolamento.

Dopo questa ultima penso che ne abbiate avuto abbastanza di me, in attesa del ban, vi lascio a meditare sui primi 8 punti.


Daniele



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: tutorial stampa

Messaggioda franny71 » 29/10/2012, 22:40

Daniele, grazie per aver condiviso le tue esperienze... ;)
buone le prime 7, poi ti sei sputt... aehm stancato di scrivere sull'ultima. :D
lo spirito è quello giusto, non deve essere un trattato scientifico, ma solo un posto dove inserire il nostro modus operandi, che magari non è quello giusto, ma potrebbe esser di spunto per il miglioramento di quelle capre da CO (me).


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал



  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti